Ecco i responsabili del Segreto di Stato sulle dichiarazioni di Carmine Schiavone

schiavone_intervista_skytg24Da quando sono diventate pubbliche le dichiarazioni di Carmine Schiavone durante l’audizione alla Commissione Parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse tutti si chiedono chi sia stato a secretare questi atti per ben 16 anni. Chi pose, allora, il Segreto di Stato su quegli atti?

La normativa vigente indica che, a porre il Segreto di Stato, è il Parlamento. Non è chiaro chi sia, in ultimo, ad apporre il sigillo. Anche perchè, questa norma che da pieni poteri al Parlamento è del 2007, fino ad allora, prevedeva delle procedure piuttosto articolate. In soldoni, la decisone spettava alla Presidenza del Consiglio che ne dava comunicazione ad un Comitato Parlamentare costituito da quattro deputati e quattro senatori nominati dai Presidenti dei due rami del Parlamento;
il Comitato parlamentare ove ritenga, a maggioranza assoluta dei suoi componenti, che l’opposizione del segreto non si sia fondata, ne riferisce a ciascuna delle Camere per le conseguenti valutazioni politiche.
Detto questo, però, esistono dei responsabili. Persone che erano ai vertici dei ruoli chiave che hanno girato attorno a questioni giudiziarie e, inevitabilmente, anche alle dichiarazioni di Schiavone. È il classico “non potevano NON sapere”.

Angela-ciao-sono-Romano-lo-spread-di-Prodi-per-il-Colle_h_partbNon servono infiltrati nel Servizi Segreti o nel KGB per sapere chi c’era sulle poltrone più alte. Basta scorrere la storia di poco più di dieci anni e i nomi saltano fuori. E allora, per far capire chi fu, quantomeno, a non impedire di mettere a tacere informazioni che erano indispensabili per proteggere la salute delle persone residenti sulle zone sotto le quali l’ex boss di quelle merde del clan dei Casalesi, dice di aver sotterrato rifiuti tossici, ecco che vi indichiamo i nomi e i cognomi, molti dei quali li conoscerete sicuramente.
L’audizione risale al 7 ottobre 1997:

Presidente della Commissione: MASSIMO SCALIA, deputato del Gruppo Misto.
Componenti della Commissione e presenti durante l’audizione: GIANFRANCO SARACA (Forza Italia), GIOVANNI LUBRANO DI RICCO (Verdi-Ulivo), ROBERTO NAPOLI (Cristiani Democratici) e GIUSEPPE SPECCHIA (Alleanza Nazionale).

Presidente della Repubblica: OSCAR LUIGI SCALFARO
napo
Presidente del Consiglio: ROMANO PRODI

Segretario del Consiglio dei Ministri: ENRICO LUIGI MICHELI

Ministero dell’Interno: GIORGIO NAPOLITANO, in carica dal 17 maggio 1996 al 21 ottobre 1998. (Sua la celebre frase “I pentiti, in Italia, sono troppi!”)

Ministro di Grazia e Giustizia: GIOVANNI MARIA FLICK, Presidente della Corte Costituzionale dal novembre 2008 al febbraio 2009.

Ministro dell’Ambiente: EDOARDO RONCHI

Presidente della Corte Costituzionale: RENATO GRANATA.

Vice Presidente del Consiglio: WALTER VELTRONI

Presidente del Senato: NICOLA MANCINOviolante_0
Presidente della Camera: LUCIANO VIOLANTE

Questi sono i nomi principali, quelli attorno al quale avrebbe potuto gravitare la decisione del segreto di stato.
Un dato non ci è stato possibile reperire: il direttore del COPACO, cioè il comitato che ha preceduto il COPASIR, nato nel 2007.
Ci è invece possibile comunicare il nome del Segretario Generale del CESIS (Comitato esecutivo per i servizi di informazione e sicurezza): FRANCESCO BERARDINO.

Quindi, quando vi domandate chi siano i responsabili di quella sciagurata decisione, sapete che questi sono i nomi che dovete tenere ben a mente.


About

Residente a Belluno, studia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna alla facoltà di Lettere, con indirizzo storico, per poi specializzarsi in giornalismo.
giampross@katamail.com


'Ecco i responsabili del Segreto di Stato sulle dichiarazioni di Carmine Schiavone' have 3 comments

  1. 20 novembre 2013 @ 6:28 pm attilio cece

    la lista di disonesti s’allunga…………….
    mandiamoli tutti a casa questi poco per bene

  2. 21 novembre 2013 @ 5:54 am armando

    Il problema del nostro paese è proprio questo, cioè che qualsiasi negligenza accada a livello diriginziale, non vi è mai un unico responsabile a cui appellarsi!!! Troppi organi troppi membri troppe persone, quindi molti errori nessun responsabile!!!!

  3. 15 settembre 2015 @ 9:07 pm Alberto Gramaccini

    Totò u curtu è a Opera con soli vitto e alloggio, i (veri) mafiosi di Schiavone sono all’opera con lauti stipendi e pensioni. “Le classi superiori d’Italia sono le più ciniche di tutte le loro pari nelle altre nazioni. Il popolaccio italiano è il più cinico de’ popolacci”. Giacomo Leopardi, “DISCORSO SOPRA LO STATO PRESENTE DEI COSTUMI DEGL’ITALIANI”, 1824, pubblicato nel 1906.


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares