Che malandrina!

Giovanna Melandri, ex ministro dei Governi D’Alema e Prodi e deputata di lungo corso che accettò nell’ottobre 2012 l’incarico di Presidente della fondazione Maxxi, dichiarando «Vado gratuitamente a rilanciare un’istituzione pubblica», passerà sicuramente un buona pausa estiva.

giovanna-melandri_2Dopo aver accettato l’incarico a titolo gratuito, dimettendosi da Deputato della Repubblica, ora sta facendo del tutto per trasformare, in base i risultati ottenuti, il Maxxi da una fondazione ad un ente di ricerca. Ovviamente nulla da eccepire se trasformarlo in un ente possa favorire il lavoro del museo, ma purtroppo cosi non è. L’ex Ministro, dopo un anno dalle polemiche che seguirono la sua nomina, a partire da ottobre 2013 prenderà uno stipendio come qualsiasi altro buon dirigente pubblico, trasformando la sua dichiarazione da «la mia indennità è zero» a «la cultura ha bisogno di grandi manager, e questi vanno pagati».

Pentita di aver detto all’ex Ministro Ornaghi che il suo lavoro sarebbe stato gratuito, sarà decisamente più contenta a partire dal prossimo consiglio di amministrazione che reca come ordine del giorno una discussione sul compenso destinato al presidente.

La Melandri dichiarò da Venezia che l’articolo che scrisse Dagospia sul suo possibile futuro stipendio era soltanto un’ossessione: «Quella di Dagospia per il Maxxi e contro di me è ormai un’ossessione». Senza troppo ragionare prima di parlare la Melandri sembra confermare sempre le ipotesi di Dagospia, aggiungendo: «Dovevo dire che non appena avrei potuto prendere uno stipendio me lo sarei preso, eccome. Scherzo, ovviamente. Ma sarà uno stipendio sobrio, pari a quello di altri dirigenti».

Più che Melandri sembrerebbe malandrina!


About

Nato a Roma nel 1996, studente di Scienze Politiche (La Sapienza). Coordinatore di circolo per la federazione di Roma di Sinistra ecologia libertà (Sel) e componente il Comitato nazionale de L’Altra Europa con Tsipras; impegnato nell’associazionismo studentesco, membro per la Federazione degli studenti dell’esecutivo romano, consigliere di Giunta d’Istituto e membro della Consulta provinciale degli studenti di Roma. BLOGGER DI WILD ITALY.


'Che malandrina!' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares