Maxi-operazione antimafia: ecco la Calabria che tenta di rialzarsi.

Reggio Calabria – 30 sett. E’ scattata questa mattina l’operazione “Epilogo”, messa in atto dai Carabinieri, su ordine del Gip del tribunale di Reggio Calabria: sono finiti in manette 22 esponenti della cosca dei Serraino, tra i quali figurano i responsabili delle intimidazioni al giornalista d’inchiesta Antonino Monteleone e i 4 indagati per l’attentato intimidatorio notturno alla Procura Generale del capoluogo lo scorso 3 gennaio. E’ stato disposto il sequestro di beni per un valore pari a 1.500.000 €, tra i quali negozi, appartamenti e lo scooter usato nell’attentato alla Procura. Le accuse vanno da associazione di stampo mafioso (estorsione, minacce e danneggiamento aggravati) a reati di natura economica fino a oltraggio.

Pochi giorni fa la manifestazione contro la mafia e il Procuratore Generale, simbolo di una Calabria “che vuole rialzarsi”, avevano già espresso il loro desiderio di vivere senza le catene di un sistema fatto di sangue e connivenze e silenzi. Le forze dell’ordine e la magistratura compiono sforzi immani, nonostante i tagli e gli ostruzionismi, per garantire il rispetto della legalità. Gli stessi cittadini, i giovani, iniziano ad alzare la testa.

Ma tutto questo non servirà a nulla e la politica continuerà ad avere connivenze e interessi con le ‘ndrine e se l’informazione dei telegiornali berlusconiani non avrà altri argomenti che le partite di calcio e l’ultimo orsacchiotto dello zoo di Berlino.

MAX ZUMSTEIN



'Maxi-operazione antimafia: ecco la Calabria che tenta di rialzarsi.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares