F1, Gp Canada: PAGELLE

Michael Schumacher: 4/5

Forse i troppi problemi tecnici gli faranno comprendere che l’ora di smetterla di fare il bambino è già passata. Oppure glielo faranno capire i suoi meccanici, gli stessi meccanici che oggi hanno tentato di riportare nella propria sede il DRS di Schumi a suon di pugni, lo stesso DRS che, nel giro precedente, gli aveva fatto fare un po’ di rally.

Jenson Button: 5                                                     

Perde 6 posizioni rispetto alla griglia di partenza e conclude 16esimo. Alterna podi a prestazioni anonime: carriera ricca d’insuccessi, ascesa sfolgorante e declino altrettanto ripido. Questo mix non si addice a un candidato al titolo.

Pastor Maldonado: 6-

Penalizzazioni in griglia a non finire per il vincitore del Gp di Spagna, che, nonostante tutto, risale dalla 22esima posizione alla 13. Voto d’incoraggiamento.

Felipe Massa: 5.5

Parte sesto, ingaggia subito una bagarre entusiasmante con Rosberg, che lo precede di una posizione, lo supera dopo poco e finisce in testacoda il giro successivo. Perde 9 secondi e non riesce più a rientrare tra i protagonisti dell’azione. Conclude decimo.

Kimi Räikkönen; 6

Gran Premio anonimo tanto quanto quello di Button, ma, al contrario del pilota McLaren, racimola quattro posizioni e taglia il traguardo ottavo.

Marc Webber: 6.5

Parte quarto, ma deve subito cedere il passo a chi lo segue. Quando Massa finisce in testacoda, lo sostituisce nella bagarre con Rosberg, ma non riesce a tenere il ritmo del tedesco, anche se conclude alle sue spalle. Sufficiente, anche se, tenendo conto delle prestazioni della passata stagione, verrebbe da storcere il naso.

Nico Rosberg: 8

L’unica nota positiva della giornata è il giovane biondino: quando c’è da lottare, lui è sempre nella mischia. Liquida tutti gli avversari – eccetto Felipe, che si autoelimina – ed entusiasma gli spettatori. Peccato non riesca ad agganciare i primi e perda una posizione rispetto alla griglia di partenza, chiudendo sesto.

Fernando Alonso: 6/7

Leader del mondiale fino alla vigilia del Gp, riesce a tenere il passo di Vettel e Hamilton per tutta la gara. Spinge come un forsennato quando la vettura glielo concede, ma sbaglia tattica, e le gomme lo lasciano quasi a piedi. Perde la testa del mondiale e fa brutta figura in gara: voto alto perché la colpa non è del tutto sua.

Sebastian Vettel: 6/7

Parte in pole, ma, così come Alonso, sbaglia tattica, salvo poi salvarsi in corner rientrando ai box a pochi giri dalla fine, per montare gomme nuove e partire alla ribalta. Passa dal secondo al terzo posto in classifica generale, arrivando ad un punto da Alonso, ma a tre – come prima della gara – rispetto al primo. Prestazione sottotono e ruolo marginale nella gara: è sempre in mezzo, adombrato da chi lo segue e lo precede. La lungimiranza nell’effettuare l’ultimo pit-stop, però, non è da premiare.

Sergio Perez: 7

Qualcuno, molto probabilmente, non sa ancora chi sia. Molto probabilmente – ancora – quando qualcuno l’avrà visto passare per terzo sotto la bandiera a scacchi, avrà esclamato: “ma che cazz… ci fa lì quello?”. Parte 15esimo e chiude sul podio: mica male, no?

Romain Grosjean: 6/7

Vale lo stesso discorso fatto per Perez, solo che Romain apriva la quarta fila in griglia di partenza.

Lewis Hamilton: 8.5

Gara simile a quella di Alonso, ma con qualche problema tecnico in più (la gomma posteriore destra non è bloccata subito durante il secondo pit-stop). Al contrario dello spagnolo, azzecca la tattica, pregando Dio, Allah, Buddha e Spongebob (non aveva tempo di fare lo schizzinoso) che le gomme di Fernando e Sebastian si sciolgano prima del traguardo. Inoltre, era l’unico dei big a mancare tra i vincitori di un Gp nella stagione 2012. Mezzo punto in più per questo.

PIETRO CANCIAN

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'F1, Gp Canada: PAGELLE' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares