Consegnate le case a l’Aquila

Consegnate le case a L´Aquila. L´abbiamo capito.

Non se ne dispiaccia Antonio Di Pietro, ma il richiamo di Porta a Porta era irresistibile. Il Premier di nuovo lasciato parlare a ruota libera era per me uno spettacolo da non perdere. Non lo potevo boicottare.

L´esaltazione sulla tragedia dell´Aquila non avrebbe però dovuto conoscere tale epilogo.  Le case sono state consegnate nel capoluogo abruzzese e su questo il Presidente del Consiglio ha deciso di farsi pubblicità, come se poi le avesse costruite lui e non il duro lavoro degli operai – con i soldi della Croce Rossa e i fondi messi a disposizione dalla Provincia Autonoma di Trento (è bene sottolineare).

Lo spot è costato lo spostamento (dapprima la cancellazione) della trasmissione Ballarò. Matrix direttamente non in onda. Il teorema Raiset è così facilmente dimostrabile. Due gruppi televisivi, uno pubblico, uno privato, che lavorano perfettamente all´unisono. Prove tecniche di regime.

Dopo i dati di Berlusconi sulla ricostruzione, è andata in scena la lettura di una “toccante” lettera dell´Arcivescovo di NonSoDove a Mr B., una recita che Emilio Vespa non ha saputo interrompere. “Sono un dittatore” e poi la mano del fido Bruno bloccata fisicamente dal Biscione. Vespa: “Ha vinto il Milan. Doppietta di Inzaghi.” Chi se ne frega, aggiungerei. Davanti alla tragedia il Cavaliere ha saputo agire a spada tratta. Un vero combattente. Non uno spreco. Per quelli, ci sono i 400 milioni di multa per l´abusività di Rete4. O i debiti di Alitalia accollati allo Stato Italiano.

Con Fini naturalmente nessun problema, almeno “da parte mia”, secondo le parole del miglior presidente della storia d’Italia. Ma va! E intanto il presidente dell´ex- An querela “Il Giornale” di Paolo Berlusconi.

Tutto apposto dunque. Come ad ogni Porta a Porta. Stavolta siamo al 68% di consenso per Re Silvio (in calo…!), acclamato ogni volta che è “in tour” per l´Italia. Peccato che però ci siano state proteste da parte di alcuni comitati di Castelnuovo, frazione dell´Aquila che ha visto 42 morti e zero case. E intanto i giornalisti il 19 settembre scenderanno in piazza per manifestare contro i “guinzagli” sulla libertà di stampa.

A chi credere?

FRANCESCO ANGELI


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'Consegnate le case a l’Aquila' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares