babylon berlin 3 recensione wild italy

Babylon Berlin 3, l’atteso ritorno nella Germania degli anni venti

Il tramonto della Repubblica di Weimar nella terza stagione di Babylon Berlin

 

A distanza di tre anni dalla seconda stagione, tornano le vicende del Commissario Gereon Rath e dell’assistente Charlotte Ritter della polizia di Berlino in Babylon Berlin (2017 – in onda), uno dei fiori all’occhiello delle serie Sky Originals. La serie ideata da Henk Handloegten, Achim von Borries e Tom Tykwer (Lola Corre, Drei, Cloud Atlas), con protagonisti Volker Bruch e Liv Lisa Fries, è l’adattamento dei romanzi di Volker Kutscher Il pesce bagnato (2010), Babylon-Berlin (2017), La morte non fa rumore (2018), quest’ultimo alla base degli eventi della terza stagione.

C’era grande attesa a proposito del ritorno sul piccolo schermo di Babylon Berlin, capace di conquistare critica e pubblico grazie a un racconto fortemente derivativo e incalzante, un neo-noir che riporta in scena gli anni d’oro (e il declino) della Repubblica di Weimar sul finire degli anni Venti tedeschi.

Sinossi

babylon berlin 3 recensione wild italyGereon Rath (Volker Bruch), ispettore capo della squadra omicidi è un uomo serio, dedito al lavoro, con delle sfaccettature imprevedibili e un’inaspettata passione per il ballo. Charlotte Ritter (Liv Lisa Fries) viene da una famiglia proletaria, è determinata e coraggiosa, disposta a tutto per raggiungere i propri obiettivi.

Nel 1929 Berlino è una città in costante cambiamento, in pieno fermento. La Repubblica di Weimar si sta indebolendo sotto il peso dell’inflazione e la speculazione. La vita della città è divisa in due: da una parte la povertà dilagante, la fame, la paura; dall’altra lo sfarzo, le feste, il sesso, il lusso. La cultura si evolve, la creatività esplode sullo sfondo grigio della città e vengono prodotti per la prima volta film sonori.

Uno fra questi vede come protagonista Betty Winter, che viene tragicamente uccisa a causa della caduta di uno dei riflettori di scena. Ad investigare sarà proprio Gereon Rath, con l’aiuto di Charlotte. Dietro quello che poteva sembrare un semplice incidente si inizia a intravedere qualcosa di molto più grande, pericoloso, sporco. E quello di Betty non sarà l’unico caso su cui indagare.

 

LEGGI ANCHE: A DISCOVERY OF WITCHES, TRA STREGHE E VAMPIRI IN UN’OXFORD MAGICA

 

1929 – Babylon Berlin Alexanderplatz

Paragone sicuramente azzardato specie considerando la caratura artistica e il peso specifico di Berlin Alexanderplatz (1980) di Rainer Wainer Fassbinder nella storia del cinema – suo capolavoro nonché manifesto della poetica del cineasta tedesco. Eppure in comune c’è il 1929, anno di profonda trasformazione per la storia della Germania e del mondo intero. È l’anno della crisi economica mondiale, che raggiunse la Berlino sullo sfondo di Babylon e Alexanderplatz – seppur raccontato in modi diametralmente opposti – che provocò 664 e 450.000 disoccupati; del Maggio di sangue negli scontri tra le SA (Sturmabteilung) e l’RFB (Lega dei combattenti del Fronte Rosso) con un bollettino di 30 morti, 200 feriti e 1.200 arresti.

È l’anno soprattutto del Martedì Nero, di cui si ha il sentore già nelle prime puntate della terza stagione di Babylon Berlin, con cui si realizza un affresco storico-sociale non indifferente posto sullo sfondo di un solido intreccio narrativo. L’evento alla base dell’indagine di questa terza stagione, permette infatti di mostrarci anche un interessante momento meta-cinematografico, per un cinema tedesco che in quel periodo era al massimo splendore del suo Espressionismo tra Aurora (1927) di Friedrich Wilhelm Murnau, e Metropolis (1927) di Fritz Lang.

Una serie imperdibile

Grande merito di Babylon Berlin è quello di portare in scena personaggi unici, in un misto di luci e ombre, debolezze e virtù mascherate da profonda umanità. Dall’essere “ligio al dovere” del Commissario Rath di Bruch, al bisogno di emancipazione della Ritter della Fries – sopracitati – sino all’industriale psicopatico Alfred Nyssen (Lars Eidinger) e al machiavellico (e sorprendente) Walter Weintraub (Ronald Zehrfeld).

Un racconto stratificato fortemente derivativo – con tanto di omaggio a The Master (2012) di Paul Thomas Anderson – con cui mostrarci tutte le anime di una fremente Berlino dal punto di vista dei poliziotti e criminali, buoni e cattivi, un po’ come la Baltimora di David Simon in The Wire (2002-2008).

La terza stagione di Babylon Berlin riesce, così, nell’intento di intrattenere e coinvolgere, grazie a un racconto dal ritmo teso e a una scenografia meticolosa; conquistando così, non soltanto lo spettatore affezionato che aspettava questo giorno da tre anni, ma anche quello casuale da “zapping annoiato”, per un ciclo di episodi da 12 puntate – 4 in più di quella precedente – da scoprire tutti d’un fiato.

 

Babylon Berlin 3, approderà sugli schermi televisivi italiani a partire dal 1 aprile 2020 grazie a Sky Italia.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!

 

Fonte immagini: Sky.it


About

Nato in Sicilia da madre umana e padre probabilmente alieno, ha un blaster sul comodino e uno zaino protonico dentro l’armadio. Malato cronico di Cinefilia dal 1989, dopo aver passato una vita a studiare i Classici Greci e Latini prima, la Letteratura Russa Ottocentesca poi, e per ultimi i Social-Media e le teorie sociologiche di Marshall McLuhan e Erving Goffman, si trasferisce a Roma per poter finalmente realizzare il suo sogno: vivere di cinema, diventare sceneggiatore e costruire il suo personale Millennium Falcon. COLLABORATORE SEZIONE CINEMA


'Babylon Berlin 3, l’atteso ritorno nella Germania degli anni venti' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares