I diritti violati dei bambini: cos’è cambiato dalla Convenzione Onu?

I giovani, i giovani, i giovani. I bambini, i bambini, i bambini. Figure che sentiamo citare dai governanti di mezzo mondo come le generazioni da preservare e alle quali bisogna garantire un futuro. Siamo sicuri però che i loro diritti vengano davvero garantiti?

bambini-diritti-infanzia1Nel 1989 l’Onu approvò una convenzione sui diritti dei minori che venne resa valida anche in Italia nel 1991.

E’ passato un ventennio eppure, a differenza degli anni passati, le violenze sui minori, invece di diminuire, aumentano.

“Al numero di telefono 114 di Telefono Azzurro arrivano in media 4 richieste d’aiuto al giorno. Attualmente nel 17% dei casi si richiede aiuto per maltrattamenti e percosse, mentre nel 2006 le segnalazioni di questo tipo erano solo il 5,2% del totale. Dal 2006 al 2012 è inoltre raddoppiato il numero di denunce per casi di grave trascuratezza, passando dal 5,7%  al 10,4%.”

Dati sconcertanti, allarmanti.

Bambini che non riescono a vivere serenamente la loro infanzia.

Bambini senza colpa, la cui vita verrà segnata profondamente.

In ogni distretto territoriale, fortunatamente, è presente un consultorio con sportelli d’aiuto per i minori in difficoltà, affiancati dagli operatori dei servizi sociali, medici dell’Asl e assistenti sociali.

Tali figure socio-sanitarie svolgono, principalmente, due funzioni importanti relative all’assistenza nella genitorialità e alla tutela dei minori di fronte a difficoltà o carenze gestionali, anche in assenza di una richiesta diretta d’aiuto.

Le famiglie che vivono maggiormente questa realtà sono quelle multi problematiche, quelle famiglie cioè che hanno uno o più componenti che manifestano disturbi di tipo psicologico, fisico e sociale. Questo tipo di famiglia è definita così anche quando, attraverso i suoi vari componenti, stabilisce molteplici rapporti con vari servizi socio-assistenziali e socio-sanitari.

Nel dossier 2012 sull’emergenza infanzia, stilato dal sopracitato Telefono Azzurro, vengono sottolineati dei dati sulle effettive richieste d’aiuto pervenute: “Il 42,1% delle richieste di intervento è pervenuto da tre realtà regionali: Lombardia (15%), Lazio (14,5%) e Campania (12,6%). Dal Nord Italia nel suo insieme arriva il 42,8% delle richieste di intervento, dal Centro Italia il 23,4%, dal Sud Italia il 23,8% e dalle Isole il 10%.”

Esistono fortunatamente delle associazioni che si battono per il riconoscimento concreto della convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza come, ad esempio, UNICEF, 114 Emergenza Infanzia, Telefono Azzurro, Telefono Arcobaleno, AIAF, etc.

“Nella maggior parte dei casi a chiamare è un adulto. Solo nell’11,1% dei casi chiama direttamente il bambino o l’adolescente. Le segnalazioni di violenze riguardano minori maschi nel 51,6% dei casi. Per quanto concerne le fasce d’età, il 64,2% delle chiamate è per bambini o bambine di violenza-su-minore-via-portuenze-e-stazione-tiburtina1età compresa tra 0 e 10 anni, il 20,6% per minori tra gli 11 e i 14 anni e il 15,2% per ragazzi o ragazze tra i 15 e i 18 anni. Da notare anche che il 19,6% delle richieste d’aiuto riguardano minori stranieri.”

Ci sono ancora molti casi in cui nessuno si decide a chiamare una delle associazioni presenti nel territorio e la violenza sul minore si perpetua nel tempo.

In televisione si sente parlare di bambini violentati da parenti stretti, insospettabili, come il padre, lo zio o il nonno.

Nelle famiglie disadattate, addirittura, si è arrivati a vendere i figli per qualche ora a pedofili contattati su internet, creando un vero e proprio “traffico sessuale minorile”.

In questi casi, è la Polizia postale ad intervenire e arrestare chi di dovere.

Siamo agli inizi del 2013, nel 21° secolo e ancora oggi continuano a verificarsi fatti di cronaca nera improntati su minori dove, il più delle volte, il piccolo protagonista è morto e il colpevole assicurato alle Forze dell’Ordine.

La morte di un bambino, in un’epoca moderna come la nostra, riporta alla luce, grazie ai media, il punto cardinale della convenzione ONU: Il diritto alla vita.

Sono proprio i media che dovrebbero attuare una propaganda di sensibilizzazione, affiancati dalle associazioni principali, invece di dedicare all’argomento solamente un giorno l’anno, “la giornata mondiale per i diritti dell’infanzia”, giusto per dimostrare di avere la coscienza “pulita”. Che dite, lo inseriamo trai buoni propositi per quest’anno?

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Studia Scienze della comunicazione presso l’Università di Roma Tre. Nota blogger esperta di moda, gestisce da tempo due blog personali, Pensieri Senza Confini e Rebel Fashion Blog. Scrive su diversi giornali, quali Shalom, Lusso Style e Fanpage. Nel dicembre 2013 è uscito il suo primo libro: Le malattie del nostro mondo. COLLABORATRICE SEZIONE CULTURA.


'I diritti violati dei bambini: cos’è cambiato dalla Convenzione Onu?' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares