E adesso lo chiamano..Tranità

Un nuovo scandalo (erano pochi) investe il Premier Berlusconi per fatti ritenuti penalmente rilevanti.

Il capo del Governo cercava di convincere con le buone e con le cattive le sue marionette piazzate qua e la in Rai per chiudere i programmi che non gli stavano troppo a cuore, Annozero in primis, nel perfetto stile  democratico che lo ha sempre contraddistinto.

Ora si lamenta del fatto che i giudici gli impediscono di lavorare e limitano la sua democrazia, peccato che quando è libero da impegni giudiziari, passa il tempo a farsi grandemente i cazzi suoi tra una Legge per non andare sotto processo o per non essere condannato, una telefonata per una zoccola da promuovere sottosegretario e un tentativo di chiusura di programmi tv…proprio un Premier del fare..

Speriamo che la Legge per impedire le intercettazioni telefoniche venga resa esecutiva al più presto, così il paese riuscirà finalmente ad uscire dalla crisi che ci sta sfinendo.

Almeno così la smetterà di occuparsi solo dei propri interessi e comincerà finalmente, insieme al suo Governo, al momento asservito alla di lui difesa, a provare a risolvere i nostri problemi in pieno clima di  impunita serenità.

O altrimenti, archiviati anzi affossati: il caso Saccà, il caso escort e deputatine, Dell’Utri, i giudici della consulta, Spatuzza, Bertolaso, Mizolini Innocenzi etc, spunterà a seguire qualche altra squallida storiella alla Pierino che lo farà gridare al complotto.

Il Presidente del Consiglio ha affermato che è libero di parlare con chi vuole di ciò che vuole, è un suo diritto di libero cittadino, anche se parla con funzionari pubblici (e senza per favore..) per far chiudere programmi del servizio pubblico perché parlano male di lui; perché mai allora un tizio, neanche un pubblico ufficiale, che parlava al telefono con dei designatori per scegliersi gli arbitri amici e per purgare gli indigesti, è stato condannato per vari reati e si parlava in fondo solo di partite di pallone???

Per capire di chi si tratta basta controllare tra i giornalisti/editorialisti di uno dei quotidiani del Premier…

Almeno in questo è coerente…

VINCENZO PACILE’



'E adesso lo chiamano..Tranità' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares