Caparezza prisoner 709

Caparezza, i labirinti sonori e mentali di Prisoner 709

Grande ritorno per Caparezza che torna sulla scena con Prisoner 709, la sua ultima fatica in studio uscita per Universal.

Appare chiaro sin da subito un sound più cupo e scuro, come del resto è Caparezza prisoner 709 recensionepiù cupa la voce di Caparezza stesso, che torna a cantare nella sua tonalità naturale; un brano alla volta viene alla luce un labirinto sonoro (e mentale) claustrofobico, fatto di ombre e muri sonori imponenti.

Caparezza, il sound imponente e labirintico di Prisoner 709

Non manca, ovviamente, la solita perizia testuale che ha sempre contraddistinto la produzione musicale di Caparezza.

Apre il disco Prosopagnosia, una sorta di intro dal sapore jungle, dal colore scuro e dall’attitude molto percussiva. Un sound labirintico e claustrofobico, che freme e lascia il passo alla voce naturale di Caparezza e a John De Leo che supporta Capa nel ritornello.

Prisoner 709 apre con un intro dai toni ampi e solenni. Stupisce questa attitude “metalleggiante” nel sound e nella composizione di questo brano; come sopra Caparezza sceglie un sound cupo, tagliente e imponente proprio come le immense pareti della sua prigione mentale, leit motiv di tutto il disco. Un brano mastodontico e straniante, che rinchiude l’ascoltatore tra le sbarre di questa prigione e butta via la chiave.

Il Testo Che Avrei Voluto Scrivere  ha un’attitude più aggressiva e bella tirata. Il brano è molto incalzante e mantiene delle sonorità più naturali. Molto intriganti gli incastri del synth che agilmente si insinua tra le chitarre, la ritmica e la voce  e segue alla perfezione l’andamento del tappeto sonoro. Interessanti le varie sfumature sonore e le influenze del brano che, quasi come un riempimento, restano saldamente ancorate al brano e vanno a impreziosire gli istanti di silenzio.

Migliora La Tua Memoria Con Un Click vede la partecipazione di Max Gazzè. Un brano più classico in termini di Hip Hop, con un sound colmo di bassi e meno sfumature di synth. La voce viene messa, in questo caso, in primo piano lasciando il tappeto sonoro sullo sfondo. Ben giocate le variazioni di synth in sottofondo che smuovono l’andamento del brano facendolo evolvere a seconda delle esigenze.

Larsen ha un sound più “futuristico”, con tendenze new wawe e sonorità effettate e “fredde”. Il pezzo è molto lasciato andare, nel senso che mantiene toni molto ampi e  mette in scena perfettamente questo pseudo-funk dal sound dilatato e futuristico. Molto ben giocato il solo di sax che va a chiudere il pezzo.

Prisoner 709 un disco agile e in continuo cambiamento

Sogno di Potere riporta su sonorità più Hip Hop, sintetiche e acidule che incalzano l’ascoltatore  verso movimenti frenetici eppure scanditi dal beat dritto e posato del brano. Questo è uno dei pezzi più elettronici del disco e non fa che sottolineare le mille sfumature di Caparezze e di Prisoner 709 che riesce agilmente a passare dalle sonorità heavy a quelle Hip Hop in un batter d’occhio.

CaparezzaL’infinito è come un flusso sonoro dai toni digitali e futuristici. La voce viene messa in primissimo piano, mentre il beat e l’elettronica restano in secondo piano, con questo loro andamento discontinuo ed estremamente sintetico. Molto particolare questo giocare su tempi spezzati e accenti estremamente variabili che, sembra quasi, vogliano confondere l’ascoltatore, destabilizzando la sicurezza del 4/4.

Autoipnotica sembra un jingle rubato a una qualche pubblicità che, gradualmente, si evolve verso le classiche sonorità Hip Hop. La cosa che stupisce è come Caparezza riesca a concepire un pezzo come un jingle (pure fastidioso a tratti) che poi diventa, prima, una sorta di freestyle e poi un pezzo rock classico. Il brano ha un andamento sinusoidale che permette a Caparezza di cantare su diverse sonorità. Sembra inutile dirlo ma Autoipnotica è proprio un brano ipnotico che assorbe l’ascoltatore e lo porta in questo labirinto sonoro straniante e totalmente inaspettato.

Chiude il disco Prosopagno Sia! Il pezzo riprende quello che è stato l’intro del disco e, con questa attitude jungle, si apre verso una sorta di soul dai toni moderni e sintetici. Molto azzeccata la scelta di usare due voci (di cui una femminile) che sembra quasi surclassare quella di Caparezza  in questo brano tra soul e onomatopee nonsense.

Quello che affascina di questo Prisoner 709 è l’immensa poliedricità di Caparezza che sembra sempre più in grado di cambiare costantemente e di adattarsi a ogni esigenza sonora e compositiva.

Un sound poliedrico e in continua evoluzione

Prisoner 709 è un disco in continua evoluzione sonora, un lavoro dalle mille sfaccettature e dai contenuti sostanziosi; uno di quei lavori che cattura l’ascoltatore e lo affascina, tenendolo incollato davanti alle casse dello stereo dalla prima all’ultima traccia.

Se il mondo del Rap e dell’Hip Hop italiano ha una speranza, questa deriva proprio da lavori come Prisoner 709.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

La musica è la mia passione: sul palco dietro una batteria e sotto al palco in un mare sterminato di dischi. Laureato in Letteratura, Musica e Spettacolo e in Editoria e Scrittura a La Sapienza di Roma, passo il mio tempo tra fogli bianchi, gatti e bacchette spezzate. CAPOSERVIZIO MUSICA


'Caparezza, i labirinti sonori e mentali di Prisoner 709' have 2 comments

  1. 25 settembre 2017 @ 10:53 pm Madiocane98

    Io capisco che mo le recensioni di musica non se le legge quasi più nessuno, ma un po’ di decenza la si vuole avere? Tolto il format del brano per brano che non ha veramente quasi più senso in casi come questo. Ma poi mi spieghi che cazzo vuol dire “Prisoner 709 apre con un intro dai toni ampi e solenni. Stupisce questa attitude “metalleggiante” nel sound e nella composizione di questo brano”? Cioè Caparezza i beat metal li utilizza da almeno 10 anni e tu ti stupisci? E poi che senso ha scrivere riguardo il brano dopo: “Il Testo Che Avrei Voluto Scrivere ha un’attitude più aggressiva e bella tirata. Il brano è molto incalzante e mantiene delle sonorità più naturali. ” per dio se l’altro ti ha stupito perché era metal come fa questo ad avere UN’ATTITUDE (perché attitudine non se poteva fa ve?) più aggressiva e bella tirata?????????????????? Ma che senso ha sta cosa????? Ma poi soprattutto sembra tu stia parlando di vini e non di musica. La recensione è un continuo “ha un’attitude metalleggiante… sì ma poi torna su toni hip hop… sì ma torna su toni hip hop… sì questa mi sembra un po’ meno aggressiva…” ma mica è un montepulciano che ci devi descrivere le tue sensazioni “culinarie”. E poi “il mondo dell’hip hop e del rap italiano” e “Caparezza” nella stessa frase non hanno né capo né coda e chi conosce sia l’uno che l’altro lo sa BENISSIMO. Ma cioè hai scritto più cagate tu di Povia nell’ultimo disco, ma come porco dio è possibile definire le sonorità di Larsen new wave? Ma ti rendi conto che non ha veramente senso? Ma perché dovete scrivere le cose di forza per fare gli intellettuali se non hanno né capo né coda. Ah e comunque il synt non è un cazzo, si scrive synth mannaggia la madonnina

  2. 25 settembre 2017 @ 10:58 pm Dioinfame92

    E oltretutto mannaggia quel cristino infame boia non hai scritto assolutamente nulla del contenuto del disco. Robe che sanno pure i bambini di quarta elementare tipo che è partito tutta da una crisi di mezza età e dal problema dell’acufene. Cioè ma sul serio tu ritieni una cagata di pezzo simili pubblicabile? Ma porco dio ma impegnatevi nelle cose che fate porco dio non le fate tanto per fare ma quanto mi fanno incazzare ste cose bombarderei tutti


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares