Audi A1 quattro: solo per 333 eletti

Audi ha presentato la variante a trazione integrale della sua piccola due volumi: l’A1 “quattro”.

Sarà prodotta in soli 333 esemplari, ed entrerà nel mercato dalla seconda metà del 2012.

Le dimensioni rimangono sostanzialmente invariate, lunghezza esclusa, dove si misura un +77 mm (+16 mm in altezza, -10 mm in larghezza). La capacità del bagagliaio diminuisce sensibilmente: 210 litri, che possono arrivare fino a 860, abbattendo i sedili posteriori.

In attesa di una produzione su vasta scala, sarà alimentata dal solo 2.0 TFSI da 256 CV (188 Kw) e 350 Nm di coppia massima. Questa speciale versione promette una velocità massima di 245 km/h (autolimitata), ma soprattutto un ottimo 5,7 secondi nello scatto 0-100 km/h. Nonostante le prestazioni elevate, la casa di Ingolstadt stima un consumo medio di 8,5 litri di carburante per 100 km.

Per quanto riguarda la meccanica, interessante il posizionamento al posteriore della frizione che, almeno secondo il marchio tedesco, permette una ripartizione più equilibrata dei pesi. La trazione è concentrata principalmente sulle ruote anteriori ma, in caso di slittamento, mediante la nuova frizione a dischi multipli (a controllo elettronico e comandata idraulicamente), l’auto trasferirà la potenza alle ruote posteriori. Nel caso in cui sia invece un solo pneumatico a slittare, l’A1 potrà sfruttare il sistema elettronico EDL (già testato sulle “big”), che toglierà spinta alla ruota (di dimensioni maggiorante rispetto alla due volumi “classica”: la “quattro” monterà infatti pneumatici da 225/35, che potranno contare pure su dei dischi freno da 312 mm di diametro).

Il design è decisamente più sportivo rispetto alla A1 a trazione anteriore. A sottolinearlo, l’imponente calandra, le maxi aperture sul paraurti anteriore, l’alettone (stile rally del secolo passato), e lo splendido binomio cromatico bianco-nero, interrotto solo da piccoli particolari (l’interno fari, le cosiddette “wings”, e i piantoni delle ruote), verniciati di rosso.

Aggressivi ed eleganti i cristalli oscurati, così come le luci posteriori (a LED). Negli interni è il nero a fare da padrone, con gli inserti rossi a fare da contrasto. I sedili sono rivestiti di pelle Nappa, realizzati secondo lo stile delle sportive S, con fianchi pronunciati per meglio avvolgere i passeggeri. Stessi colori per la strumentazione, con il rosso che trova posto nella retroilluminazione delle varie spie. Diverso però il materiale: la pelle è esclusiva del rivestimento della leva del cambio, mentre il pomello (così come buona parte della plancia) è realizzato in alluminio.

Da notare la sempre maggiore sinergia che va stabilendosi con internet: i passeggeri potranno connettersi al web con il cellulare, grazie alla rete WLAN presente nell’auto. Ma non solo. Il sistema di navigazione non sfrutta più le carte pre-impostate (i cui aggiornamenti costano, e non poco), ma si connette direttamente a Google Earth.

Intanto il natale si avvicina, e Audi Italia sfrutta facebook per chiedere ai propri fans che modello vorrebbero trovare sotto l’albero. Personalmente, un pensierino a questa “quattro” lo farei .. considerato anche il prezzo, decisamente non “familiare”.

 

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'Audi A1 quattro: solo per 333 eletti' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares