easy - un viaggio facile facile

Easy – Un viaggio facile facile: road movie originale sulle strade dell’Ucraina

Easy (Nicola Nocella). Fonte: cineblog.it

Un uomo, una bara, un loden e le deserte strade dell’Ucraina. Questi gli ingredienti di Easy – Un viaggio facile facile , primo lungometraggio dello sceneggiatore e regista Andrea Magnani. Nel cast: Nicola Nocella, Libero De Rienzo, Barbara Bouchet. Oltre ad essere la prima “fatica”, quello di Magnani è il primo film a co-produzione italo-ucraina.

SINOSSI

Isidoro, “Easy”, (Nicola Nocella) ha 35 anni ed è un ex campione internazionale di go-kart in sovrappeso. Totalmente dipendente dagli antidepressivi, vive ancora a casa con la madre Delia (Barbara Bouchet) e passa le sue giornate chiuso in camera sua a giocare alla Playstation e pensando continuamente a come suicidarsi. Un giorno suo fratello Filo (Libero De Rienzo), giovane imprenditore edile, gli chiede un favore: deve riportare la salma di un operaio, Taras, morto in un suo cantiere, dalla famiglia in Ucraina. Un viaggio all’apparenza facile facile ma che, per Easy, riserverà più di una sorpresa.

UN VIAGGIO ON THE ROAD PER RITROVARSI

Bisogna essere onesti. Il tema dell’on the road è stato sciorinato più e più volte, non sempre con risultati degni di nota. Andrea Magnani, però, con Easy – Un viaggio facile facile, sovverte totalmente quanto fatto fino ad oggi.

Il protagonista, Easy, è come un paffuto bambinone che, dopo anni rinchiuso nelle mura domestiche, per la prima volta mette la testa fuori casa. L’occasione è un viaggio per riportare sì una salma sui Carpazi ma anche per riprendere in mano le redini della propria vita o per decidere di cambiarla del tutto.

Intorno a sé cosa trova? Trova un mondo profondamente “malato” rappresentato da Filo, responsabile della morte dell’operaio e pronto ad occultare il corpo inviandolo in Ucraina, e un’Europa fortemente lacerata, abbandonata, senza vere e reali opportunità di crescita e sviluppo. Mozzafiato le location e gli scenari, mostrati con l’unico scopo di centrare ancora di più l’attenzione sul senso di smarrimento e di solitudine che Isidoro prova nel corso del suo viaggio.

UNA LOCATION DI CONFINE

La scelta dell’Ucraina è stata motivata così dal regista, Andrea Magnani: “Certi viaggi portano dentro di sé quel sapore speciale che possiamo anche definire “avventura”: Easy parla proprio di questo, parla di strade sbagliate e di deviazioni, di incontri surreali e di contrattempi non meno surreali, ma parla anche della forza con cui si devono affrontare le incertezze e le paure, cercando una rinascita e, perché no, una redenzione“.

Fonte: filmtv.it

Ecco perché – continua Magnani – i paesaggi dell’Ucraina si sono rivelati ideali per ambientarci il film: perché […] Easy è una storia di confini. Quello filosofico tra vita e morte, quello culturale tra mondo latino e mondo slavo, quelli artificiali, costruiti dagli uomini, tra Europa Occidentale e Orientale, che poi sono i confini che Isidoro deve attraversare“.

Easy – Un viaggio facile facile è la storia di una persona che, già dalla lunga barba e dal suo essere sovrappeso, di fatto manifesta un fallimento. Nonostante tutto, però, decide di non arrendersi, di provare a invertire la rotta. Può essere tranquillamente la storia di ognuno di noi. Un uomo qualunque, senza doti da supereroe, che cerca di rialzarsi dopo una “brutta caduta”.

Un ottimo esordio quello di Magnani, che strappa sia risate che momenti di riflessione e ci fa sperare, ancora di più, che il cinema italiano abbia ancora tanto da dare e da dire. Alleluia.

Easy – Un viaggio facile facile sarà al cinema dal 31 agosto distribuito da Tucker Film

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Giornalista pubblicista, fondatore e direttore di Wild Italy. Ha collaborato con varie testate nazionali e locali, tra cui Il Fatto Quotidiano e La Notizia Giornale, ed è blogger per l’Huffington Post Italia. Nel 2011 ha vinto il Primo Premio Nazionale Emanuela Loi (agente della scorta di Paolo Borsellino, morta in Via d’Amelio) come “giovane non omologato al pensiero unico”. Studioso di Comunicazione Politica, ha lavorato in campagne elettorali, sia in veste di candidato che di consulente e dirige, da fine 2016, Res Politics - Agenzia di comunicazione politica integrata . DIRETTORE DI WILD ITALY.


'Easy – Un viaggio facile facile: road movie originale sulle strade dell’Ucraina' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares