Articles by Francesco Angeli

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


0

“Dopo la mafia arriva Arcigay”. Ma Lucio Malan dimentica i guai giudiziari del suo partito

iemontese, ex leghista ed ora senatore di Forza Italia, aggiungendo la sua ferma opposizione al ddl Cirinnà sulle unioni civili. Questo il profilo di Lucio Malan che ieri ha voluto aggiornare il suo curriculum con un tweet pietoso. “Dopo la mafia arrivano loro”, in riferimento all’Arcigay, la più grande e importante associazione italiana in difesa di lesbiche,…

0

17 maggio – Stop all’omofobia in tutto il mondo

7 maggio 1990: l’Organizzazione Mondiale della Sanità cancella dalla lista delle malattie mentali l’omosessualità. Oggi questa data in più di 130 paesi nel mondo viene celebrata come Giornata Internazionale contro Omofobia, Transfobia, Bifobia. Ben circa 80 paesi, ancora nel 2015, prevedono pene carcerarie o corporali come pena per l’omosessualità. In alcuni è prevista anche la…

0

Boldrini, il “DUX” sull’obelisco e quel monumento che ancora manca a Roma

ta facendo clamore la dichiarazione della Presidente della Camera Boldrini che vorrebbe la rimozione delle scritte inneggianti a Benito Mussolini dall’obelisco al Foro Italico di Roma. La Stele Mussolini, così denominata, si trova all’ingresso del Foro. Installato in piena epoca fascista, con i suoi quasi 18 metri, ricorda tramite la scritta “DUX”, il dittatore fascista…

1

Transfobia ad Aprilia nel mozzarellificio Cuomo. Partita la campagna #BoicottaCuomo

Offese come “carne di porco, ti faremo impazzire”, “ma le lesbiche cosa usano per fare sesso”, “sei lesbica e mezzo frocio”, “se mi denunci vengo sotto casa e ti spezzo le gambe”, ma anche aggressioni e molestie sessuali. E’ questa la vergognosa storia che sarebbe accaduta all’interno del mozzarellificio Cuomo ad Aprilia, in provincia di…

0

Caro Carlo Conti…e se ti chiamassero Carla?

5° Festival di Sanremo. Ospite d’eccezione la vincitrice dell’Eurosong Conchita Wurst, drag queen con barba, ma Carlo Conti – presentatore del Festival – le parla al maschile. Dobbiamo credere che il noto conduttore non sappia che alle drag queen si parli al femminile? Dobbiamo credere che sia come tutti quei giornalisti che ancora scrivono “un trans”, quando…

0

Che fine ha fatto la legge contro l’omofobia?

ono passati più di 500 giorni da quando la legge contro l’omofobia è stata approvata alla Camera dei Deputati. Intanto solo qualche giorno fa apparivano dei manifesti intimidatori sulla sede del Gay Center a Roma, associazione a tutela delle persone gay, lesbiche, trans e bisex, e sempre nella Capitale un ragazzo veniva aggredito e picchiato alla…

1

Omocausto: i numeri di uno sterminio dimenticato

175. E’ il numero del paragrafo per cui migliaia e migliaia di persone omosessuali nella Germania nazista subirono arresti, punizioni, deportazioni nei campi di concentramento. Il paragrafo 175 era un articolo del codice penale tedesco risalente al 1871. Nel 1935, con l’ascesa al potere dei nazisti, venne inasprito, prevedendo una punizione per qualsiasi “atto osceno” tra due…

0

L’EXPO nel paese senza diritti

ifendere la famiglia per difendere la comunità”, questo lo slogan del convegno omofobo patrocinato dalla Regione Lombardia con annesso logo EXPO. Il 17 gennaio, con addirittura la presenza del governatore padano (o verdano?) della Lombardia Roberto Maroni, una manciata di persone – che a quanto pare hanno fatto della causa anti gay uno degli scopi…

0

Né razzista, né omofobo e pro Made in Italy. Ma Salvini indossa una felpa francese

esto solo Made in Italy, io promuovo il Made in Italy», così Matteo Salvini, leader della Lega Nord, durante la puntata del 9 dicembre 2014 di DiMartedì, sulla sua attitudine di indossare felpe. Giovanni Floris, conduttore della trasmissione, dopo questa affermazione si avvicina a Salvini per controllare il marchio e…risulta francese! Dopo essersi scagliato per una…

0

Siamo tutti “sierocoinvolti”

IDS. Un acronimo diffuso, di cui ancora davvero poco si comprende il vero significato e usato spesso in modo discriminatorio. Sono passati anni dall’esplosione dell’AIDS, ma ancora i luoghi comuni e il pregiudizio sono forti. L’AIDS ha sterminato milioni di persone ed oggi continua ad essere particolarmente letale in Africa. Negli anni ’80 e ’90 sono state…

0

Voltagabbana, incompetente e omofobo: perché non #dimettiamoAlfano?

e non avessimo vissuto l’era Berlusconi, potremmo catalogarlo come “eterno”. Angelino Alfano, attuale Ministro dell’Interno e leader del Nuovo Centro Destra, potrebbe essere classificato come uno di quei politici che, un po’ alla Mastella, “i tempi cambiano e loro rimangono sempre”. In fondo la sua azione politica ci fa quasi dimenticare il “bacio” al boss…

2

Altro che lesbiche. Sono le suore a non poter insegnare

embra incredibile, invece è accaduto davvero. In una scuola cattolica di Trento viene allontanata un’insegnante in quanto lesbica. Contro qualsiasi diritto umano e internazionale si allontana dal proprio posto di lavoro una persona per orientamento sessuale. Oltretutto, così facendo si perde anche la possibilità formativa di poter capire come affrontare l’esclusione LGBT (Lesbiche, Gay, Bisex e Trans) in…

1

Linguaggio di genere #3: Tutte, tutti e tutt*

lavoratori, i cittadini italiani, i senatori. Buongiorno a tutti. Arrivederci a tutti. A sentir parlare sembrerebbe che il mondo italiano sia composto solo da maschi. Che fine fanno le lavoratrici, le cittadine, le senatrici? E perché dobbiamo salutare solo i “tutti” se l’italiano e la natura umana prevedono un genere femminile? Il neutro, come sappiamo, in italiano…

0

Riflettendo sulla santificazione. Bergoglio fa paura

oncalli, Wojtyla, Ratzinger e Bergoglio. Quattro capi di stato, quattro Papi in successione, escludendo il breve pontificato di Albino Luciani. Domenica 27 aprile a Roma circa 800mila fedeli ad assistere alla santificazione dei primi due.Un ulteriore fortificazione, guidata da Bergoglio, assolutamente non necessaria. E’ strano il ragionamento cattolico. Più sono da condannare, più li esaltano. Lo scandalo della pedofilia, e degli abusi sessuali…