Aldo Brancher Ministro: ecco chi è.

Quando si dice “meritocrazia”. Attorno alle ore 13.15, un nuovo ministro, Aldo Brancher, con l’incarico di “Ministro per l’attuazione del federalismo”, ha giurato sulla Costituzione dopo la firma lesta del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Come prima considerazione, dobbiamo capire realmente quale sia l’utilità di questo incarico in quanto, come lo stesso Davide Zoggia, responsabile Enti locali del Pd, dice, non si capisce “per quale motivo, esistendo un ministero per i Rapporti con le regioni, sia stato nominato un ministro per il Federalismo”. Ma, come è ormai chiaro a tutti, non è poi questo ciò di cui ci si deve preoccupare di più, anzi. C’è un piccolo particolare, che riguarda il passato del nuovo Ministro, che forse non è giunto, o è giunto e non ha toccato minimamente Napolitano. Il dottor Aldo Brancher è stato un personaggio coinvolto nelle inchieste di Mani Pulite, salvatosi, dopo due condanne in primo e secondo grado, dalla Cassazione grazie ad una legge del Governo Berlusconi. Lo stesso Di Pietro dice che se lo ricorda “molto bene Brancher coinvolto in Tangentopoli per fatti molto gravi”. Ma quali son questi fatti? Credo sia meglio ricordarli:

18 Giugno 1993. Il pool di Milano fa arrestare Aldo Brancher, assistente di Fedele Confalonieri [allora già figura importantissima di Fininvest nda], per 300 milioni [di lire nda] al Psi e 300 a Giovanni Marone, segretario dell’ex ministro della Sanità Francesco De Lorenzo, in cambio di spot sulle reti Fininvest per la campagna ministeriale anti-aids. [Brancher nda] Resterà tre mesi a San Vittore senza aprire bocca. Poi diventerà deputato e poi vice ministro” ed oggi Ministro. (tratto da Ad Personam di Marco Travaglio, p. 31. Chiarelettere, 2010)

Da qui la domanda viene spontanea. Ma e il ddl anti corruzione tanto osannato dal Cavaliere in campagna elettorale per le regionali che fine ha fatto? Purtroppo, anche se ci fosse, Brancher non vi rientrerebbe, poichè “è stato condannato con giudizio di primo grado e in appello per falso in bilancio e finanziamento illecito al Partito Socialista Italiano; ma si salva in Cassazione grazie alla prescrizione per il secondo reato e alla depenalizzazione del primo (Legge 61/2002 nda) da parte del governo Berlusconi.” (Wikipedia)

Spero solo che, per chi ha dei figli ancora giovani, questo genere di personaggi vengano riconosciuti per quello che sono. Nella vita si può cambiare, è vero. Ma esiste la sanzione reputazionale. Una persona del genere, non solo non dovrebbe essere Ministro, ma non dovrebbe avere cariche pubbliche di nessun tipo. Ma siamo in Italia e, come dice Di Pietro, “pare che il messaggio che si manda ai cittadini sia uno solo: il delitto paga e che conviene fare il delinquente perchè magari si diventa anche ministro”.

GIAMPAOLO ROSSI
giampross@katamail.com

ps. apprendo solo ora, grazie ad un post di Antonio Di Pietro nel suo blog, che le vicende giudiziarie di Brancher non sono terminate, anzi risulta sotto processo, imputato di appropriazione indebita in relazione a soldi incassati dall’ex numero uno della Banca Popolare di Lodi, Giampiero Fiorani, nell’ambito della vicenda della scalata Antonveneta.”

LEGGI IL SEGUITO: “BRANCHER SI DIMETTE”


About

Residente a Belluno, studia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna alla facoltà di Lettere, con indirizzo storico, per poi specializzarsi in giornalismo.
giampross@katamail.com


'Aldo Brancher Ministro: ecco chi è.' have 6 comments

  1. 18 giugno 2010 @ 1:28 pm cesare

    l’omm e merda sceglie i suoi simili a ministri….che schifo…

  2. 20 giugno 2010 @ 8:58 am andrea

    Che dire, il vero apprendistato per diventare figura di spicco nella politica italiana è innanzitutto delinquere, rubare, truffare, ovviamente facendola sempre franca, grazie a S.Silvio da Arcore. Complimenti per l’ennesimo colpo!

  3. 20 giugno 2010 @ 6:48 pm Giampaolo Rossi

    Beh andrea.. non è necessario farla sempre franca. Bossi e Maroni sono condannati in maniera definitiva, uno per tangenti e l’altro per aggressione a pubblico ufficiale eppure sono ministri……..

  4. 24 giugno 2010 @ 8:48 am Falcetto

    Con la nomina di Brancher ex prete, ex galeotto ex corrotto il nostro governo ha raggiunto il fondo un ministero inutile a un malvivente in più, e non è ancora stato sostituito Scaiola in un ministero ben più imortente. Ma quando sarà che il ppolo italiano si sveglia e dirà basta a questo verminaio.
    Un cittadino onesto.


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares