Carrie Fisher, da ribelle a icona. Addio alla Principessa Leila

Carrie Fisher, la celebre Principessa Leila di Star Wars, si è spenta ieri sera a seguito di un malore che l’aveva colpita qualche giorno fa. L’attrice aveva sessant’anni.

Il successo planetario per Carrie Fisher arrivò nel 1977 quando George Lucas la scelse per il ruolo della Principessa Leila in Star Wars, interpretazione che la portò a diventare uno dei personaggi più riusciti della storia del cinema che ha davvero influenzato e plasmato l’immaginario di più generazioni.Carrie Fisher

La stessa Carrie Fisher si diceva molto legata al personaggio di Leila, tanto che nel 2015 ha scelto di interpretare di nuovo il ruolo della Principessa ribelle in Star Wars: Il risveglio della Forza.

Vestire di nuovo i panni di un personaggio del genere, dopo anni di assenza dall’universo di Star Wars, è una responsabilità, un peso che Carrie Fisher ha preso sulle proprie spalle e – nonostante la valanga di critiche piovuta dai fans dell’ultima ora – la Principessa Leila ha guidato per l’ultima volta le forze dei ribelli a testa alta.

Carrie ha avuto la fortuna di somigliare a Leila, è questo che l’attrice ripeteva nelle sue interviste; ciò ha fatto la fama di un’attrice e la fama del personaggio che l’ha resa immortale (come abbiamo appena potuto vedere in Rogue One – A Star Wars Story); eppure questo non ha mai infastidito Carrie Fisher che, nonostante la figura “ingombrante” di Leila, ha sempre amato interpretarla, arrivando anche a scrivere diversi libri autobiografici, tra i quali l’ultimo dal titolo I Diari della Principessa. Proprio mentre tornava da una presentazione del libro a Londra, ha accusato il malore che ha portato al ricovero di qualche giorno fa.

Attrice, icona pop, eroina senza macchia e senza paura (in un mondo di quasi soli uomini), principessa forte e indipendente eppure estremamente fragile; è questo il ricordo che lascia dietro di se Carrie Fisher, è questo il ricordo che tutti i fans di Star Wars custodiranno della Principessa Leila.

Ma Carrie Fisher non è stata solo la Principessa Leila: nella sua lunga carriera ha recitato in decine di film, da Blues Brothers – con la celebre scena della mitragliatrice, dove la ritroviamo nei panni della donna tosta e combattiva – fino a Harry ti Presento Sally, passando per Austin Powers, ScreamCharlie’s Angels e molti altri ruoli più o meno conosciuti.

Una vita per il cinema, una doppia identità Carrie/Leila e tutto l’affetto che la Rete le sta dimostrando in questi minuti; è proprio questo il posto di una stella del cinema: la memoria, il ricordo e l’affetto di chi l’ha amata, come attrice e come Principessa; come icona sexy e come ribelle.

Da pochi minuti è arrivata la notizia che Carrie Fisher sarà di nuovo la Principessa Leila nell’ottavo episodio di Star Wars che arriverà al cinema a Natale 2017; secondo le fonti l’attrice avrebbe concluso le riprese delle sue scene tempo fa. Con la scomparsa della Fisher si dovrà escogitare una soluzione per l’episodio numero nove della saga, magari ricorrendo alla CG come in Rogue One.

Vogliamo ricordare Carrie Fisher con il Tema della Principessa Leila, dalla colonna sonora di Star Wars, suonato dalla BBC Concert Orchestra.

Quella “Galassia lontana, lontana”, è inutile dirlo, da oggi non è mai sembrata più distante di adesso. Che la Forza sia con te, Carrie.


About

La musica è la mia passione: sul palco dietro una batteria e sotto al palco in un mare sterminato di dischi. Laureato in Letteratura, Musica e Spettacolo e in Editoria e Scrittura a La Sapienza di Roma, passo il mio tempo tra fogli bianchi, gatti e bacchette spezzate. CAPOSERVIZIO MUSICA


'Carrie Fisher, da ribelle a icona. Addio alla Principessa Leila' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares