Editoria sociale: intervista a Roberto Fraschetti

Fare lo scrittore può sembrare semplice e allettante, ma in realtà non è così. La vita dello scrittore è piena di problematiche, frustrazioni e delusioni prima di giungere alla tanto agognata pubblicazione. Questo vale soprattutto nel mondo attuale, un universo che invece di sfruttare al meglio le nuove risorse le trasforma in trappole. Abbiamo contattato Roberto Fraschetti, scrittore romano classe ’62, autore di diversi libri, ma che nonostante non sia più un semplice emergente si scontra con una realtà ancora dura e pungente.images

Come e quando ha iniziato a scrivere?

Nel 2000 è cominciata la vera e propria carriera come scrittore. Ho vinto un concorso, il bando prevedeva la pubblicazione di un testo. Ho vinto con “Valle di Luna” un piccolo romanzo di un centinaio di pagine.
Tuttavia, già dai tempi della scuola avevo questa passione: Ero uno dei pochi a scuola a non copiare ai temi e facevo parte del giornalino scolastico.

Quando scrive si basa su storie vere/testimonianze o è tutto frutto della sua immaginazione?

Diciamo un po’ un mix. Io insisto molto su questo: La narrativa è capacità di trasformare le persone in personaggi. Vedo la realtà in prima persona, con i miei occhi, e poi la racconto. E parlo sempre di posti lontani ma per parlare di noi, di Roma, dell’Italia. Con i miei libri voglio dare un riscontro ai poveri, agli ultimi.

Parliamo un attimo di “Luna Nuova”, il suo ultimo lavoro.

Fa parte di una saga di quattro libri che parlano delle rivoluzioni cubane. I cubani sono un popolo per certi versi molto simile a noi italiani e anche per questo ho cominciato a parlare di Cuba: per raccontare la realtà italiana. “Luna Nuova” è il secondo volume di questa saga. Nello specifico parla della scelta di uno degli uomini più ricchi dell’isola. Egli ha davanti due donne: Una è ricca, l’altra una prostituta, l’ultima della scala sociale. E qui troviamo uno dei temi ricorrenti nei miei libri, quello del doppio, di una persona che si sostituisce a un’altra per attuare un cambiamento, che è sempre positivo.
L’altro importante tema di questo libro è la vendetta. Tutto questo unito a tutte le caratteristiche dell’isola di Cuba, come il ruma, il tabacco…

Invece circa “Nere di Dune –Storia in Libia ai tempi del fascismo”?

coverQuesto è più che altro un libro di denuncia. Gli italiani non vogliono fare i conti con un certo tipo di passato, come il fatto che siamo stati tra i primi a usare il gas nervino contro le popolazioni civili o a bombardarle con l’aeronautica militare o aver fondato campi di concentramento in Libia. Questo libro va contro l’omertà del popolo italiano. “Omertà” una parola che si collega sempre alle mafie, ma che in realtà è molto diffusa anche in altri ambiti.

Come vive la sua realtà di scrittore italiano in Sud America?

La vivrei ancora meglio se potessi fare un po’ qui e un po’ lì. Adesso il Sud America è in piena espansione culturale e mi piacerebbe essere maggiormente lì , perché c’è un fermento che qui in Italia non c’è.

Sempre sul suo blog leggo che “segue e insegue da anni l’idea di un progetto di editoria sociale”. Che significa?

Il senso dell’editoria è garantirmi una distribuzione. Io scrittore posso scrivere il libro e correggermelo, fare l’editing, ma non posso garantirmi una distribuzione. A questo serve l’editore, ma se non me l’assicura più finisce il suo ruolo. Allora se io ho una serie di amici disoccupati ci mettiamo insieme e si va in giro a vendere il libro. Non ci guadagnerò per vivere, ma è un modo alternativo per distribuire le mie idee e almeno non mi faccio prendere in giro da una finta casa editrice

Un’ultima domanda: Progetti per il futuro?

Scrivere la saga sulle rivoluzioni cubane. Mi sto documentando per il terzo libro, ambientato nel 1933. E sto cercando case editrice vere per pubblicare “Luna Nuova”.

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Studentessa di Editoria e Scrittura presso la Sapienza di Roma. COLLABORATRICE SEZIONE CULTURA.


'Editoria sociale: intervista a Roberto Fraschetti' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares