La chiesa del Vaticano e la chiesa di Cristo

E’ forse uno dei momenti più difficili per la chiesa cattolica a causa degli episodi di pedofilia che vengono a galla ultimamente e che vedono protagonisti preti e sacerdoti nel mondo.

Quando si parla di Chiesa e di preti, bisognerebbe fare delle distinzioni e considerare alcune cose: innanzi tutto, i preti e gli uomini di chiesa, non vengono sparati in terra in delle capsule dallo Spirito Santo o trasportati da angeli messaggeri, sono esseri umani normalissimi che decidono, per vocazione o a volte per opportunità, di intraprendere questo tipo di percorso; ricevendo e subendo un’educazione e una preparazione spirituale molto rigorosa e sempre meno al passo con i tempi, per di più in un contesto sociale condizionato da tutti quei valori che provengono dall’attuale marcia società moderna.

Alcune di queste persone si riscoprono deboli e fuorviate, non mossi da una vera vocazione cristiana o smarriti lungo il cammino; in questi casi quando questo accade, i soggetti che si macchiano di azioni e crimini contro la comunità, peggio se che contro bambini, vanno denunciati, allontanati e giudicati per ciò che hanno commesso, senza se  e senza ma come si usa dire adesso; ma non si può per questo, colpevolizzare o condannare l’intera categoria; bisogna infatti tenere conto che, per ogni prete corrotto, ladro o pedofilo, ne corrispondono almeno un centinaio che invece, in giro per il mondo, consacrano e dedicano la loro esistenza in favore di chi sta peggio, che vivono in zone e paesi sperduti nel mondo in silenzio e molto spesso dimenticati, che non hanno niente a che fare con chi invece, con i propri atteggiamenti, fa notizia  (e anche un po’ schifo) e alimenta incertezze e insofferenza, se il rapporto è 100 a 1, la chiesa non è formata solo da farabutti e pervertiti.

Lo stesso discorso vale tra i vertici e la base della chiesa cattolica: il giorno del giudizio universale, personalmente, il primo posto che eviterei, è proprio il Vaticano, è li che credo cadranno le prime saette dell’Altissimo; il momento di disaffezione che la chiesa attraversa, è in gran parte merito dei vertici del clero, sempre più presenti nei tavoli di potere che contano e sempre più lontani dai fedeli, occupati a fare affari, a coprire vizi e a riempirsi pancia e tasche,  con un Papa che sempre meno sembra vicario di Cristo e fa sempre più rimpiangere il suo predecessore.

Quando si giudica l’operato della chiesa e dei suoi fedeli, credenti o no, prima di colpevolizzare tutta la categoria, bisognerebbe sempre considerare e ricordarsi, parafrasando il Lorenzo prima di baciami ancora, di tutti quei famosi preti di periferia che vanno avanti nonostante il Vaticano.



'La chiesa del Vaticano e la chiesa di Cristo' have 1 comment

  1. 13 aprile 2010 @ 5:27 pm Giampaolo Rossi

    credo, in tutta onestà, che, in un modo o nell’altro, tutto ciò che sta venendo fuori, sia più causa del predecessore di Benedetto XVI… Ratzingher ha il merito di essere sempre stato duro con questi casi, a parte quella lettera dell’85, tanto che, appena eletto, eliminò subito il segretario, che fino ad allora era stato quello di Giovanni Paolo II, perchè coinvolto in questo porcherie da decenni.
    Ho paura che questo Papa non piacca a troppe persone. Tante cose che dice possono essere non condivise, ma il fatto che si faccia ricadere TUTTO su qeusto pontefice è esagerato e, per altro, ingiusto.
    Wojtila ha nascosto moltissimi soldi della Mafia che passavano per le casse dello IOR. Ha sempre lasciato perdere, non interessandosene mai. Per questo, vi invito a leggere Vaticano SPA… moolto difficile come libro, perchè parla spesso con termini di economia per addetti, ma illuminante sotto il profilo della amata figura di Ratzingher… credo debba essere FORTEMENTE rivalutata..


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares