Lexus sarà a Detroit con una concept: la nuova ES?

 

In questi ultimi due anni il brand di lusso di Toyota si è diviso tra cocenti delusioni e schiaccianti trionfi. Primo fra tutti, i dati di vendita 2010 nel mercato di riferimento, gli Usa. Lexus ha infatti preceduto BMW (220.113) e Mercedes (216.448), con 229.329 auto vendute. Il divario si è però assottigliato a poco più di 9mila unità: l’anno precedente il gap superava quota 19mila. Senza contare che l’incremento delle vendite registrato dal marchio di punta del gruppo Toyota è stato del 6,2 %, contro il 14 % di Mercedes. Un altro fiore all’occhiello di Lexus è il numero di esemplari di LFA venduti (sempre negli Usa): erano già 500 a giugno. Considerato che il valore di un singolo esemplare oscilla intorno ai 380mila euro, non va sottovalutato il suo potenziale.

La nota dolente che il marchio nipponico ha dovuto affrontare fin da subito riguarda il modello HS 250: nel lasso di tempo agosto 2009/2010, sono state vendute solo 11.228 vetture (a maggio addirittura 1076) , contro i 20.000 e 22.000 esemplari previsti dalla casa (che aveva dovuto ridimensionare le proprie prospettive, rinunciando all’ipotesi dei 25.000-30.000 esemplari l’anno). Il vicepresidente Lexus, Mark Templin , aveva tentato di spiegare il fallimento sostenendo che il gruppo ha << sottovalutato il potenziale del nome Prius e al contempo sopravvalutato quello che sarebbe stato il mercato delle ibride basandosi sull’aumento dei prezzi della benzina. >>. In linea con questa consapevolezza, si era detto contento di riuscire a vedere 1000-1500 pezzi al mese.

Di ieri il comunicato stampa in cui il gruppo Toyota afferma di voler portare al Salone di Detroit (9-22 gennaio prossimo), una nuova concept firmata dal suo marchio premium, studiata nello stabilimento californiano Calty (lo stesso che inaugurò il nuovo design della casa, iniziato dalla GS).

Il primissimo piano immortalato nella foto allegata al documento circolato ieri lascia intendere le linee sportive che contraddistingueranno la nuova vettura, come la griglia a nido d’ape nella calandra, la distanza da terra minimalista, i parafanghi bombati, e il cofano spiovente. Quattroruote ipotizza però che le linee della concept traggano in inganno, poichè sarebbe la base della nuova Lexus ES, una berlina dal design anonimo, e commercializzata solo nel nord-America.  Sempre la rivista di motori sostiene che la nuova ES condividerà sì le linee con l’auto che sarà presentata a Detroit, ma la base di partenza sarà quella della nuova Toyota Carmy. 

La Carmy è una berlina giunta ormai alla settima generazione. Apprezzatissima dal mercato statunitense (320mila unità nel solo 2010), è stata da poco rinnovata: la lunghezza si mantiene sull’ordine dei 4,80 m, con motorizzazioni comprese tra i 2,5 e i 3,5 litri (più la variante ibrida), e con un prezzo d’attacco, sull’ordine dei 15mila euro.

Probabilmente la motorizzazione preminente sarà il quattro cilindri da 2500 cc e 200 CV (l’Atkinson già adottato sulle versioni minori della Lexus). Sarà difficile che quest’auto arrivi anche solo in Europa, figurarsi in Italia.

PIETRO CANCIAN

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'Lexus sarà a Detroit con una concept: la nuova ES?' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares