rainbow flag - gay in cecenia

Appello ai gay in Cecenia: scappate dal vostro paese

“Ciò che è accaduto può ritornare”, cosi scriveva Primo Levi di cui ricorre quest’anno il trentennale della sua morte. Oggi la storia si ripete e lo sterminio sembra riapparire tragicamente sul territorio europeo.

Testimonianze orribili provengono dalla Cecenia, repubblica della Federazione Russa. Secondo Novaja Gazeta, periodico russo indipendente, ad Argun, a circa 15 km dalla capitale Grozny, sarebbe presente un campo di concentramento per persone omosessuali. Altre fonti provenienti da ILGA (la più importante associazione europea LGBT – lesbiche, gay, bisex e trans) e dalla Rete LGBT Russa denunciano torture atroci verso i “deportati”. Elettettroshock, percosse, umiliazioni e torture che portano alla morte sono state raccontate da alcuni sopravvissuti.

30-40 persone nella stessa camera e storie orripilanti che oggi arrivano alla cronaca. Uno scenario che sembrava scomparso con la caduta del nazismo e che invece il governo ceceno sta ricostruendo segretamente. Il leader-dittatore della Cecenia risponde infatti che è impossibile, visto che nel suo paese i gay non esistono.

Durante il nazismo oltre centomila omosessuali furono  sterminati nei campi di concentramento e, a differenza di altre categorie che avevano vissuto l’olocausto, in tanti paesi le discriminazioni sono continuate anche dopo la caduta del nazifascismo.

Un destino mal concluso che oggi ci porta a quello che sta succedendo in Cecenia. Ma stavolta il tempo è cambiato e noi non possiamo rimanere a guardare. Noi che “viviamo nelle nostre tiepide case”, che tornando a casa “troviamo cibo caldo e visi amici” stavolta non possiamo restare silenti. E’ dovere nostro di agire immediatamente e offrire in Italia e nell’Unione Europea dei diritti subito rifugio politico ai Ceceni omosessuali e transessuali, cosi come avviene per i siriani che scappano dal proprio paese.

In Cecenia le persone gay, lesbiche, bisex e trans sono più di centomila. Apriamo le porte e prepariamoci ad accogliere chi non può restare in un paese dove sta tornando l’orrore del totalitarismo più becero e meschino.

Quei Ceceni uccisi e torturati nei campi di concentramento siamo noi qualche decennio fa. Quei Ceceni sono la nostra storia che non può e non deve ripetersi. Apriamo le nostre porte. Adesso.


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'Appello ai gay in Cecenia: scappate dal vostro paese' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares