Chi tutelerà i diritti LGBT con l’Italicum?

Se non c’è spazio per le donne, figuriamoci per gay, lesbiche e trans. Il prossimo parlamento, se passerà l’Italicum, arretrerà ancor di più sui diritti LGBT.images

La soglia di sbarramento spazzerebbe via Sinistra Ecologia e Libertà, unico partito parlamentare favorevole contemporaneamente alla legge contro l’omofobia, alle unioni civili, al matrimonio egualitario e alle adozioni omogenitoriali. Il destino di SEL sembra segnato sia che si presenti in coalizione (soglia di sbarramento al 4,5%), sia da solo (soglia di sbarramento all’8%).

Per la legge contro l’omofobia rimarrebbero a lottare il Movimento 5 Stelle e un Pd sempre più criticabile dopo l’approvazione alla Camera della legge Scalfarotto, votata al ribasso. Quindi probabilmente ci si può dimenticare una legge contro l’omofobia ben fatta.

Allo stesso tempo il Movimento 5 Stelle diventerebbe l’unico partito favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso, visto che il Partito Democratico non è d’accordo. Quindi possiamo dire addio anche a questo progetto, come alle unioni civili per cui paradossalmente il Pd è d’accordo e il 5 Stelle no.

Le adozioni omogenitoriali poi uscirebbero totalmente dal discorso parlamentare. Né il Pd né il Movimento 5 Stelle hanno espresso un’opinione favorevole.

Destra italiana non pervenuta. Au revoir diritti.


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'Chi tutelerà i diritti LGBT con l’Italicum?' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares