La grande stagione 2017 dei Washington Wizards

L’ultima volta che i Wizards toccarono le 50 vittorie stagionali fu nella stagione 1978-79 dove uscirono, però, sconfitti nelle Finali NBA contro Seattle. L’anno precedente vinsero il titolo. Ma sono passati molti anni e quei tempi sembravano ormai solo vecchi ricordi. Sembravano perché, ora, finalmente si può tornare a sognare. I Washington Wizards 2017 sono tornati grandi con una stagione da protagonista nella East Conference. Wall e Beal guidano la capitale degli Stati Uniti verso la vittoria numero 50 ben orchestrati dal coach Scott Brooks. Andiamo a scoprire i principali protagonisti di questo strepitoso campionato.Wall e Beal

Play+Guardia: John Wall e Bradley Beal

I due attori principali sono Wall e Beal. Il duo di Washington è alla migliore performance della loro carriera: il numero 2 sta tenendo una media di 23.2 punti e 10.7 assist, mentre la guardia di St. Louis è subito sotto con 23 punti. Optimus Dime, soprannome del playmaker dei Wizards, sta mostrando il suo massimo potenziale e incantando migliaia di tifosi che non vedevano uno spettacolo così dai tempi di Gilbert Arenas.

Beal allo stesso modo del suo compagno sta dimostrando di che pasta e fatto e incomincia a essere decisivo nei momenti importanti di gara. Assieme, formano uno delle migliori coppie play-guardia della NBA. Dopo non essersi qualificata ai playoff lo scorso anno, ora Washington torna a sognare in grande, soprattutto in prospettiva futura. Le 50 vittorie stagionali sono a un passo e questo step può essere la base su cui costruire il futuro.

Washington Wizards 2017I compagni di squadra: Porter, Gortat, Morris e Bogdanovic

A supportare i leader di Washington ci sono i cosiddetti “coprimari”. Otto Porter, al suo quarto anno in NBA, ha trovato la sua dimensione e il suo rendimento è perfetto per i Wizards. Marcin Gortat è una sentenza: alla sua quarta stagione nella capitale, il polacco rende sempre al meglio e sotto le plance è una garanzia. Markieff Morris era il principale punto interrogativo dato lo scambio forzato che lo ha visto allontanarsi dal fratello (rimasto a Phoenix). Il lungo, però, ha risposto presente e ha dimostrato solidità nel suo ruolo.

L’ultimo arrivato è Bojan Bogdanovic giocatore per troppo tempo sottovalutato e rimasto in una squadra troppo mediocre per lui (Brookyln Nets). Il croato, arrivato a febbraio, si è integrato molto bene nelle rotazioni ed è sicuramente un’arma in più nella metà offensiva.scott Brooks

L’allenatore: Scott Brooks

Non era facile tornare ad allenare e ritornare subito protagonista. Non era facile soprattutto dopo aver lasciato, con l’amaro in bocca, una squadra con Russell Westbrook e Kevin Durant. Eppure, Scott Brooks ha svolto il suo lavoro e dopo un inizio difficile, è riuscito a migliorare una squadra che aveva il talento ma necessitava di quel piglio in più per tornare tra le grandi dell’Est.

Il merito va anche nell’essere riuscito a migliorare le performance dei suoi giocatori: oltre ai già citati Wall e Beal, ad aumentare le proprie performance sono stati anche Otto Porter, Marcin Gortat (doppia-doppia di media) e Markieff Morris. Il potenziale c’è, adesso starà ai giocatori e al loro coach dimostrare il loro vero valore.  Ora testa ai playoff e in una buona prestazione, in futuro chissà.

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!

Sergio Pannocchia

Diplomato al Liceo Scientifico Statale “Ettore Majorana” (maturità scientifica) di Roma, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso l’università Roma Tre. È da sempre appassionato di sport e in particolar modo di Basket. Segue da anni il campionato della NBA con particolare interesse per i San Antonio Spurs. Ha collaborato come redattore e video maker con i siti Basketlive e Basketitaly pubblicando diversi articoli. Ha inoltre svolto attività di collaborazione sul canale youtube Roma Breaking Videos. Attualmente è l’addetto stampa della società romana Smit Roma Centro. VICE CAPOSERVIZIO SPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares