Maroni, condannato per oltraggio e resistenza al pubblico ufficiale, condanna la violenza

Le dichiarazioni rilasciate durante la trasmissione “Che Tempo Che Fa” il 17 gennaio 2010 dal Min. Roberto Maroni lascerebbero perplesso qualsiasi cittadino informato. Ma non Fabio Fazio che deve aver dimenticato di controllare la fedina penale del Ministro degli Interni. Avrebbe potuto fare una gran figura come giornalista (anzi, senza esagerare, avrebbe fatto semplicemente il ruolo del giornalista normale – ormai sempre meno diffuso in Italia).

Nello studio della trasmissione di RaiTre si parlava di rapporto tra parole e azioni. Fazio chiedeva a Maroni se poteva esserci un legame tra questi, riferendosi, ad esempio, al parlamentare europeo Borghezio che disinfettò le carrozze di alcuni treni su cui si trovavano immigrati di colore.

Maroni affermava che c’era da preoccuparsi solo nel momento in cui gli episodi portano ad episodi di violenza. Ma che non era il caso della Lega Nord, che invece, a detta del ministro, subisce frequentemente attacchi a gazebi e dirigenti.

Alla domanda di Fazio, che chiede se gli atti di violenza possano avere responsabilità politiche, Maroni da il meglio (o peggio) di se rispondendo: “Per me il violento è violento a prescindere. Se ci fosse un leghista preso a fare un atto di violenza ovviamente per me vale esattamente come un qualsiasi altro criminale”

Ma Maroni dimentica che a suo carico vi è una condanna definitiva a 4 mesi e 20 giorni di reclusione per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale per aver impedito a degli agenti inviati dalla Procura di Verona nell’ambito dell’inchiesta sulla “Guardia Nazionale Padana” (siamo nel 1996) di poter perquisire la sede del partito in via Bellerio a Milano. L’attuale Ministro Maroni, si distinse per aver aver tentato di mordere il polpaccio di un agente.

Vuoti di memoria. Di ministri e giornalisti.

FRANCESCO ANGELI

AGGIORNAMENTI (MARZO 2010):

L’altra inchiesta in cui era implicato, era quella che lo vedeva imputato come ex capo delle camicie verdi per attentato contro la Costituzione e l’integrità dello Stato e creazione di struttura paramilitare fuorilegge. I primi due reati furono notevolmente ridimensionati da la solita riforma ad personam varata dal Governo Berlusconi alla fine della legislatura 2001-2006 mentre il terzo reato è stato abrogato, alla fine del 2010, dal Ministro per la semplificazione legislativa Roberto Calderoli. Si è andati infatti ad abolire – all’interno del Dl 15.3.2010 n. 66 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’8 maggio col titolo “Codice dell’Ordinamento Militare” – il “Dl 14.2.1948 n. 43”: che prevedeva il carcere da 1 a 10 anni per “chiunque promuove, costituisce, organizza o dirige associazioni di carattere militare, le quali perseguono, anche indirettamente, scopi politici” e si organizzano per compiere “azioni di violenza o minaccia”. (Matteo Marini)


About

Originario di Campobasso, vive attualmente a Roma. Politologo, specializzato in Unione Europea, è cronista di Wild Italy sin dalla sua fondazione e da ottobre 2014 passa alla sezione blogger. Presidente Arcigay Roma. BLOGGER DI WILD ITALY


'Maroni, condannato per oltraggio e resistenza al pubblico ufficiale, condanna la violenza' have 8 comments

  1. 10 settembre 2010 @ 9:25 pm mah

    Potrei anche io se fossi un mafioso con qualche poteruccio giusto, prendere il tuo ip scovare chi sei, mandarti due terronazzi poliziotti a casa a strapazzarti un pochetto e poi sporcarti la fedina penale, sarebbe facilissimo e sono giochetti che i mafiosi fanno sempre ma vedi come maroni li ha messi in gattabuia tutti quanti in neanche DUE ANNI di mandato.
    TRENTA LATITANTI MAFIOSI PRESI IN DUE ANNI.
    Viva maroni, chi se ne frega delle fandonie.

  2. 11 settembre 2010 @ 12:30 am Francesco Angeli

    si certo,

    peccato che sono i giudici e le forze dell’ordine ad arrestarli.

  3. 30 settembre 2010 @ 5:41 pm drita vushaj

    potette scrivere tuttu male sulla figura del ministri d’interno. vi posso assicurare che: è il migliore MINISTRO nella stroria della Reublica Italiana, doppo la seconda guerra mondiale. li faccio i migliore auguri e che vada avanti finche grande signore GESU vorrà.

  4. 30 settembre 2010 @ 8:41 pm Francesco Angeli

    certo, anzi meglio di De Gasperi. Il salvatore dell’Italia…le mafie saranno presto sconfitte grazia a lui…
    Ma con una condanna.

    per favore…non scomodi Gesù…

  5. 18 dicembre 2010 @ 7:27 pm andrea

    maroni e’ come il suo capo , racconta solo falsita’ . Bossi dichiara di avere fatto 3 esami all’universita’ e di averli superati , falso e’ sempre stato bocciato , e per di piu’ ha invitato amici e parenti e fatto feste per queste …bocciature.
    Da giovane andava in giro con il camice verde spacciandosi per un dottore, pazzo.
    Tutte le volte usciva da pontida con qualche cosa di nuovo da fare punto su punto…la devolution, il federalismo , la creazione di una nuova nazione, una nuova moneta , via comuni e provincie…..mai fatto niente………peggio, molto peggio di wanna marchi.

  6. 23 febbraio 2011 @ 7:48 pm DRITA VUSHAJ

    Caro Ministro MARONI! Noi immigrati regolari e lavoratori non siamo tranquili con questo flusso dei refuggiati. Comprendo i loro raggioni di GUERRA come è sucesso anche nel nostro paese. Però ATTENSIONE. Il mio paese era pronto per la vera Libertà, perche esisteva un programma democratica, una costituzione tutta da cambiare in qui albanesi con aiuto delle Forze Multinazionale ONU abbiamo creato un Governo provisore verso elezione elettorele. Ma in LIBIA per 40 anni ha governato solamente l’unico lider GEDAFFI. Con rispetto per il popolo libanese, io non credo che è pronto per la vera DEMOCRAZZIA . Ho paura che dietro di questa GUERRA malvaggia sia la mano di ALKAEDA. E mezzo dei refugiati sia qualquno braccio destra di BILADEN che proclamanno La Gerra Santa. Vi dico: Non esiste nessuna guerra santa. Tutte le GUERRE sono condanati dal Nostro DIO Ognipotente. Il nostro DIO mori per il nostro AMORE. Cordiali Saluti dott/ssa DRITA VUSHAJ. cell 333 1850091, e-mail missdrita@tiscali.it

  7. 4 maggio 2011 @ 7:09 pm DRITA VUSHAJ

    Attualmente l’unico partito seria à La LEGA NORD. Ci piace o non ci piace all’oposizione non me ne frga niente. Maroni, Alfano, Gelmini, Calderoli e Bossi questa volte ne avete fate un ben lavoro sulle riforme in qui veramente ITALIA ne aveva bisogno.State UNITI. Un abraccio alla nostra LEGA NORD. Ricercatrice e Mediatrice Culturale. dott/ssa VUSHAJ DRITA. cell 333 1850091, e-mail missdrita@tiscali.it

  8. 26 giugno 2015 @ 9:44 pm Gerdardo Rigon

    “Potrei anche io se fossi un mafioso con qualche poteruccio giusto, prendere il tuo ip scovare chi sei, mandarti due terronazzi poliziotti a casa a strapazzarti un pochetto e poi sporcarti la fedina penale, sarebbe facilissimo e sono giochetti che i mafiosi fanno sempre ma vedi come maroni li ha messi in gattabuia tutti quanti in neanche DUE ANNI di mandato.”

    nord “italiani”, signore e signori. non importa quanto i fatti dimostrino quanto corrotti, proni alla delinquenza e razzisti siano questi, trovano sempre un modo per giustificarsi. fate schifo.


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares