“C’era una volta l’intercettazione” di Antonio Ingroia


C’era una volta l’intercettazione
di: Antonio Ingoria
Edizione: Stampa Alternativa

Dalla prefazione di Marco Travaglio:

“Se cercavate un trattato giuridico sulle intercettazioni telefoniche e emabientali e sulle forme che le regolano e le egoleranno, lardellato di commi e codicilli, avete sbagliato libro..”

Non può che essere la frase migliore che spiega questo libro. Leggendo chi è l’autore, Antonio Ingroia – Procuratore aggiunto a Palermo – si può pensare che sia un libro complicato, serioso, per addetti ai lavori, con termini difficilissimi inerenti al campo giudiziario e non comprensibili per noi comuni mortali. In realtà no. E’ un libro di 174 pagine – di cui le ultime 20 dedicate al disegno di legge che sta per essere approvato in Parlamento – che spiega in maniera  semplice e concisa, ma non per questo in modo aleatorio, ciò che accadrà una volta introdotta tale legge. Inizia spiegando a cosa servono e come sono usate ad oggi e nel passato le intercettazioni per poi arrivare a esemplificare reati ipotetici senza l’uso delle intercettazioni. Reati che non sarebbe perseguibili e che, come già ben sappiamo, non sarebbero neanche scoperti. Il PM spiega e smaschera tutte le sciocchezze che vengono dette dal potentato per convincere l’opinione pubblica: dai costi “elevati” alla “bufala sui maccheroni” del caso Genchi.

Un libro assolutamente da evere e da far conoscere. Un piccolo saggio che si legge in una giornata, ma che riempie la testa di nozioni di elementare comprensibilità ma di vitale importanza!

GIAMPAOLO ROSSI

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed


About

Residente a Belluno, studia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna alla facoltà di Lettere, con indirizzo storico, per poi specializzarsi in giornalismo. giampross@katamail.com


'“C’era una volta l’intercettazione” di Antonio Ingroia' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares