I costi evitabili della politica.

In questo periodo si parla molti di tagli per far risparmiare lo stato e far evitare il collasso. A rimetterci i soldi sono sempre i cittadini comuni con l’inalzamento delle tasse o con l’inserimento di nuovi oneri da dover pagare. Ma vediamo alcune delle spese che il nostro stato compie e che magari potrebbero essere risparmiate o, per lo meno, parzialmente ridotte.

Rimborsi Elettorali:
Partiamo dai rimborsi elettoriali, che ci costano, a noi, quasi 1 miliardo di euro. Ad oggi, dal 2006,  sono stati spesi:

499.645.745 euro per le politche del 2006;
501.618.750 euro per le politiche del 2008;
36.924.236 euro per le regionali del 2010.

Un totale di 1.038.188.731 che, se cancellato completamente – come previsto dal referendum contro il finanziamento pubblico ai partiti – potrebbe far risparmiare noi Italiani.

Auto Blu:
Secondo un monitoraggio della Formez, per conto del Ministero della Pubblica Amministrazione, vengono spesi dallo stato 4 Miliardi di euro per 90.000 autoblu l’anno. Il conto, però, è stato fatto solo sul 50% della Pubblica Amministrazione: infatti questa si tratta di un’autocertificazione che è stata richiesta per ogni ente e alla quale hanno risposto, appunto, solo la metà.

Stipendi dei parlamentari:
Arriviamo a uno dei temi più caldi: gli stipendi dei politici. Noi spendiamo, all’anno, fra Senatori e Deputati della Camera, 13.711.950 euro. Ma di che cosa consta, più o meno, lo stipendio di un parlamentare?

Indennità: 5.486,58 euro
Diaria: 4.003,11 euro
Rimborso spese per il rapporto fra eletto ed elettore: 3.690 euro
Spese dei trasporti: 1.330 euro

tenendo poi conto che NON pagano il servizio di trasporto aereo, marittimo, ferroviario o cittadino (e la domanda sorge spontanea… che spese di trasporti gli rimborsano???)

Stipendio Totale: 13.711.950 euro.
A tutte queste indennità, vanno aggiunti anche 3.098 euro annui che vengono dati come rimborso per le spese telefoniche.

Finanziamento pubblico all’editoria:
Un altro tasto dolente è il finanziamento all’editoria. Ogni anno vengono dati 667 milioni di euro fra radiotelevisioni, quotidiani e gruppi editoriali che hanno al loro interno anche dei periodici.

Spese militari:
Una delle spese più alte è quella militare. Ricordiamo che la nostra costituzione prevede che “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa della libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie a un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo (Art. 11 – Costituzione della Repubblica italiana)”
eppure, ogni anno, dal Ministero della Difesa, vengono spesi 20 miliardi di euro. Fra le spese che sono previste adesso, ci sono:

16 Miliardi per 131 jet F-35;
309 Milioni per elicotteri Nh90 Agusta Westland;
164,9 Milioni per due sottomarini U-212;
137 Milioni per altri elicotteri Ch-47 Chinhook
178,3 Milioni per l’ammodernamento dei tornado

e in più ci sono gli Eurofighter Typhoon, i jet M346, la fragata Frem e i veicoli corazzati da combattimento finanziati dal Ministero dello Sviluppo economico con altri 3 Miliardi di euro.

Tagliando tutto questi costi, si riuscirebbe sicuramente ad evitare di mettere le mani in tasca agli italiani ed evitare quindi di aumentare le tasse o inserire nuovi oneri che vanno a pesare su quelle famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese.
Tagliano anche solo gli stipendi dei parlamentari da 13.711.950 euro alla metà dello stipendio, portandolo quindi a poco meno di 7 milioni di euro e magari anche dimezzando il numero dei parlamentari si raggiungerebbe una cifra attorno ai 3 milioni di euro (-10 milioni).
Eliminando poi:
i rimborsi elettorali (-1 Miliardo)
il finanziamento all’editoria (-667 milioni)
le auto blu (-4 miliardi)
si arriverebbe ad un risparmio di più di 5 miliardi di euro; per quel che riguarda le spese militari, seguendo la nostra costituzione, si potrebbero azzerare e risparmiare quindi altri 20 miliardi di euro l’anno.

GIAMPAOLO ROSSI
giampross(at)katamail.com


About

Residente a Belluno, studia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna alla facoltà di Lettere, con indirizzo storico, per poi specializzarsi in giornalismo. giampross@katamail.com


'I costi evitabili della politica.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares