Grazie Felipe

Sono le parole che Alonso e tutta la squadra Ferrari avrebbero dovuto dire al pilota brasiliano.

Massa è scattato benissimo e ha subito affiancato Alonso e lo avrebbe superato anche se Vettel non lo avesse stretto contro il muro (manovra sanzionabile, vedere Grosjean in gp2 nel GP di Spagna 2008). Nel momento del primo stop la Ferrari sceglie di far rientrare per primo Alonso e per evitare che Vettel si avvantaggi troppo e per aiutare il pilota a trovarsi, quando anche Massa è uscito dalla corsia dei box, con gomme molto più calde rispetto a quelle del compagno di box e potendolo quindi attaccare. L’attacco arriva in un attimo particolarmente concitato quando Massa doppia una coppia di catorci che riescono anche ad ostacolarlo, Alonso gli piomba dietro e si porta all’ esterno, non perchè sicuro di aver superato il proprio compagno di squadra(come dice Roberto Boccafogli), ma perchè cerca l’incrocio delle traiettorie e perchè Massa ha sapientemente tenuto l’internoe con una frenata all’ultimo momento chiude la traiettoria e mantiene la testa della gara. Alonso impreca nella sua vettura sostenendo che questa manovra è ridicola e di essere più veloce. Massa tiene la testa della gara e allunga sul compagno di squadra fino a quando non gli viene detto di lasciar passare Alonso e lì mestamente si ferma per lasciare spazio al compagno di squadra.

Risultato finale con una straordinaria doppietta Ferrari che cerca così di riaprire il mondiale, situazione non così impossibile perchè la Ferrari sembra rinata e la prossima pista sarà favorevole alla Ferrari, inoltre bisogna ricordare lo straordinario finale di stagione di Raikkonen l’anno scorso, con una macchina non più sviluppata, si aggiunge anche la crisi nello sviluppo della McLaren che soffre gli scarichi bassi.

DANIELE PAOLONI

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'Grazie Felipe' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares