I risparmi di Renzi. Che fine hanno fatto i consiglieri provinciali?

“Avanti come rullo compressore” disse Matteo Renzi per l’abolizione “schiacciante” delle province. Ma che fine hanno fatto i tanti consiglieri provinciali? Perché così tante persone, dirigenti di partito e non, e super-consiglieri con diversi mandati alle proprie spalle non hanno protestato per il loro esproprio?

Il disegno di legge, quello del sottosegretario Graziano Delrio, finge di modificare la Costituzione – tramite l’abolizione delle province – ma in realtà stravolge semplicemente la struttura di quest’ultime… un po’ come fece Alemanno accorpando i municipi romani e portandoli da 19 a 15, tagliando così le tante poltrone dei consiglieri municipali, assessori e presidenti. Peccato che Alemanno dopo la riduzione dei municipi aumentò gli assessori in tutte le vecchie circoscrizioni da 4 a 6. Alemanno docet.

provinciaroma1001Basta spese pazze! Arrivano le città metropolitane che faranno risparmiare i cittadini; dentro (con elezioni di secondo livello) i consiglieri comunali e sindaci dei comuni dell’ex provincia, perché sono finiti i tempi d’oro. “Ma beato a te”, a Roma i 40 nuovi consiglieri metropolitani hanno già capito tutto tanto da inviare al commissario della provincia molte richieste per computer, segreterie, telefoni ed uffici per un totale di 1,4 milioni di euro. E pensare che si sono appena insediati.

La questione non finisce qui perché il testo di Delrio, ex amministratore comunale de La Margherita, prevede – furbescamente, a detta di alcuni – un reintegro dei consiglieri provinciali nei vari comuni. Come? Innanzitutto deputati e senatori in carica potranno occupare, oltre all’incarico parlamentare, quello di sindaco, assessore e consigliere in comuni con una popolazione fino a 15.000 abitanti. Poi, sempre per risparmiare, i comuni fino a 1.000 abitanti passano da 6 a 10 consiglieri comunali. Ed i comuni fino a 3.000 abitanti? Tranquilli, anche loro passano da 6 consiglieri a 10, più un regalo della Presidenza del Consiglio di  2 assessori. Il meglio arriva però con le “mega città” composte da 5.000 abitanti: a loro spetteranno 12 consiglieri, anziché 7, e ben 4 assessori.

Tiriamo le somme? Per risparmiare su 1.774 amministratori provinciali ci troviamo ad avere oltre 31.000 consiglieri ed assessori. Ecco dove sono finiti i deputati provinciali. Vogliamo contare le annesse segreterie dei gruppi e degli assessorati? In media un assessore di un piccolo centro abitato ha a propria disposizione uno o due segretari, moltiplicate per 5.000 assessori. Per fortuna che Renzi ha abolito le province.


About

Nato a Roma nel 1996, studente di Scienze Politiche (La Sapienza). Coordinatore di circolo per la federazione di Roma di Sinistra ecologia libertà (Sel) e componente il Comitato nazionale de L'Altra Europa con Tsipras; impegnato nell'associazionismo studentesco, membro per la Federazione degli studenti dell'esecutivo romano, consigliere di Giunta d'Istituto e membro della Consulta provinciale degli studenti di Roma. BLOGGER DI WILD ITALY.


'I risparmi di Renzi. Che fine hanno fatto i consiglieri provinciali?' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares