Luka Doncic

Luka Doncic, il predestinato

Siamo di fronte a qualcosa che non vedevamo da tempo. A qualcosa che rende gli appassionati di basket entusiasti. Luka Doncic è la promessa più forte nel panorama mondiale della pallacanestro. Mondiale si, perché non c’è nessuna promessa americana che regge il confronto. Il giocatore del Real Madrid, a soli 18 anni, ha già conquistato l’intera Europa, è leader della sua squadra e si accinge ad andare a comandare oltreoceano.

Nel suo piccolo palmares vanta già due campionati spagnoli, una coppa intercontinentale, due coppe del re e un fresco Eurobasket vinto la scorsa estate. Doncic è sulla bocca di tutti: esperti, giornalisti e scout osservano attentamente tutte le sue mosse e non vedono l’ora di vedere che miglioramenti possa avere questo ragazzo che già è uno dei protagonisti principali del panorama europeo.Luka Doncic Real Madrid

Gli inizi

Con entrambi i genitori dediti allo sport, Luka ha iniziato a 6 anni a praticare diverse attività sportive tra cui il basket. Con il passare degli anni, si è concentrato sulla pallacanestro e ben presto è entrato nelle giovanili dell’Union Olimpija. Doncic inizia la sua carriera in questa squadra e va sulla bocca di tutti gli scout quando nella finale under 13 del Lido di Roma vince il premio di MVP con una prestazione da 54 punti, 11 rimbalzi e 10 assist.

Nel settembre 2012 (quando ancora aveva 13 anni) sigla un contratto quinquennale con il Real Madrid. Negli anni successivi, lo sloveno cresce in maniera esponenziale conquistando trofei e premi individuali nonostante sia stato nelle rispettive squadre sempre un sotto età. Nel 2015 esordisce ufficialmente nella Liga ACB a soli 16 anni e 2 mesi diventando il terzo giocatore più giovane ad aver calcato il parquet dopo Ricky Rubio e Angel Rebolo. Proprio al playmaker degli Utah Jazz, Doncic è stato più volte paragonato soprattutto per il grande talento espresso sin da giovanissimo. Nella sua prima stagione da pro, nonostante il basso minutaggio, vince il campionato spagnolo e la coppa intercontinentale.

Durante il suo secondo anno a Madrid, aumentano i minuti in campo e il talento classe 99 vince per la seconda volta il campionato spagnolo e la prima coppa del re. La stagione della consacrazione è quella del 2016/17 dove Luka migliora costantemente e regala agli appassionati giocate da vedere e rivedere in continuazione.

L’europeo

Eurobasket 2017 è un banco di prova molto importante per Doncic dato che assieme al suo compagno Dragic è tenuto a portare in alto la sua nazione. Nel gruppo A, la Slovenia è favorita per il passaggio del turno ma molti la vedono un gradino sotto la Francia. La squadra di coach Kokoskov parte, però, benissimo e chiude il girone con 5 vittorie e 0 sconfitte mostrando un gioco a tratti infermabile.Doncic crea gioco, prende rimbalzi e segna e chiude l’ultima partita della fase iniziale contro la Francia con 22 punti a referto. Agli ottavi di finale, Luka chiude la gara con 14 punti, 9 rimbalzi e 6 assist portando la sua nazionale ai quarti di finale.

Lo scontro contro la sorpresa Lettonia è molto equilibrato con la squadra di Porzingis che recupera lo svantaggio iniziale di 11 punti e che rimane attaccata alla partita fino agli ultimi minuti di gioco. Qua, il giocatore del Real Madrid ci regala una prestazione clamorosa: il numero 77 mette ben 27 punti dei quali molti nei momenti decisivi della gara.

Luka Doncic Slovenia

Non solo. Doncic affronta la stella dei Knicks senza la minima paura mandandola a vuoto in un paio di giocate. In semifinale con la Spagna è ancora la piccola stella slovena a brillare soccorrendo il suo compagno Dragic, impreciso al tiro. Doncic, infatti, va vicino addirittura a una tripla doppia: 11 punti, 12 rimbalzi e 8 assist.

In finale Luka sarà costretto a uscire dopo solo 22 minuti di gioco per un infortunio alla caviglia ma il playmaker degli Heat porta alla vittoria la Slovenia con una prestazione da vero MVP. Alla fine del torneo, viene eletto tra i migliori cinque giocatori dell’Europeo assieme a giocatori come Gasol e lo stesso Dragic.

La stagione 2017/18

Con l’Europeo in bacheca e Llull fuori dai giochi per il grave infortunio subito durante il precampionato con la nazionale, Doncic ha preso le chiavi del Real Madrid e sta disputando una stagione da vero leader. In Liga sta viaggiando a 14 punti, 6 rimbalzi e 4 assist di media e la sua squadra è prima in classifica con 7 vittorie e 1 sola sconfitta. In Eurolega dopo un’ottima partenza, il Real si è un po’ fermato ma nonostante ciò Luka è alla sua migliore stagione europea. Da ricordare le performance contro Milano (27 punti e 41 di valutazione) e contro lo Zalgiris (28 punti e 35 di valutazione). Doncic ha già conquistato l’Europa ed è pronto e maturo per conquistare anche la NBA.

In America ancora c’è molto scetticismo, soprattutto tra i tifosi, su di lui. Molti siti lo danno tra la quarta e quinta scelta al prossimo draft, ma probabilmente non lo hanno visto nemmeno giocare. Luka è e sarà la prima scelta, nessuno è al suo livello. Troppo presto per parlare? Forse, ma siamo di fronte sicuramente a qualcosa di speciale che ci ricorderemo per molto tempo.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Diplomato al Liceo Scientifico Statale “Ettore Majorana” (maturità scientifica) di Roma, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso l’università Roma Tre. È da sempre appassionato di sport e in particolar modo di Basket. Segue da anni il campionato della NBA con particolare interesse per i San Antonio Spurs. Ha collaborato come redattore e video maker con i siti Basketlive e Basketitaly pubblicando diversi articoli. Ha inoltre svolto attività di collaborazione sul canale youtube Roma Breaking Videos. Attualmente è l’addetto stampa della società romana Smit Roma Centro. VICE CAPOSERVIZIO SPORT


'Luka Doncic, il predestinato' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares