I Fiori di Mandy

I Fiori di Mandy, l’anima rabbiosa e appassionata di Carne

I Fiori di Mandy I Fiori di Mandy, giovanissimo trio da Oristano, presentano Carne il loro secondo Ep.

Dal primo ascolto viene a galla un sound ruvido e nervoso; un’anima alternative rock scura e tagliente che rimanda alle grandi atmosfere del grunge: suggestive, sofferte e rabbiose.

Si tratta di un lavoro che appare sin da subito passionale e molto coinvolgente. L’ascoltatore si perde tra le note e le parole di Carne, è come se I Fiori di Mandy fossero dei trasmettitori emotivi fortissimi e la loro musica un rito sciamanico straniante ed affascinante.

Una band dall’anima tagliente e rabbiosa.

Apre il disco Invadere, un brano costruito su un andamento discontinuo, dove tappeto sonoro e voce sembrano quasi cozzare tra loro. Molto interessanti tutte le variazioni messe in scena dalla band che hanno creato un brano in continuo mutamento, pur restando sempre “vincolati” al tema principale.
Un brano ruvido e di impatto che, sicuramente, riesce ad essere ancora più potente su di un palco durante un live.

Karter ha un’attitude più da hard ballad, con queste chitarre affilate e la voce acida. Anche per questo brano I Fiori di Mandy riescono a dar vita a queste sonorità cupe e nervose, instabili, come in procinto di esplodere.
Un brano intenso, scritto e suonato a mo’ di invocazione e di “lamento”, in grado di affascinare l’ascoltatore sin da subito.

In virtù del piovere ha un andamento più funkeggianti con questa linea di basso bella tirata e le ritmiche incalzanti. Diciamo che la band ha provato a coniugare il groove di una specie di funk dai toni scuri con il sound acido e tagliente della band.

La cosa che stupisce è come il tutto cambi verso la metà del brano. Prima diventa una sorta di dark ballad scuola Afterhours , poi ritorna – in un secondo momento – su queste sonorità funkeggianti suonate sempre a mo’ di rituale. Questa band ha fantasia da vendere e la naturalezza con il quale la esprime è stupefacente.

Quelli di ieri è una ballad rabbiosa e malinconica, dove il grosso del lavoro viene lasciato alla magistrale interpretazione della parte chitarristica (e vocale ovviamente) che, giocando su dinamiche ed effetti, porta alla luce un qualcosa di eccezionale.

Forse siamo davanti al brano più struggente di tutto l’Ep, un pezzo che entra dentro e colpisce allo stomaco con un’intensità e una forza tali da lasciare l’ascoltatore senza fiato.

Mandria riporta l’atmosfera di Carne su toni alternative rock più classici: un inizio piuttosto dritto con riffone di chitarra e ritmiche belle tirate ci portano su un verso più lieve, costruito su controtempi ritmici e un arpeggio più leggero.

I Fiori di Mandy

Un brano potente e duro, dove tutta la rabbia de I Fiori di Mandy colpisce l’ascoltatore proprio come una mandria indomabile.

Chiude il disco Tra le storie la storia, un brano suggestivo, costruito su momenti di silenzio e giochi di eco che lasciano il campo libero alla voce, che interpreta il pezzo come se lo recitasse con rabbiosa passione.

Scritto quasi come fosse una ballata dai toni psichedelici, questo pezzo punta il tutto per tutto su un uso magistrale delle dinamiche e, successivamente, su una sorta di intermezzo dai toni percussivi e solenni.
Un cambiamento radicale che non fa che confermare queste “doti sciamaniche” de I Fiori di Mandy che con perizia e sentimento chiudono il loro Carne.

Un disco deciso e dal carattere forte.

Questo lavoro è un disco incredibile, realizzato con cura e suonato nella maniera più sanguigna e spontanea possibile. Il risultato è un suono corposo e genuino che mantiene, dal primo all’ultimo pezzo, un carattere forte e deciso.

I Fiori di Mandy sono un grande band e questo Carne merita assolutamente un ascolto.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

La musica è la mia passione: sul palco dietro una batteria e sotto al palco in un mare sterminato di dischi. Laureato in Letteratura, Musica e Spettacolo e in Editoria e Scrittura a La Sapienza di Roma, passo il mio tempo tra fogli bianchi, gatti e bacchette spezzate. CAPOSERVIZIO MUSICA


'I Fiori di Mandy, l’anima rabbiosa e appassionata di Carne' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares