JoVanHard da digerire

Giorno storto.
Una di quelle giornate in cui si dovrebbero ascoltare i dischi di Masini.
Però, siccome non ho la collezione tristezza qua con me oggi mi butto su Giovanardi…

“Là dove le adozioni da parte di coppie gay sono consentite, come negli Usa, ma anche in Brasile è esplosa la compravendita di bambini e bambine. E’ una cosa che almeno con questo Governo non consentiremo mai e che voglio qui denunciare”“imporre a un bambino adottato due genitori dello stesso sesso significa fare loro violenza psicologica. Il fatto che ci siano alcune famiglie eterosessuali in cui ci sono stati episodi di violenza o di cattiva educazione non vuol dire che la famiglia normale sia fonte di violenza e di maltrattamenti, come afferma Luca Barbareschi. Un bambino ha il diritto di crescere in un contesto dove una figura paterna e materna sono complementari fra di loro e garantiscono al bambino una crescita equilibrata. Togliere questo diritto al bambino è fare una violenza sul bambino stesso. Si crea un diverso dagli altri, lo si candida all’infelicità”

Giusto per ricordare la lucidità mentale di quest’uomo, la sua incredibile moralità, la retta via che segue da anni basta leggere la lettera scritta a Di Pietro nel 1992 …

“Caro Di Pietro, sento il dovere di ringraziarLa per la professionalità ed il senso della misura con il quale conduce la difficile inchiesta a Lei affidata. Voglio esprimerLe la piena solidarietà per la coraggiosa azione Sua e dei Suoi colleghi, perché sappia che all’interno del cosiddetto Palazzo, ai piani alti come ai piani bassi, c’è chi fa il tifo per Lei”

…per poi fare il salto della quaglia nel 2006…

“Le dichiarazioni di Di Pietro (aveva detto di aver colpito la parte cattiva della DC) sono vergognose, nel ricordo delle centinaia di esponenti politici Dc di tutti i livelli, massacrati dai magistrati”

…e infine illuminato da una luce poco tempo fa ci concesse l’ascolto…

“Stefano Cucchi era in carcere perché era uno spacciatore abituale. Poveretto, è morto, e la verità verrà fuori, soprattutto perchè pesava 42 chili”…”La droga ha devastato la sua vita, era anoressico, tossicodipendente… E poi il fatto che in cinque giorni sia peggiorato… Certo, bisogna vedere come i medici l’hanno curato. Ma sono migliaia le persone che si riducono in situazioni drammatiche per la droga, diventano larve, diventano zombie: è la droga che li riduce così”

No no la prossima volta mi porto dietro Masini, decisamente!

LUCA PUGLISI



'JoVanHard da digerire' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares