Il Re del Commercio Ambulante della Capitale

Roma Capitale non rilascia da anni licenze per il commercio ambulante e chi sembra guadagnarci da questa mancanza è l’On. Giordano Tredicine, ex Vice capogruppo PDL al Campidoglio nei 5 anni Alemanno e attuale vicepresidente dell’assemblea capitolina.

A gestire infatti una holding che detiene oltre 300 concessioni è proprio la famiglia Tredicine che sarebbe disposta a cederle, secondo alcuni venditori in affitto, a prezzi esorbitanti (si parla di 2 milioni di euro) oppure ad affittarle a 9.000/10.000€ al mese. Cifre non proprio alla portata di tutti.

images

Il giovane mister preferenze del Popolo delle Libertà, ex Capogruppo di Forza Italia nel Municipio Roma IX, si è contraddistinto nel corso del mandato per essere stato il firmatario del provvedimento che abbassava i vincoli per le occupazioni di suolo pubblico degli ambulanti e anche come un consigliere molto impegnato con l’ex Sindaco Alemanno per la ricollocazione di un chiosco a Via del Corso che l’amministrazione precedente guidata da Walter Veltroni aveva rimosso (il chiosco è di proprietà della madre).

Il comune di Roma guadagna con queste licenze poco più di 1000 € l’anno mentre i concessionari, calcolando che il turismo a Roma porta 8 miliardi l’anno, riescono a guadagnare milioni e milioni di euro per i soli chioschi  di caldarroste, bibite e panini sparsi in tutta Roma (i concessionari in quanto stagionali non emettono scontrini).

Secondo il presidente della Co. Ge. Se. (sigla sindacale che tutela gli ambultanti): «Oggi i Tredicine controllano, direttamente o attraverso parenti e famiglie “alleate”, almeno 300 postazioni, i loro feudi sono i municipi I, V, VII e XV. Nessun altro ha così tanti permessi e licenze. Nel centro storico occupano 42 dei 68 posti disponibili per i camioncini di bibite e sorbetti. Con uno di quelli, davanti al Colosseo, si incassano anche 5mila euro al giorno».

Gli altri commercianti alla sola pronuncia del nome Tredicine abbassano la voce perché sanno che controllano le postazioni, decidono gli affitti, siedono in posti importanti all’interno dei sindacati e hanno chi dal Campidoglio veglia su di loro (il Comune non solo guadagna poco ma addirittura per le concessioni delle bancarelle e i souvenir chiede meno di 1 euro al giorno).


About

Nato a Roma nel 1996, studente di Scienze Politiche (La Sapienza). Coordinatore di circolo per la federazione di Roma di Sinistra ecologia libertà (Sel) e componente il Comitato nazionale de L'Altra Europa con Tsipras; impegnato nell'associazionismo studentesco, membro per la Federazione degli studenti dell'esecutivo romano, consigliere di Giunta d'Istituto e membro della Consulta provinciale degli studenti di Roma. BLOGGER DI WILD ITALY.


'Il Re del Commercio Ambulante della Capitale' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares