EICMA 2015: l’anno delle Scrambler

Esposizione mondiale del motociclismo, Milano – 73° edizione. Le novità viste sono di ogni genere, ma le Scrambler, a partire da BMW, hanno spopolato.

In manifestazioni di questo tipo le due ruote sono rappresentate da tutto il mondo e in ogni forma. Si parte dagli scooter per arrivare al maxi sportive, passando per le moto cittadine. Nel 2015, però, la ruota tassellata ha davvero sbancato. L’anno scorso la Ducati ha presentato la Scrambler, forte di un passato inequivocabile, ed era possibile pensare che la tendenza si esaurisse con il marchio italiano, 36_P90202993anche visto il successo ottenuto, e invece… anche in questa edizione, almeno in via teorica, lo sterrato è stato preferito all’asfalto. Abbiamo deciso di raccontarvi le tre moto su questo genere che ci hanno colpito di più.

BMW R NINET SCRAMBLER.

La casa tedesca ha deciso di non farsi alcun tipo di problema chiamando la sua nuova moto proprio “Scrambler”. In realtà non è nulla di trascendentale, poiché si tratta di una già nota R nineT rivisitata in chiave off-road. Motore Boxer bicilindrico a raffreddamento aria/olio, 1.170 cilindrata, 110 cv, un’accelerazione 0‒100 km/h in 3,6 secondi e una velocità massima superiore ai duecento orari. Cosa cambia rispetto alla nineT? Poco. Scarichi alti, pneumatici dal disegno lievemente tassellato, griglia sul faro e tabella porta numero. Non è una novità epocale, ma arriva nel momento in cui il mercato non chiede altro.

honda-crf1000l-africa-twin-honda_crf1000l_africa_twin_16ym_studio_084_absHONDA CRF 1000L AFRICA TWIN.

Questo è l’unico caso in cui non si tratta di Scrambler ma di una moto dura e pura, che non fa scena ma è nata per attraversare i deserti. La reputazione creata nel corso degli anni non è indifferente ed è esattamente per questo che il marchio giapponese ha fatto una scommessa molto difficile in cui la posta in gioco è molto alta. In alcuni modelli manca la frizione per spaventare i tradizionalisti… È il cambio a doppia frizione DCT (Dual Clutch Transmission) che può essere utilizzato in modalità sequenziale con i paddle al manubrio o semplicemente in modalità automatica. In ogni caso è pieno zeppo di mappature adatte ad ogni tipo di percorrenza. Il motore che monta scarica a terra ben 95cv a 7.500 giri/min, con una coppia massima di 98 Nm a 6.000 giri/min.

02BENELLI LEONCINO.

Da Pesaro ci sono segni di ripresa. In effetti era parecchio tempo che dalla fabbrica Benelli non uscisse una motocicletta di tendenza, che potesse davvero sbancare il mercato. Non siamo sicuri che accada con questo nuovo modello, ma le premesse ci sono tutte. Cilindrata e potenza adatte a tutti (500cc, 48 cv), o quasi, e il look è aggressivo e capace di attirare gli sguardi di tutti i passanti. Senz’altro è una Scrambler e non sembra copiata dalle altre, ma anzi con una personalità unica. Quando sapremo il prezzo, capiremo se il Leoncino ruggirà per davvero.

Magari è solo una moda passeggera, ma a quanto si è visto ad Eicma, lo sterrato sta gradualmente prendendo il posto dell’asfalto.

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Appassionato di motori sin dall’infanzia, comincia il suo percorso professionale di giornalista auto e motociclistico dal compimento dei diciotto anni, subito dopo aver preso la patente di guida. Anche negli studi ha confermato la sua vena motoristica laureandosi nel 2012 in Scienze e tecnologie della comunicazione con una tesi riguardante la Fiat 500 come prodotto culturale e nel 2015 in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione analizzando il Tg2 Motori in un progetto con la cattedra di formati e stili del giornalismo radio televisivo. Di pari passo con la frequentazione dell’Università la Sapienza di Roma, ha collaborato e collabora in qualità di redattore e tester con numerose riviste di settore; tra le più importati: Car Magazine e Special Cafe. Da aprile 2014 cura una galleria fotografica su Instagram Special_Racer. Dal 14 aprile 2010 è iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti del Lazio. RESPONSABILE SEZIONE RUOTIAMO (MOTORI).


'EICMA 2015: l’anno delle Scrambler' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares