Lo sceriffo e i miei..Maroni

Partirei dal presupposto che quello che sto per scrivere, lo considero aria fritta.

Non ci vuole un quoziente intellettivo superiore al normale o chissà quale coscienza critica obiettiva per avere le idee chiare sulla querelle Saviano-Maroni.

Intanto: Saviano parla per circa 10 minuti in una trasmissione televisiva dei legami conclamati tra amministratori politici del nord Italia appartenenti alla Lega Nord e la n’drangheta, tra l’altro senza mai nominare o generalizzare sulla Padania, sul Ministro Maroni, su Bossi, la trota o il popolo del nord tutto intero; il Ministro Bobo Maroni da parte sua, per una settimana parla a reti unificate, su qualsiasi Tg e persino su Tele Kabul e Al Jazzera trasmettono le sue indignate dichiarazioni, è stato ospite d’onore a Matrix, sabato è previsto il suo intervento nella trasmissione della Annunziata, forse mi sono perso qualche apparizione da Vespa……e chi non ha avuto diritto di replica o contraddittorio…..è il Ministro?????

Nel merito, bastava ascoltare le parole dello scrittore durante la trasmissione per intendere che non ha attaccato nessuno, ha semplicemente raccontato dei FATTI, ha descritto delle situazioni REALI, i filmati delle riunioni della n’drangheta in Lombardia non erano girate nella casa del Grande Fratello; chi nega che ci siano legami tra la malavita organizzata e la politica o gli imprenditori del nord Italia, o vive in una bellissima bolla di sapone, oppure come minimo è in mala fede e fa becera propaganda basata sull’ignoranza dilagante. Non è passato molto tempo per esempio, dall’operazione delle forze dell’ordine che ha portato a scoprire come i maggiori e più in vista locali del nord Italia e della capitale fossero in realtà gestiti da prestanome per conto della malavita organizzata che reinveste in appalti pubblici, immobili e locali per riciclare il denaro proveniente da attività illecite; tutta la droga che arriva nel porto di Gioia Tauro (è di ieri la notizia dell’ultimo sequestro di svariati quintali) distribuita per le strade e nei locali della Padania, secondo il Ministro chi la distribuisce, Le Poste italiane o la Sda? Le infiltrazioni negli appalti dell’ Expo di Milano da parte delle cosche calabresi, denunciate dagli organizzatori, sono state già dimenticate?. Lo Stato stesso, attraverso la relazione della DIA ha posto l’attenzione sull’integrazione tra malavita e poteri  economici e politici a firma proprio del Ministro sceriffo (che fa non legge le cose prima di firmarle?).

Intanto lo stesso Ministro si bea dell’arresto del boss dei Casalesi Iovine, come se ci fosse ancora chi crede che sia lui in persona a dirigere le indagini e sia sempre lui (a volte insieme ad Alfano) insieme ai gruppi di ronde padane che va in giro ad arrestare i cattivi, utilizzandolo come termine di paragone contro le parole di Saviano…ma cosa c’entra l’arresto di un latitante, DA PARTE DELLE FORZE DELL’ORDINE, con il fatto di aver raccontato dei legami tra criminalità organizzata e istituzioni?

L’ultima riflessione riguarda l’arresto del boss…un Tg oggi ha accompagnato la notizia con questa dichiarazione: ”come ogni boss che si rispetti, il latitante è stato arrestato mentre si trovava a casa sua”. Ecco mi chiedo, come mai ogni volta che viene arrestato un megasuper latitante, in fuga da 20 anni, ricercato da tutte le polizie del pianeta, lo si becca…in casa sua?

In generale, Basterebbe usare il proprio cervello autonomamente senza farselo condizionare dai tasti del telecomando della tv per capire il vero stato delle cose..

Aggiornamento: Il Ministro Maroni ha partecipato anche alla trasmissione “Ultima Parola” di Paragone (quota Lega..) e lunedì sarà ospite della trasmissione “Vieni via con me” per proporre una sua lista…secondo le prime indiscrezioni, il Ministro, nel suo intervento, elencherà la lista….di tutte le trasmissioni a cui ha partecipato prima di poter “finalmente” replicare alle parole di Saviano….. 

VINCENZO PACILE’



'Lo sceriffo e i miei..Maroni' have 2 comments

  1. 19 novembre 2010 @ 4:35 pm Giampaolo Rossi

    A parte che Iovine non era a casa sua, Cmq il problema reale è proprio quello dell’ignoranza dell’elettore medio di centro destra… Non si informa e prende come vere e indiscutibili le notizie del tg1…

    A me quello che mi insospettisce è il fatto che ogni volta che viene messo in dubbio l’operatondel governo nei confronti della criminalità organizzata, il giorno dopo scattano degli arresti importanti… Anche dopo le dichiarazioni di Spatuzza ci fu l’arresto di due importanti malavitosi… Perché accade così? Magari sono uno troppo sospettoso, ma il mio cervello gira e alcune domande me le pongo!

  2. 19 novembre 2010 @ 5:04 pm logos81

    La lega può convincere solo quei vaccari che non pagano le multe per le quote latte, pagate da tutti per loro da Bolzano ad Agrigento. Ricordate cosa dissero dell’indulto? Ebbene ieri hanno votato il ddl svuota carceri in Senato. Cosa dire su Cosentino o dell’articolo de La Padania del 1998, dove furono sbattuti in prima come mafiosi l’on. Berlusconi e Marcello Dell’Utri, quest’ultimo condannato in appello per associazione esterna in associazione mafiosa. Ergo la Lega è collusa con la mafia.


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares