hamilton rosberg

La F1 in 7 tappe, la sfida tra Hamilton e Rosberg si deciderà così

Ancora Mercedes, ancora duello in famiglia. Anche in questo 2016 il mondiale di Formula 1 si deciderà tra i due piloti della casa tedesca, per un finale di stagione tutto da vivere. Singapore, Malesia, Giappone, USA, Messico, Brasile, Abu Dhabi: 7 gare per  la corsa al titolo iridato. Il vantaggio di Lewis Hamilton è di appena di due punti su Nico Rosberg. Circuiti molto particolari, da una parte all’altra del mondo, tra fusi orari e notti insonni – soprattutto per noi appassionati.

Analizziamo tutte le ultime 7 tappe del mondiale, cercando di fare un quadro delle piste e di cosa ci possiamo aspettare in questo splendido finale di stagione.singapore

GP di Singapore.

Si parte con il Gp di Singapore; la pista misura 5.065 chilometri per 61 Giri. L’anno scorso vinse Sebastian Vettel. Circuito cittadino nei pressi di Marina Bay.

Una gara molto difficile da interpretare, visto che si disputerà di notte ed il percorso è in senso antiorario. In Italia saranno le 14:00. Molti i punti buoni per tentare un sorpasso, data la presenza di lunghi rettilinei. Nelle scorse edizione è entrata spesso la Safety Car: se l’eventualità si dovesse ripetere, difficilmente qualcuno potrà tentare la fuga in gara.

GP di Malesia.

Malesia ore 9.00 italiane, circuito di Sepang. La pista misura 5.543 chilometri, i giri da compiere sono 56. L’anno scorso vinse Sebastian Vettel. Il tracciato è tristemente ricordato per la scomparsa di Marco Simoncelli, che perse la vita durante la gara di Motogp del 2011.

Ciruito caratterizzato da due lunghi rettilinei, collegati da una curva verso sinistra. E’ una pista molto veloce, anche nella parte tecnica.
Nel calendario del mondiale il GP di Sepang era collocato spesso all’inizio; negli ultimi anni, per motivi logistici, è stato inserito nella parte finale del mondiale durante trasferta asiatica. La partenza può essere fondamentale, con possibilità di fuga per chi mantiene un ritmo costante.

GP del Giappone.

Lewis Hamilton

Lewis Hamilton

Giappone: ore 7.00 italiane, circuito di Suzuka. La pista misura 5.807 chilometri per 53 giri. Il tracciato è disegnato a forma di 8; la prima parte è caratterizzata da una serie di varianti in successione molto veloci, la seconda, invece, è molto più guidata.

Suzuka ha subito tante modifiche negli anni passati, anche in seguito alla tragica morte di Daijiro Kato nel 2003 in Motogp – Suzuka scomparve dal calendario del motomondiale, sostituito da Motegi. L’anno scorso vinse Lewis Hamilton.

GP degli Stati Uniti.

Usa, ore 21.00 Italiane. Il circuito di Austin è lungo 5.513 chilometri, per 56 giri di gara. Il tracciato, come tanti altri della F1 (Mosca, Shanghai), è stato ideato dall’architetto tedesco Hermann Tilke. 

Hamilton ha vinto 3 volte su questo circuito, compreso il sigillo della scorsa stagione. Il percorso, decisamente adatto al campione del mondo in carica, si percorre in senso antiorario. 20 curve, molte ispirate a celebri circuiti europei, come la sequenza di Maggotts-Becketts-Chapel del tracciato di Silverstone, la curva 8 del GP della Turchia.

GP del Messico.

Messico ore 20.00 Italiane. Si corre sul circuito Hermanos Rodriguez, sede storica dei Gp di Messico, caratterizzato da due rettilinei e da un tratto misto.
Il circuito è posto oltre i 2000 metri di altezza 
e, per questo motivo, sulle monoposto verranno apportate modifiche soprattutto per gli impianti di raffreddamento. 

Rosberg vinse l’anno scorso; è un circuito molto veloce e breve, di appena 4.304 chilometri, da percorrere per 71 volte.

GP del Brasile.

Nico Rosberg

Nico Rosberg

Brasile, ore 17.00 italiane. Circuito di Interlagos, l’anno scorso vinse Nico Rosberg. Il tracciato è lungo 4.309 chilometri, per un totale di 71 giri, e si percorre in senso antiorario.

Una delle piste più famose del panorama automobilistico mondiale, caratterizzato da grandi curvi e da celebri salite e discese, che fanno di Interlagos una gara veramente affascinante. Molti sono stati i titoli, in passato, decisi proprio sulla pista brasiliana. Il percorso è situato nel bel mezzo di due laghi artificiali.

GP di Abu Dhabi.

Abu Dhabi, ore 14.00 Italiane. L’ultima prova del mondiale si disputerà il 27 novembre sul circuito di Yas Marina  5.554 chilometri per 55 giri – una gara che potrebbe anche valere solo per le posizioni di rincalzo.

La pista, costruita vicino al Ferrari world, il parco tematico dell’automobilismo, conta 21 curve, molto avveniristica, con uscita dei box che passa sotto il circuito e lunghi tratti guidati. Il circuito, decisamente non troppo impegnativa, è adatto per i piloti che voglio esaltare il loro stile di guida aggressivo.

L’anno scorso vinse Nico Rosberg, che si aggiudicò una vittoria inutile per le sorti del mondiale, che andò a Lewis Hamilton. La corsa inizia al tramonto e si conclude a notte fonda: per l’illuminazione è stato utilizzato lo stesso impianto del circuito di Losail, in Qatar.

Ora le coordinate ci sono tutte. Non resta che aspettare e vivere tappa per tappa questo splendido finale di mondiale. Chi vincerà tra Hamilton e Rosberg?


About

Nato nel 1988 e diplomato al liceo B. Pascal. Grande passione per la radio, lo sport e molto attivo negli ambienti delle attività dilettantesche nel regionale romano. Fin da piccolo amante delle quattro e delle due ruote. BLOGGER DI WILD ITALY


'La F1 in 7 tappe, la sfida tra Hamilton e Rosberg si deciderà così' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares