art garfunkel

Torna in concerto a Roma il poliedrico e inconfondibile Art Garfunkel

Art Garfunkel torna a Roma per una data che si preannuncia spettacolare. Basterebbe dire solo questo. Il concerto si terrà il prossimo 18 febbraio, nella Sala Sinopoli dell’Auditorium, e sarà seguito da altre ad altre tre date a Trieste, Milano e Padova. Attesissime, ovviamente, le riproposizioni dei suoi successi musicali e di quelli del duo con Paul Simon, tra i quali sicuramente le famosissime “Sound of Silence”, “Scarborough Fair”, “Cecilia” “Mrs. Robinson” e “Bridge Over Troubled Water”, solo per citarne alcune.

Cantante, attore e scrittore, da solista Garfunkel ha pubblicato oltre 10 album con alterni successi, interpretando brani di autori famosissimi tra i quali, oltre a Paul Simon, Van Morrison, Randy Newman, Stevie Wonder, Antonio Carlos Jobim, Jimmy Webb, James Taylor e del duo Lennon/Mc Cartney.

Il suo ultimo lavoro, “Some Enchanted Evening” risale al 2007, ed è una raccolta di “standards” di autori come George Gershwin, Irving Berlin, Richard Rodgers ecc.

L’ultima volta lo avevo visto ovviamente insieme a Paul Simon nel 2004, in quelle splendide cornici romane che, prima vicino al Colosseo e successivamente al Circo Massimo, avevano ospitato personaggi come Paul Mc Cartney, Elton John, Billy Joel e Bryan Adams ed infine i Genesis, nella loro reunion del 2007.

Quella sera di luglio, insieme ad oltre 500.000 persone, abbiamo potuto riascoltare e cantare in coro quasi tutti i classici del duo, con la proiezione sullo schermo delle immagini del film “Il Laureato”: il riecheggiare di quelle note dopo tanti anni, le due splendide voci, l’arpeggio della chitarra di Paul Simon ed una band sempre precisa e mai fuori posto, hanno dato a quell’evento la forma di echi del passato, lontano si, ma sempre molto gradevole.

Il personaggio Garfunkel è, come dicevo, poliedrico, in quanto, oltre al mondo musicale, ha recitato con successo in diversi film tra i quali ricordo “Conoscenza Carnale” del regista Mike Nichols, insieme a Jack Nicholson e Candice Bergen;  inoltre è anche un grande lettore, al punto che nel suo sito elenca, per anno, tutti i libri da lui letti dal 1968 ad oggi, con autore, titolo e numero totale di pagine!

Sempre nel suo sito, troviamo la lista delle canzoni che hanno avuto maggior influenza su di lui, con brani di Nat King Cole, Bing Crosby, Sam Cooke, Ike & Tina Turner ed i Beatles.

Certo, sono passati i tempi di quando si faceva chiamare “Tom & Jerry”, insieme a Paul Simon, all’inizio degli anni ’60 e di quando, giovanissimi, frequentavano il Greenwich Village di New York, insieme a personaggi del calibro di Bob Dylan, Joan Baez, Joni Mitchell, Frank Zappa e Lou Reed; oggi Art Garfunkel è un attempato signore di oltre settant’anni, con una voce (speriamo) ancora inconfondibile.

Ed è questo quello che ci si aspetta dal prossimo concerto dell’Auditorium di Art Garfunkel, che si presenterà insieme al chitarrista Tab Laven ed al tastierista Cliff Carter. Buon ascolto a tutti.


About

Appassionato di cinematografia e di musica sin dagli anni ’70, vive e lavora a Roma. Ha avuto esperienze radiofoniche negli anni ’80 e alimenta continuamente le sue passioni. Nell’ambito musicale, una particolare predilezione per il Jazz ed il Rock-Progressive. BLOGGER DI WILD ITALY


'Torna in concerto a Roma il poliedrico e inconfondibile Art Garfunkel' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares