Joel embiid

Joel Embiid, Trust the Process: a Filadelfia si sogna di nuovo

Felicità, divertimento e talento. Questo è il pacchetto regalo che Joel Embiid ha portato a tutta la NBA nel campionato 2016/17. Il centro dei Philadelphia 76ers è una ventata di aria fresca per una lega che, negli ultimi tempi, si era concentrata troppo nell’esaltare i top player tralasciando giocatori e squadre di minor rilievo. Dopo aver aspettato 2 anni ai box (causa frattura da stress del piede destro), il camerunense si è ripreso quello che gli spettava: un posto tra i grandi della NBA.

da nba.com

Il college e l’inizio della carriera professionistica

Embiid si iscrive all’università del Kansas nel 2013 dove disputa 28 partite. Tiene una media di 11.2 punti, 8.1 rimbalzi e 2.6 stoppate in 23 minuti di gioco. Il 13 febbraio 2014 viene inserito tra i 30 candidati alla vittoria del “Naismith College Player of the Year”, premio dedicato all’inventore della pallacanestro. Per un dolore alla schiena è costretto a saltare prima il “Big 12 tournament” e poi anche il primo weekend dell’ “NCAA Tournament” che costa a Kansas l’eliminazione al terzo round (prima del suo ritorno).

Una volta dichiarato eleggibile per il draft del 2014, Embiid si infortuna al piede destro e rimane fuori per 6 mesi. Philadelphia lo sceglie alla terza chiamata nonostante la notizia. Ma il futuro di Joel non è rose e fiori. Il lungo non giocò per tutta la stagione e un anno dopo si dovette rioperare saltando anche il campionato 2015/16. Così da prospetto molto interessante passò alla definizione di “bust”.

Il grande inizio

A Filadelfia, dopo i periodi lucenti con Erving e Iverson, gli ultimi anni sono stati a dir poco disastrosi. Il campionato 2016/17 ha preso, però, un’altra piega. Nonostante un inizio non incoraggiante (vedi Ben Simmons fuori per infortunio), Embiid è riuscito a dimostrare di che pasta è fatto. L’ex centro di Kansas ha fornito delle prestazioni eccellenti nonostante un minutaggio ridotto per precauzione. Sopra i 20 punti per 6 volte nei primi due mesi, a dicembre 33 punti e 10 rimbalzi in 27 minuti di gioco e dulcis in fundo a gennaio, per 7 volte consecutive sopra i 20 punti.

Dopo più di metà stagione, Embiid è primo, tra i rookies, per punti segnati (20.2), per rimbalzi (7.8) e per stoppate (2.5). Il tutto con un minutaggio di 25.4 a partita e con solo 31 gare giocate (su 54). Siamo di fronte a qualcosa di speciale, qualcosa che non si vedeva da anni. Con la sua voglia di fare, il giovane rookie è infermabile; anche di fronte ad avversari con molta più esperienza di lui.

Bill Streicher-USA TODAY Sports

Trust the Process

“The Process” questo è il soprannome del centro. Lo slogan dei 76ers, dopo gli anni bui, è diventato “Trust the Process” ovvero fiducia nel processo. La fiducia è l’elemento fondamentale per la ricostruzione di Philly. Dopo un inizio deludente come ogni anno (7 sconfitte consecutive), Joel Embiid è stato la scintilla per accendere una squadra con dei prospetti più che interessanti.

Al camerunense si sono aggiunti Ben Simmons, ancora fuori per infortunio, ma prima scelta assoluta dello scorso draft e Dario Saric talento cristallino. A completare le rotazioni Okafor, Noel, Ilyasova e McConnell. Il record attuale è di 21 vittorie e 34 sconfitte; i playoff, che fino a qualche anno fa erano insperati, distano solo 5 vittorie. Le nuvole che aleggiavano nella città di Filadelfia sembrano sparite e davanti si prospetta un futuro più che luminoso.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Diplomato al Liceo Scientifico Statale “Ettore Majorana” (maturità scientifica) di Roma, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso l’università Roma Tre. È da sempre appassionato di sport e in particolar modo di Basket. Segue da anni il campionato della NBA con particolare interesse per i San Antonio Spurs. Ha collaborato come redattore e video maker con i siti Basketlive e Basketitaly pubblicando diversi articoli. Ha inoltre svolto attività di collaborazione sul canale youtube Roma Breaking Videos. Attualmente è l’addetto stampa della società romana Smit Roma Centro. VICE CAPOSERVIZIO SPORT


'Joel Embiid, Trust the Process: a Filadelfia si sogna di nuovo' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares