Racconti

0

Fall down

lisa osservò la tazza davanti a sé. Il suo tè caldo era diventato freddo, così come era l’aria di quel giorno e come si sentiva dentro. Di fronte a lei il suo ragazzo – ops, ex – parlava. – “Non sei tu il problema. E non sono nemmeno io. Il guaio sta proprio in quel tu più…

0

Sogno o illusione?

ai più… Mai più… Qì Lóng aprì gli occhi di scatto. Stava sognando, ne era certo, anche se non ricordava che cosa: aveva un dolore alla testa talmente forte che non riusciva né a pensare né a ricordare. Si trovava in una stanza completamente immersa nel buio, adagiato su un comodo letto. Com’era giunto fin…

0

L’altra persona

imone fece scoppiare la terza bolla di saliva. Stupiva molti come un gioco stupido e infantile come quello potesse divertire il piccolo Rinaldi, eppure era così. Non solo di fronte alle vetrine, ma spesso sua madre lo trovava davanti allo specchio del bagno intento a rimirare la lucida e sottile patina che univa le sue…

0

“Se solo potessi tornare indietro…”

“Se solo potessi tornare indietro…” Lettera di un cadavere ai non morti. gregio Lettore, Cielo… È la prima lettera che scrivo a qualcuno e già la imposto male. Va be, fa niente, perdona -TU, tu che leggi, chiunque tu sia- la mia imprecisione, la mia incapacità di esplicitazione. Non sono uno scrittore, posso solo dire questo…

0

La Novità

Questa è una storia un po’ complicata Una storia Dimenticata, Una storia vestita di vecchio Di un sogno buttato in un secchio. Los Angeles, Settembre 1965. ra ancora lì. La vedevo. Dove altro avrebbe potuto essere? La Luna nel cielo non si muove, rimane statica nella sua pallida bellezza. Sembrava così vicina, una piccola, rotonda,…

0

The Monster

nnaspò. Era a terra, la schiena sbattuta sul suolo polveroso, il sangue che scendeva copioso dalla fronte, appannandole la vista. Per un attimo non aveva visto nulla, se non il cielo plumbeo e gravido di pioggia: l’incantesimo che aveva lanciato poco prima aveva attirato le nubi e tutt’ora lampi azzurro elettrico squarciavano l’orizzonte. La creatura…

0

La Vittoria – Cronache di una battaglia

bbiamo vinto”. Solo questa frase risuonava nella sua testa come l’ultimo appello disperato di una mente stanca. Arrancava sul terreno fangoso, voltandosi costantemente indietro, terrorizzato all’idea di vedere l’ennesimo plotone raggiungerlo. La gamba gli pulsava terribilmente e la piaga sulla coscia iniziava a mandare un puzzo nauseabondo. Si pulì un rivolo rosso che gli scendeva…

0

L’Obbligo

ignora Mastroangelo, si sente bene?” Cristina sussultò alla voce del commesso. Si voltò e lo fissò in silenzio, i lineamenti tesi. Il ragazzo aveva sui venticinque anni e da qualche mese era il nuovo inserviente del supermercato. Era un ragazzo simpatico dal viso rotondo e gli occhi blu, non era particolarmente carino ma molto cordiale…

0

Growing Up

iorgia accese l’ipod e si buttò sul letto, le cuffiette nelle orecchie. Intorno a lei il silenzio della sua camera, dentro, la canzone di Nesli. Crescere, questo le era stato detto. “Non sei più una bambina. Non puoi fare i capricci. Devi renderti conto delle cose. Devi crescere”. Era stata soltanto l’ennesima litigata con i…

1

Mea Culpa – Seconda parte

agli sulle braccia e sul corpo, ferite profonde nella mente: Giulia non si rendeva conto che Luca la vita se la stava rovinando da solo, e a lei con lui. La verità era che Luca era un giovane con molti problemi, che dietro quella facciata da mite e bravo ragazzo era un debole necessitante di…

1

Mea Culpa

‘orologio segnava le ventidue e trentuno, ticchettando ritmicamente dalla sua nicchia nel muro. Sotto di lui, nella conca ricavata tra l’armadio e la biblioteca – quella splendida conca che tanto amava – Giulia si stringeva il polso con la mano destra. Un piccolo taglio riluceva rosso e perfetto nella luce calda della camera, mentre il…

0

E questa la chiami giustizia?

A volte ci domandano: vorresti essere immortale? E cosa ne faresti di una vita eterna? La risposta è sempre diversa, forse però l’immortalità sarebbe l’unica soluzione ad una vita giusta, così da poter affrontare gli ostacoli che s’incontrano durante il cammino, senza la paura di perdere e vedere ogni speranza andare in fumo. Ma siamo…

0

La casa della risata

L’autrice scrive sotto pseudonimo   E allora c’hanno chiesto di non pensare. Poi hanno preteso che non avessimo più istinti, quello però era più difficile, perché un animale arrabbiato e affamato non si ferma a comando. Si ferma quando è sazio.   l nostro luogo era cambiato. La normalità era la serietà e la povertà…

0

Quale Rinascimento si può avere oggi?

Il Rinascimento ha sempre avuto per noi italiani un valore aggiunto. Ha sempre rappresentato qualcosa di più di un semplice periodo storico o movimento culturale, ma è ciò che meglio ci rappresenta e ci “caratterizza”.  Pensandoci bene, la maggior parte dei beni artistici e architettonici che abbiamo risalgono a quel periodo (1400/1500) e milioni di…

0

Quelli che…

Quelli che non ci sono più i Natali di un tempo. Quelli che Natale è una bella tavolata. Quelli che a Natale siamo tutti più buoni. Quelli che c’è crisi e i supermercati e i negozi sono tutti vuoti. Quelli che c’è crisi e i supermercati e i negozi sono tutti pieni. Quelli che digiunano…