Lo scandalo Metro C e gli allarmi inascoltati

di Enrico Stefàno *

Il gruppo capitolino del M5S fin dal suo insediamento ha presentato decine di interrogazioni ed accessi agli atti riguardo la Metro C. I risultati di questi sono confluiti in un esposto presentato alla Corte dei Conti a settembre 2014.

Uno degli aspetti che abbiamo evidenziato più volte è stato il fatto di come, in violazione dell’art. 29 della Convenzione tra Roma Capitale e Roma Metropolitane, la figura del controllore e del controllato coincidano nelle imprese facenti parte di Metro C Spa.

Senza contare poi i numerosi dubbi che abbiamo presentato riguardo l’atto attuativo con il quale questa amministrazione, a settembre 2013, ha versato alle imprese oltre 200 milioni di euro, vedendo poi, ancora una volta, i tempi di consegna non rispettati, le cui penali verranno calcolate dalle imprese stesse.

Altro problema quello dei costi dell’opera, lievitati – come abbiamo scritto nel nostro esposto –  da 2,2 miliardi di euro a 3 miliardi, risorse che potrebbero essere dirottate per la realizzazione di opere meno impattanti e più utili alla città in termini di trasporto pubblico

Perplessità permangono infine sugli oltre 350 milioni di € versati alle imprese per gli oneri sulla sicurezza cantieri, di cui ad oggi non si hanno notizie certe su come siano stati spesi.

Alla luce di tutto questo le vicende che hanno visto coinvolto il direttore della Tratta T3 non fanno che rafforzare quanto stiamo denunciando da quasi due anni in Assemblea Capitolina. Sarà quindi giunto il momento di cambiare passo?

* consigliere comunale di Roma per il Movimento 5 Stelle, Membro della commissioni speciale “Metro C” e già vice-presidente della commissione speciale “indagine amministrativa sull’Atac”

About

Gli editoriali di Wild Italy


'Lo scandalo Metro C e gli allarmi inascoltati' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares