A Milano arrivano le vie del cinema Cannes e dintorni

Oggi, a Milano, inizia la settimana dedicata a le vie del cinema, manifestazione di cinema che porta nel capoluogo meneghino i film dai Festival di Cannes, Locarno, Venezia e Torino.il mestiere delle armi le vie del cinema

In sette giorni di programmazione, dal 14 al 20 giugno, Milano ospiterà Cannes e dintorni, ricca selezione di pellicole presentate all’ultima edizione del Festival Internazionale di Cannes e alla Quinzaine des Réalisateurs (vinto da Ken Loach con I, Daniel Blake), titoli dal Torino Film Festival, dal Bergamo Film Meeting, dal Far East Film Festival. Come accade in queste occasioni i film saranno in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Le vie del cinema propone 47 proiezioni di 47 proiezioni di 25 film in 14 sale cinematografiche milanesi (Anteo spazioCinema, Apollo spazioCinema, Arcobaleno Filmcenter, Ariosto spazioCinema, Arlecchino, Beltrade, Centrale Multisala, Colosseo Multisala, Ducale Multisala, Eliseo Multisala, Mexico, Orfeo Multisala, Palestrina, Plinius Multisala) ed è promossa da AGIS lombarda e Comune di Milano con il supporto del Corriere della Sera

La manifestazione quest’anno rende omaggio ad Ermanno Olmi a cui è dedicata una giornata speciale che si svolgerà il giorno prima dell’inizio della manifestazione. Venerdì 10 giugno presso lo Spazio Oberdan a partire dalle 16 verranno proiettati Il mestiere delle armi, L’albero degli zoccoli, Il Posto.

L’edizione 2016 de le vie del cinema rende omaggio a Ermanno Olmi. Per questo l’inizio della rassegna sarà preceduta da una giornata speciale dedicata al regista bergamasco, che si svolgerà presso lo Spazio Oberdan,venerdì 10 giugno a partire dalle ore 16 con la proiezione di tre film del maestro (Il mestiere delle armi, L’albero degli zoccoli, Il Posto).

Dal Festival di Cannes, che come ogni anno si distingue per la varietà e la qualità dei film proposti, sarà presente con 6 film: il Premio ex aequo Miglior Regia Bacalaureat di Cristian Mungiu, il Premio Migliore Sceneggiatura e Miglior Attore The Salesman di Asghar Farhadi, il Grand Prix Just la fine du monde di Xavier Dolan, Sierranevada di Cristi Puiu, Acquarius di Kleber Mendonça Filho, Julieta di Pedro Almodóvar. 

Dalla Semaine de la Critique I tempi felici Verranno presto di Alessandro Comodin.

Dalla Quinzaine des Réalisateurs: il Premio Art Cinema Wolf and sheep di Shahrbanoo Sadat, Dog Eat Dog di Paul Schrader con Willem Dafoe e Nicholas Cage, Fiore di Claudio Giovannesi, La pazza gioia di Paolo Virzì, L’effet aquatique di Sólveig Anspach, Ma vie de courgette di Claude Barras, Mean Dreams di Nathan Morlando, Neruda di Pablo Larraín con Gael García Bernal, Tour de France di Rachid Djaïdani con Gérard Depardieu, Two lovers and a bear di Kim Nguyen.

Alle vie del cinema, quest’anno si aggiunge inoltre la ricca sezione dintorni: il vincitore del 34° Bergamo Film Meeting Enclave di Goran Radovanovic, dal 17° Far East Film Festival Tokyo Love Hotel di Hiroki Ryuichi e The ecstasy of Wilko Johnson di Julien Temple dal 33° Torino Film Festival; due anteprime cannes-e-dintorninazionali: Nahid di Ida Panahandeh dalla sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2015 e Maggie’s Plan di Rebecca Miller con Julianne Moore e Ethan Hawke, già presentato al Sundance, a Toronto e a Berlino; Nessuno mi troverà di Egidio Eronico, uno dei documentari dell’iniziativa FICE, Racconti Italiani e un omaggio a Studio Azzurro con proiezione del film Facce di festa e di video inediti.

Giovedì 9 giugno alle ore 18 si terrà il consueto appuntamento di presentazione dei film in programma di le vie del cinema nella Sala Buzzati del Corriere della Sera con Paolo Mereghetti, Bruno Fornara e Emanuela Martini.

Riguardo la manifestazione il Presidente dell’ANEC lombarda, Enrico Signorelli: “Anno dopo anno le vie del cinema ci permettono di fare il punto sul ruolo via via rinnovato che le sale stanno assumendo. La tutela e lo sviluppo delle sale cittadine sono necessari per contribuire alla diffusione e alla crescita del cinema di qualità, nazionale ed europeo, che proprio in queste strutture trova la sua collocazione più efficace. Le sale cinematografiche cittadine si caratterizzano sempre più come luogo di aggregazione sociale e culturale, con un’offerta diversificata (significativo è il crescente successo dei contenuti alternativi: opere liriche, concerti, mostre d’arte, teatro etc.), che risponde ai bisogni di un pubblico sempre più esigente e stratificato. È proprio in questo contesto che si colloca la manifestazione le vie del cinema, un appuntamento oramai irrinunciabile per chi ama il cinema di qualità”. 

Per maggiori info potete consultare il sito ufficiale.

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Appassionato di cinema, fotografia, teatro e musica sin da piccolo decide di farne il suo lavoro. Miyazakiano convinto, tanto da incentrare la sua tesi sul suo cinema, e divoratore di anime tanto da volere Eikichi Onizuka come professore al liceo, è uno Jedi come suo padre prima di lui e “nato pronto” e sì, anche un inguaribile nerd (pollice verso per coloro che non colgono le citazioni). Laureato in cinema presso il DAMS di Roma 3 e diplomato in fotografia presso il CST, inizia a collaborare (e tutt'ora collabora) come critico di cinema e fotografo di concerti con varie webzine di cui da subito ha sposato il progetto con entusiasmo. Giornalista pubblicista iscritto all'albo. Sempre in movimento, perennemente in ritardo. CAPOSERVIZIO CINEMA


'A Milano arrivano le vie del cinema Cannes e dintorni' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares