Governo Renzi: nominati 35 sottosegretari e 9 viceministri.

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Sottosegretario all’Editoria: Luca Lotti, fedelissimo di Renzi (era il suo capo staff alla Provincia di Firenze), nasce ad Empoli il 20 giugno 1982. Laureato in Scienze di governo e dell’amministrazione all’Università di Sandro-GoziFirenze, è deputato alla sua prima legislatura. Il segretario uscente, Guglielmo Epifani, lo aveva scelto per occuparsi degli Enti locali nella scorsa segreteria. Nella segreteria dei democratici attuale, è il Responsabile Organizzazione.

Sottosegretario ai Servizi Segreti: Marco Minniti, senatore Pd e politico dalemiano di lungo corso. E’ stato sottosegretario alla Difesa (Governo Amato), sottosegretario alla Presidenza del Consiglio (Governo D’Alema) e viceministro dell’Interno (Governo Prodi II). Col Governo Renzi mantiene l’incarico che aveva sotto la presidenza Letta di sottosegretario con delega ai Servizi Segreti e  l’incarico di Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica.

Sottosegretario con delega all’Unione Europea: Sandro Gozi (nella foto a destra, ndr), 44 anni, romagnolo, deputato Pd e Presidente della Delegazione presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa. Dopo una laurea in Giurisprudenza ha girato l’Europa, formandosi in città come Parigi, Londra e Bruxelles. Nel 1996 Gozi diventa un professore universitario di fama internazionale. Forte è stato il suo impegno istituzionale che lo ha visto impegnato persino ai negoziati del Trattato di Amsterdam nel 1997.

———

MINISTERO DELL’INTERNO

Viceministro: Filippo Bubbico, senatore Pd, nominato tra i “saggi” di Napolitano. Si è salvato da parecchie inchieste giudiziarie. Attualmente è sotto processo a Potenza per rispondere di abuso d’ufficio.

Sottosegretario: Domenico Manzione, magistrato, ha esercitato le funzioni di Sostituto presso la procura di Monza, quella di Lucca, nonché, in applicazione, presso la procura distrettuale e generale di Firenze. Per due volte componente del Consiglio giudiziario fiorentino, è stato addetto all’ufficio legislativo del Ministero della Giustizia dal 1999 al 2001. Dal 2009 è procuratore della Repubblica di Alba. Fa parte del comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura. Nel Governo Letta era sempre sottosegretario all’Interno. E’ fratello di Antonella Manzione, capo dei vigili e direttore generale del Comune di Firenze.

Sottosegretario: Gianpiero Bocci, deputato Pd, già sottosegretario al Ministero dell’Interno nel Governo Letta.

———

3b841ffa2a6bf8b1b0b9a40ada6704f2539f0333bcb0267dbdb67c31MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

Viceministro: Lapo Pistelli. Figlio di Nicola, deputato della Dc e assessore a Firenze del sindaco La Pira. A 23 anni Lapo decide di seguire le gesta paterne e diventa responsabile esteri dei giovani della Dc. Tre anni dopo entra nel consiglio comunale di Firenze, di cui diventerà anche assessore a 28 anni.

Nel ’96 approda a Montecitorio con l’Ulivo e nel 2004 si fa eleggere anche al Parlamento Europeo, ricoprendo l’incarico di capo delegazione della Margherita e vicepresidente del gruppo Alde.

Con la segreteria Pd di Walter Veltroni diventa responsabile delle relazioni internazionali del partito, carica che gli sarà confermata anche da Franceschini e Bersani.

Nel 2009 si candida alle primarie del centrosinistra per scegliere il candidato Sindaco di Firenze. Anche se sostenuto ufficialmente dal Pd, Pistelli non ce la fa e racimola il 26,91% dei consensi, posizionandosi dietro Matteo Renzi.

Scrive di politica estera su quotidiani italiani e stranieri, è membro del consiglio direttivo della fondazione dalemiana Italianieuropei e collabora con diversi centri studi progressisti.

Il 3 maggio 2013 Letta lo sceglie come viceministro degli Esteri, carica che Renzi oggi gli rinnova.

Sottosegretario: Mario Giro, membro della Comunità di Sant’Egidio. In qualità di mediatore, ha preso parte a diverse iniziative di pace della Comunità di Sant’Egidio in paesi del mondo come: l’Algeria, il Kosovo, la Libera e la Costa d’Avorio, il Darfur e la Guinea. Nel novembre del 2010 ha ricevuto a Parigi il prestigioso premio della Fondazione Jacques Chirac in considerazione della sua opera di prevenzione dei conflitti. Collaboratore dell’ex ministro Riccardi e candidato (non eletto) al Senato per Scelta Civica. Oggi fa parte del gruppo Per l’Italia. Mantiene il suo incarico di sottosegretario già assegnatogli dal Presidente Letta.

Sottosegretario: Benedetto Della Vedova, lombardo, classe ’62. Entra in politica nel 1994 con Pannella. Nel 1999 diventa parlamentare europeo per la Lista Bonino. Cinque anni dopo, smessi i panni del deputato europeo, fonda con Marco Taradash, il movimento dei Riformatori liberali e si allea con il centrodestra berlusconiano. Alle elezioni del 2006 entra alla Camera nella fila di Forza Italia in Piemonte. Passati tre anni fonda, insieme ad Antonio Martino, Sofia Ventura, Piercamillo Falasca e Mario Seminerio, l’associazione Libertiamo. Più o meno nello stesso periodo, Della Vedova comincia ad avvicinarsi a Gianfranco Fini, fino ad aderire a Futuro e Libertà per l’Italia, divenendone Vicecapogruppo a Montecitorio. Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto a Palazzo Madama con Scelta civica.

———

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Viceministro: Enrico Costa, ex deputato berlusconiano e neo alfaniano di ferro. E’ stato il primo firmatario nel 2012 di un emendamento che prevedeva una forte limitazione della divulgazione delle intercettazioni ed è sempre lui che propose la rivisitazione al ribasso dei termini di prescrizione. E’ stato anche relatore del lodo Alfano e del Legittimo impedimento.

Sottosegretario: Cosimo Ferri, ex leader di Magistratura Indipendente (la corrente più a destra del Csm) e sottosegretario alla Giustizia nel Governo Letta. In lui, diceva Giancarlo Innocenzi (ex commissario Agcom), Berlusconi “aveva trovato una chiave interessante” per bloccare i talk show sui processi di Milano del Cavaliere. Lo chiamava “l’amico del Csm”. Per approfondire vi rimandiamo ad un articolo di Antonella Mascali, firma de Il Fatto Quotidiano.

———

MINISTERO DELLA DIFESA

Sottosegretario: Domenico Rossi, Ufficiale dell’Esercito, Generale di corpo d’armata e già Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito. E’ deputato di Scelta Civica aderente al gruppo parlamentare Per l’Italia.

Sottosegretario: Gioacchino Alfano, ex berlusconiano, sottosegretario al Ministero della Difesa nel Governo Letta. Oggi è deputato di Nuovo Centrodestra. E’ arrivato agli onori delle cronache, per aver affermato che con 4 figli, lo stipendio da onorevole non basta. 

———

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Viceministro: Luigi Casero, deputato di Nuovo Centrodestra, già sottosegretario all’Economia e alle Finanze del Governo Berlusconi IV e Viceministro dello stesso dicastero nel Governo Letta.

Viceministro: Enrico Morando, politico di lungo corso (è passato dal Pci al Pds ai Ds, fino al Pd). Diventa senatore per la prima volta nel 1994. Viene rieletto a Palazzo Madama nel 1996, nel 2001, nel 2006 e nel 2008. Nel 2007 è responsabile Economia nella segreteria Pd di Walter Veltroni. Oggi viene considerato un esponente dell’ “area liberal” dei democratici.

Sottosegretario: Pierpaolo Baretta, deputato Pd ed ex sottosegretario di questo ministero nel Governo Letta.

Sottosegretario: Giovanni Legnini, senatore Pd dal 2004 al 2013 e deputato in questa legislatura. E’ stato sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del Governo Letta con delega all’Editoria e all’Attuazione del programma di governo.

Sottosegretario: Enrico Zanetti, deputato di Scelta Civica. E’ docente presso la Scuola superiore dell’economia e delle finanze e vicepresidente dell’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. Dal 2012 è anche responsabile fiscale dell’associazione montezemoliana Italia Futura.

———

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICOdc4e

Viceministro: Carlo Calenda, coordinatore politico della montezemoliana Italia Futura e Vicepresidente di Scelta Civica. Mantiene l’incarico di Viceministro che aveva nel Governo Letta.

Viceministro: Claudio De Vincenti, già sottosegretario dello stesso ministero nel Governo Monti e nel Governo Letta.

Sottosegretario: Simona Vicari, senatrice Nuovo Centrodestra e già sottosegretario allo Sviluppo Economico nel Governo Letta. Il Fatto Quotidiano la ricorda così.

Sottosegretario: Antonello Giacomelli, ex parlamentare Pd ed ex vicesindaco di Prato. E’ stato capo della segreteria politica di Dario Franceschini e, insieme a Goffredo Bettini, Andrea Orlando e Vinicio Peluffo componente del coordinamento che guida la fase costituente del Pd a livello nazionale.

———

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI

Viceministro: Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi, è Vicepresidente vicario del gruppo parlamentare Per le Autonomie al Senato

Sottosegretario: Antonio Gentile, senatore di Nuovo Centrodestra e segretario d’aula di Palazzo Madama. E’ stato sottosegretario all’Economia e alle Finanze del Governo Berlusconi IV. Pare che abbia cercato di bloccare la pubblicazione de L’Ora della Calabria, giornale reo di contenere al suo interno una notizia scomoda sul figlio.

Sottosegretario: Umberto Del Basso De Caro, ex parlamentare Psi ed attuale deputato del Pd. E’ indagato per peculato nell’ambito dell’ inchiesta della Procura di Napoli sull’uso privatistico del ” Fondo per il funzionamento dei gruppi regionali” della Regione Campania. Fonte

 ———

MINISTERO POLITICHE AGRICOLE, FORESTALI E ALIMENTARI

Viceministro: Andrea Olivero, senatore eletto con Scelta Civica e passato poi ai Popolari per l’Italia di Mario Mauro. E’ stato Presidente Nazionale delle Acli dal 2006 al 2012.

Sottosegretario: Giuseppe Castiglione, deputato del Nuovo Centrodestra, ex Presidente della Provincia di Catania e già sottosegretario all’Agricoltura nel Governo letta. E’ stato arrestato nel 1998 per turbativa d’asta. Condannato in primo grado a 10 mesi di carcere, viene assolto nel 2004 perché il fatto non sussiste. Assolto anche da un’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Suo genero è l’ex senatore di Forza Italia Giuseppe Firrarello, condannato in via definitiva a due anni per corruzione e turbativa d’asta.

———

imageMINISTERO DELL’AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Sottosegretario: Silvia Velo (nella foto a sinistra, ndr), 47enne di Campiglia Marittima. Considerata una supporter di Gianni Cuperlo (ex candidato d’apparato alla segreteria del Pd), è laureata in chimica e tecnologie farmaceutiche e ha un dottorato in chimica del farmaco e la specializzazione in farmacologia.

E’ stata consigliere comunale a Campiglia Marittima dal 1995. Quattro anni dopo, nel 1999, la Velo si candida a Sindaco della sua cittadina con la lista Forum Alleanza di Centrosinistra e vince al primo turno.

Nel 2004 viene riconfermata Sindaco con la lista Progressisti Democratici Uniti per Campiglia.

Dal 2006 approda a Montecitorio, eletta prima con l’Ulivo e poi con il Pd dal 2008 ad oggi.

La Velo, a differenza del Ministro Galletti, si è occupata spesso di tematiche ambientali riguardanti la Val di Cornia, Piombino e l’Isola d’Elba.

Sottosegretario: Barbara Degani, 47 anni, nata a Torino. E’ stata consigliere regionale del Veneto per Forza Italia dal 2000 al 2009 (due mandati). Nel giugno 2009 viene candidata dal centrodestra alla Presidenza della Provincia di Padova e vince con il 53,86% dei voti contro il 30,56% del candidato del centrosinistra Antonio Albuzio.

Ha ricoperto l’incarico di Coordinatore Provinciale del Pdl fino al novembre 2013 e poi è passata con il Nuovo Centrodestra di Alfano.

Digiuna dall’argomento ambiente, la Degani dedica a questo tema uno sparuto passaggio nel suo programma come presidente della Provincia di Padova: “Un ambiente sano e tutelato per una vita migliore. La tutela ambientale costituisce uno dei punti di intervento prioritari per la nuova Provincia di Padova: al lavoro svolto negli ultimi anni (ricordiamo l’azione di finanziamento per il disinquinamento del Fratta-Gorzone, gli interventi a favore dei parchi, il nuovo sistema di piste ciclabili) va affiancato un ulteriore impegno volto a ridurre la produzione di rifiuti e l’inquinamento”.

———

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Sottosegretario: Teresa Bellanova, ex segretaria Generale della Filtea (Federazione italiana Tessile Abbigliamento Calzaturiero). Deputata Pd dal 2006 in poi.

Sottosegretario: Franca Biondelli, consigliere comunale di Borgomanero dal 1998 al 2002 ed  impiegata presso l’ASL di Arona. Dirigente del Pd a vari livelli. È stata senatrice dei democratici dal 2008 al 2013. In questa legislatura è stata rieletta alla Camera.

Sottosegretario: Luigi Bobba, Presidente dell’Istituto Ricerche Educative e Formative dal 1997 al 2007. Dal 1994 è stato vicepresidente nazionale delle Acli, di cui è diventato presidente nel novembre 1998 (fino al 2006). Senatore Pd dal 2006 al 2008 e deputato Pd dal 2008 ad oggi.

Sottosegretario: Massimo Cassano, senatore di Nuovo Centrodestra. È stato consigliere regionale della Puglia per Forza Italia dal 2005 al 2013.

———

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, UNIVERSITA’ E RICERCA

Sottosegretario: Angela D’Onghia, senatrice di Scelta Civica aderente al gruppo Per l’Italia. E’ Presidente della società di abbigliamento Nocese Manifatture Srl ed è proprietaria del marchio Harry & Sons. Dal 2011 è presidente della Sezione Moda della Confindustria Bari-B.A.T

Sottosegretario: Gabriele Toccafondi, ex deputato del Pdl e già sottosegretario in questo dicastero nel Governo Letta.

Sottosegretario: Roberto Reggi, sindaco di Piacenza per il centrosinistra dal 2002 al 2012. Smessi i panni del sindaco, collabora alla costruzione della candidatura di Matteo Renzi alle primarie nazionali del centrosinistra.

———

MINISTERO DEI BENI, ATTIVITA’ CULTURALI E TURISMOIlaria-Borletti-Buitoni-e-nel-Consiglio-Superiore-di-Bankitalia_h_partb

Sottosegretario: Ilaria Borletti Buitoni, deputata di Scelta Civica, ha donato al suo partito ben 710 mila euro. Ha ricoperto lo stesso incarico nel Governo Letta.

Sottosegretario: Francesca Barracciu. Repubblica.it la descrive così: ” candidata alla presidenza della Regione Sardegna dopo aver vinto le primarie, la Barracciu fu convinta dallo stesso Renzi a compiere un passo indietro e a cedere il posto a Francesco Pigliaru perché indagata nel caso delle ‘spese pazze’ dei fondi ai gruppi regionali”.

———

MINISTERO DELLA SALUTE

Sottosegretario: Vito De Filippo, Presidente della Regione Basilicata per il Pd dal 2005 al 2013. E’ indagato per peculato (Fonte e Fonte).

———

MINISTERO DELLE RIFORME E DEI RAPPORTI CON IL PARLAMENTO

Sottosegretario: Ivan Scalfarotto, renziano, deputato Pd alla prima legislatura. E’ stato vicepresidente del suo partito dal 2009 al 2013.

Sottosegretario: Maria Teresa Amici, deputata democratica dal 1994 (prima con i Ds, poi con il Pd). Nel Governo Letta era sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento e Coordinamento dell’Attività di Governo.

Sottosegretario: Luciano Pizzetti, consigliere regionale della Lombardia dal 2005 al 2008 per l’Ulivo. Deputato Pd dal 2008 al 2013. Alle ultime elezioni politiche viene rieletto, però stavolta a Palazzo Madama.

———

MINISTERO DELLA SEMPLIFICAZIONE E DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Sottosegretario: Angelo Rughetti, deputato Pd alla prima legislatura.

———

MINISTERO DEGLI AFFARI REGIONALI

Sottosegretario: Gianclaudio Bressa, sindaco del Comune di Belluno per la DC dal 1990 al 1993, deputato dell’Ulivo dal 1996 al 2001. E’ stato anche sottosegretario alla Funzione Pubblica dal 1998 al 1999 e sottosegretario alle Autonomie speciali e minoranze linguistiche dal 2000 al 2001. Dal 2001 ad oggi è stato sempre rieletto deputato per il Pd.


About

Giornalista pubblicista, fondatore e direttore di Wild Italy. Ha collaborato con varie testate nazionali e locali, tra cui Il Fatto Quotidiano e La Notizia Giornale, ed è blogger per l’Huffington Post Italia. Nel 2011 ha vinto il Primo Premio Nazionale Emanuela Loi (agente della scorta di Paolo Borsellino, morta in Via d’Amelio) come “giovane non omologato al pensiero unico”. Studioso di Comunicazione Politica, ha lavorato in campagne elettorali, sia in veste di candidato che di consulente e dirige, da fine 2016, Res Politics - Agenzia di comunicazione politica integrata . DIRETTORE DI WILD ITALY.


'Governo Renzi: nominati 35 sottosegretari e 9 viceministri.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares