Eurofame

Ormai da parecchio tempo sentiamo ripetutamente Matteo Salvini, Giorgia Meloni e il Movimento Cinque Stelle esclamare: “L’Italia, per riprendersi, deve uscire dall’Euro!”.

Ma forse:

Se avessimo avuto una classe politica degna, preparata e non corrotta, oggi, grazie all’Euro, avremmo risparmiato 600 miliardi (quasi un terzo del nostro deficit) in interessi sul debito. E non dovremmo elemosinare nulla a Bruxelles, ma comandare.

Se l’Italia uscisse dall’Euro, la Lira non avrebbe nessun peso nei mercati azionari, perché non deteniamo nessuna materia prima;
Se uscisse dall’Euro, la Lira sarebbe talmente debole che le multinazionali potrebbero comprare – ancora più di oggi – nostri gioielli d’impresa a prezzo low cost;
Se uscisse dall’Euro, per noi viaggiare all’estero diventerebbe carissimo;
Se uscisse dall’Euro, moriremmo di fame e di freddo e andremmo a piedi: per noi comprare le materie prime e il petrolio (contrattati con la Moneta Unica) sarebbe molto costoso;
Se uscisse dall’Euro, il nostro debito esploderebbe e soprattutto i suoi interessi, visto che tutti gli speculatori stranieri farebbero la gara per vendere le quote.

Queste osservazioni sono velleitarie o verosimili?


About

Studia Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma Tre e ha scritto, fin dall’età di 17 anni, in vari giornali locali. Da qualche anno è rimasto folgorato dall’ambiente radiofonico e non se ne è più andato. Conduce ogni settimana un programma di attualità ed interviste su RadioLiberaTutti.it . REDATTORE SEZIONE POLITICA.


'Eurofame' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares