Glass

Glass, la decostruzione del genere fumettistico nella contemporaneità

Glass affronta la decostruzione di un genere andando ad osservare la natura dei personaggi e della nuova realtà ipermediale

 

glassNel 2000 M. Night Shyamalan cominciava ad interrogarsi intorno alla natura dei fumetti e dei personaggi che li popolano. Con Unbreakable – Il predestinato il cineasta indiano esplora il sentimento di unicità che contraddistingue gli eroi su carta stampata, delineandone le differenze con le persone comuni e procedendo attraverso la riflessione sulla creazione che non avveniva più in maniera esterna e disinteressata, ma agiva direttamente dalle viscere della storia, partendo dai protagonisti del film per descriverne abilità, intenzioni e umori.

Un’opera che ha resistito al tempo e alle critiche dei contemporanei, mantenendo il proprio fascino per l’introspezione narrativa e motivale dei personaggi, ponendosi al di fuori di un genere cinematografico e di intrattenimento che di lì a poco avrebbe dominato con pervasività aggressiva e regnante il panorama del cinema internazionale.

La dissezione adottata da Glass su storia, personaggi e immaginario

Ragionamento messo in pausa nel secondo capitolo di quella che, con il film Glass, sarebbe andato a comporre la trilogia inconsueta del regista. Split affronta ancora una volta le capacità particolari dell’umano, agendo però con l’utilizzo del motore dello stupore e rendendo evidente il proprio scopo di unione con la pellicola di inizio millennio solamente sul finale. Un’operazione che ha generato curiosità massima per il futuro della saga e che con Glass raggiunge il suo completamento più analitico e stratificato.

Riunendo insieme i tre protagonisti delle due opere, Shyamalan estende i concetti seminati – e comunque ben svolti e chiusi anche prendendo da solo il primo film della serie – per ampliare una ricezione e la condizione di vissuto di chi di fumetti vive e, inevitabilmente, fa parte.

glass

Collocando il fattore di ispezione primaria nella psicologia dei personaggi di Bruce Willis, Samuel L. Jackson e James McAvoy, Glass decostruisce non solo le personalità dei villain/supereroi per permettere loro di congetturare la propria singolarità e adottare un’elaborazione che vada ancora più in profondità di quanto sia stato fatto con Unbreakable. Il film va, infatti, a scomporre prima di tutto il genere di appartenenza, smontandolo con perizia talmente penetrante e invasiva da suddividere l’opera in frammenti sempre più impercettibili, ma essenziali nella loro continua spartizione.

È dissezione la parola con cui approcciarsi alla visione e alla riflessione di Glass. Dissezionare le menti, dissezionare i comportamenti, dissezionare la narratologia fumettistica per osservarla – e approfondirla – sotto una luce che mai era stata sondata. Almeno mai in una via così lucida e prettamente concentrata sul fatto. Dissezione avviata per giungere alla più stimolante delle considerazioni sui fumetti e sul loro padroneggiare nel mondo di oggi, nella società di cui sono diventati fautori principali di interesse e in cui sono integrati al punto tale da aver costruito metanarrazioni in cui la consapevolezza del proprio statuto è diventata quasi più importante dei loro obiettivi e finalità.

 

LEGGI ANCHE: SPLIT, LA SOFFERENZA COME PUNTO DI FORZA SECONDO SHYAMALAN 

 

L’era ipermediale e fumettistica contemporanea e di Glass

La penetrazione della decostruzione e ricostruzione del fumetto e dei suoi personaggi si avvale inoltre dell’ambientazione ipermediale messa in mostra dal regista con un’ottica altrettanto efficace e dilatante, senza cui la diffusione della realtà supereroistica dei protagonisti non potrebbe funzionare. Una tecnologizzazione attuale che è veicolo primo anche per quegli eroi nati e raccontanti tra le pagine di un albo, che la velocità dell’era di internet, del controllo, della sicurity service e delle registrazioni propone al meglio e con riscontri immediati. Una modernizzazione che è adesso e che M. Night Shyamalan collega alla mitologia dei fumetti. Un rapporto tra tematica e epoca della rete che, con ragione critica, affronta il proprio tempo e le tematiche primarie dell’intrattenimento cinematografico.

glassTutto raffigurato con una regia che non interrompe mai i propri movimenti, che asseconda la gestualità dei personaggi, le loro angolazioni più astruse. Una fluidità di azione collegata agli attori e al loro postarsi nello spazio, non temendo di storcersi o contrarsi, arrivando anche a capovolgersi. Gli interpreti tornano ai loro ruoli e indagano, insieme a Shyamalan, il loro istinto e il luogo a cui appartenere nel mondo. Una ricerca dell’identità mantenuta alta per l’intera pellicola, dando a Glass stesso la propria anima e spartendola con i suoi ottimi attori protagonisti. Un trattato sulla stabilità del supereroe e come raccontarlo. Una trilogia che si chiude ingrandendosi a dismisura. Perché è vero che si è arrivati alla fine di una saga, ma Mr. Glass lo ha sempre saputo: in verità, siamo capitati in una storia delle origini.

GLASS SARÀ AL CINEMA DAL 17 GENNAIO DISTRIBUITO DA UNIVERSAL PICTURES.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Martina Barone è nata a Roma nel 1996. Appena diplomata al Liceo Classico Pilo Albertelli, è pronta a seguire all’università corsi inerenti al cinema e tutti i suoi più vari aspetti. Ama la settima arte in tutte le sue forme, la sua capacità di trasporti in luoghi lontani e diversi e di farti immergere in storie sempre nuove. Ama poterne parlare e poterne scrivere. COLLABORATRICE SEZIONE CULTURA


'Glass, la decostruzione del genere fumettistico nella contemporaneità' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares