leica

Leica, cento anni di storia in mostra al Vittoriano

Una volta, non ricordo più dove, mi hanno chiesto cosa pensavo della Leica e ho detto che poteva essere un bacio bollente e appassionato, poteva essere anche un colpo di rivoltella, poteva essere il lettino dello psicanalista. Si può fare tutto con la Leica.”   

In questa celebre frase di Henri Cartier Bresson è racchiusa l’essenza della mostra fotografica itinerante, ospitata dal Complesso del Vittoriano, Ala Brasini, dal 16 novembre 2017 al 18 febbraio 2018, nella sua unica tappa italiana.

I Grandi Maestri. 100 Anni di fotografia Leica. Questo il titolo dell’esposizione che passa in rassegna gli scatti simbolo di una rivoluzione fotografica dagli anni Venti del secolo scorso fino ad arrivare ai giorni nostri. Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Sebastiao Salgado, Elliot Erwitt, William Eggleston, sono solo alcuni degli autori esposti che, con la macchina fotografica Leica, hanno trovato la loro massima espressione artistica e creativa. 

Cos’è Ur-Leica?

E’ la prima macchina formato 24×36, dotata di caricatore metallico per pellicola 35 mm. Apparecchio flessibile e moderno, il primo prototipo fu ideato e messo a punto nel lontano 1913 da Oskar Barnack , un fotoamatore con un sogno: “Un piccolo negativo per grandi foto”. Tuttavia trascorsero molti anni e furono apportate innumerevoli modifiche al prototipo originale prima che, nel 1925, la ditta di Ernst Leitz, per cui Barnack lavorava, decise di proporre al mercato la Leica (Leitz Camera).

Da quel momento la percezione del mondo e della società cambiò. Nuovi punti di vista furono forniti ad intere generazioni di fotografi e osservatori. Grazie alle dimensioni piccole e maneggevoli, infatti, che, sono riusciti ad immortalare scene di vita quotidiana, portando la macchina con sè in strada, nella vita. Per non parlare anche dei grandi momenti e ritratti storici. Una possibilità, in sostanza, significativa per il mondo intero di imparare ad osservare la società contemporanea attraverso l’unicità degli obiettivi della Leica da cento anni a questa parte.

La mostra

La mostra si articola in 16 sezioni che spaziano nel tempo, si sovrappongono e si rincorrono fra cronologia e tematica. Il tutto è accompagnato dalla guida di pannelli esplicativi che regalano aneddoti storici e artistici e spiegazioni tecniche per i più esperti e curiosi.

Oltre 350 opere esposte: immagini d’epoca originali, documenti e video che celebrano i più grandi fotografi internazionali dell’ultimo secolo. Si tratta di autori che hanno fatto della Leica strumento di propaganda, ma anche di testimonianza del mondo della moda, della politica, dello spettacolo. E poi il mondo dei reportage fotogiornalistici di guerra. Nel 1930, infatti, Erich Salomon fu il primo fotogiornalista che portò una Leica negli Stati Uniti e durante la Guerra civile spagnola.

In mostra anche teche contenenti alcuni fra i più emblematici modelli Leica che hanno reso possibile la creazione e la conservazioone della memoria collettiva mondiale.

Un’attenzione particolare, infine, allo spazio dedicato agli autori nostrani. Sono molti, infatti, gli interpreti italiani che hanno portato il nostro Paese ad essere annoverato fra i più incisivi nel mondo artistico fotografico Leica e non solo. Tra questi: Gianni Berengo Gardin Piergiorgio Branzi, Paolo Pellegrin, Valerio Bispuri e Lorenzo Castore.

Concludendo, è possibile affermare che la mostra, a cura di Contrasto e Arthemisia Group, celebra senza retorica, un secolo di uno strumento che ha fatto epoca, un simbolo di avanguardia, genialità e rivoluzione di un’arte che ha dato vita ad una fotografia dinamica e tecnologica.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Nata a Roma nel 1994, studia Economia e Management presso l'Università di Roma Tor Vergata. Contemporaneamente sta muovendo i suoi primi passi in uno studio commercialista. Appassionata di arte, musica e teatro e con il sogno di collaborare con un giornale. Wild Italy è la sua prima esperienza nel mondo del giornalismo. COLLABORATRICE SEZIONE CULTURA


'Leica, cento anni di storia in mostra al Vittoriano' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares