Cosa manca perché il tappo salti e tutti si possa brindare alla fine di questa sudicia II° Repubblica?? Ah si, gli italiani.

Sarebbe inutile star qui a descrivere le storie di tutti gli scandali che giornalmente vengono a galla nel mare fangoso della politica italiana.

Da un lato le storie di corruzione, voti di scambio, affiliazioni alla malavita, favori sessuali, favoreggiamento all’evasione fiscale, furbetti del quartierino o del telefonino e chi più ne ha più ne metta.

Dall’altro fabbriche che chiudono, famiglie che si ritrovano all’improvviso in mezzo alla strada, gente che non arriva alla fine del mese, piccoli imprenditori che arrivano a suicidarsi, stranieri trattati come schiavi e giovani senza prospettive di un futuro.

Nel mezzo abbiamo appena saputo dalla suprema Corte di Cassazione che il nostro Presidente del Consiglio, il primo garante della sicurezza e dei diritti dei cittadini che rappresenta e che lo hanno votato, ha corrotto un avvocato inglese, David Mills, il quale ha visto il suo reato prescritto perché è stato dimostrato che la corruzione, e quindi il reato, risale al 1999 e non al 2000 e perciò, secondo la Legge italiana, è scaduto.

Con tutto questo, come mai il famigerato tappo non è ancora saltato? Cosa manca?

Certo, mancano gli italiani…

In altri paesi basterebbe l’1% dello schifo che succede qui da noi per far crollare la baracca, basta guardare quello che sta accadendo in Grecia (sempre che si riesca a reperire qualche notizia) dove l’economia è definitivamente collassata con un debito pubblico irrisorio rispetto al nostro paese che nella lista dei fallimenti, è il prossimo; da noi invece il popolo si scandalizza solo se un cantante dichiara di fare uso di droghe come antidepressivo, si arrovella sull’argomento principe senza corona e senza vergogna con aspirazioni da one man show e si interroga su come mai partecipanti, vincitori e organizzatori del carrozzone Sanremese appartengano tutti alla stessa parrocchia senza dimenticare naturalmente le interpretazioni settimanali delle dichiarazioni di Mourinho e i dibattiti sui rigori non dati alle piccole squadre.

Nel trailer di un film italiano in uscita nei cinema in questi giorni c’è una scena che recita cosi: “sei milioni di italiani stanno davanti alla tv a guardare il grande fratello, sono tutti una massa di coglioni?”

Risposta in coro……….

Tenete la bottiglia in fresco..il tappo prima o poi, salterà.

VINCENZO PACILE’



'Cosa manca perché il tappo salti e tutti si possa brindare alla fine di questa sudicia II° Repubblica?? Ah si, gli italiani.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares