400 nuove auto blu! Ma con quale coraggio?!

Lo ammetto, il “tasto” delle auto blu lo premo spesso. È un po’ una fissazione personale, forse a volte paranoica e esagerata – io darei 5 auto blu alle cinque più alte cariche dello stato e basta (scorte ESCLUSE). Anni fa, dalle pagine di questo blog, parlammo dei 4 miliardi di mantenimento che erano risultati da una ricerca che l’ex miniMinistro Brunetta aveva fatto compiere alla Formez; e aggiungemmo anche un altro tassello, con le 19 maserati ordinate da La Russa per i vari Generali, che, secondo l’Ignazio nazionale costavano MENO delle Audi.

Oggi la situazione politica è cambiata. Al governo non c’è più Berlusconi e la sua combriccola, ma c’è il governo tecnico dei professoroni. Uno schieramento politico (non credete a chi dice che sono solo tecnici, perché sono sostenuti dai partiti) che si è voluto contraddistinguere sin da subito col marchio di “rigore e sobrietà. Ecco perché non è possibile stare zitti di fronte al nuovo scandalo di cui parliamo oggi.

Il 24 gennaio, il Ministero dell’Economia, che fino a prova contraria è diretto ad interim da Mario Monti (mega professore galattico e uomo Goldman Sachs, ma non ditelo a nessuno perchè se no siete complottisti!) in tandem con Vittorio Grilli, nel ruolo di Viceministro, ha pubblicato un bando per l’acquisto di ben 400 nuove auto blu preventivando una spesa che sfiora i 10 milioni di euro. Il tutto, ovviamente, è passato in sordina. Tanto è vero che il bando è scaduto lo scorso 8 marzo e quindi le buste dei partecipanti sono già state aperte (onestamente, fra l’altro, mi piacerebbe fossero rese pubbliche TUTTE le proposte), ma il risultato è ancora sconosciuto. La notizia, per onor del vero, giunge da Il Giornale di Sallusti e dal settimanale l’Espresso.

All’interrogazione parlamentare presentata dall’IDV, è stato risposto semplicemente leggendo il bando, e non dando spiegazioni a livello di utilità di questo sfacelo di auto. Ma, siccome siamo in Italia, c’è qualcosa di più scandaloso. Infatti, non solo il parco macchine conta in totale già più di 60 mila vetture, ma secondo Formez ce ne sono ben 800 inutilizzate e lasciate parcheggiate da qualche parte. Tutto per un costo di 2 miliardi l’anno, perchè infatti ci sono state più manovre che hanno dimezzato il numero delle auto e i suoi cost rispetto ai 4 miliardi di cui abbiamo parlato.

Ma per tranquillizzare i contribuenti, che in questi giorni vedono salire il prezzo di tutto ciò che gli sta attorno – attendiamo la tassa sull’ingresso a casa propria a questo punto – qualcuno ha provato a dire che, si è vero che ci sarà l’acquisto, ma sono tutte auto che non toccano i 1600 di cilindrata. Non vi sentite meglio, con questa rassicurazione?

Non solo alzano tutte le tasse possibili, ne inventano di nuove, non si abbassano gli stipendi, non eliminano i finanziamenti ai partiti, non cambiano la legge elettorale, non dimezzano il numero dei parlamentari, non eliminano il vitalizio (lo hanno dimezzato, non lo hanno tolto!!!), si comprano 4 milioni di euro di agendine per scriverci il numero delle troie, tolgono il fondo per il sostegno dei disabili rimasti senza familiari e si comprano 400 nuove auto. Hanno pure il coraggio di prenderci per il culo! Sarò pure un qualunquista, ma mi sono veramente rotto i coglioni!

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 16:00
Comunicato di Palazzo Chigi: Il Governo non acquisterà nuove “auto blu” nel 2012 e auspica, per le amministrazioni territoriali, l’adozione di un’analoga impostazione. Il bando di gara della Consip non determina automaticamente l’acquisto di nuove autovetture.

GIAMPAOLO ROSSI

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed


About

Residente a Belluno, studia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna alla facoltà di Lettere, con indirizzo storico, per poi specializzarsi in giornalismo.
giampross@katamail.com


'400 nuove auto blu! Ma con quale coraggio?!' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares