Missione di pace un cazzo!

Questo vuole essere uno sfogo irriverente, senza peli sulla lingua e contrario ad ogni mia idea di articolo. Ma non è più possibile stare zitti di fronte alle menzogne che lo stato italiano ci propina ogni giorno.

Il 31 Dicembre è morto il tredicesimo, per il 2010, militare italiano impiegato sul fronte Afghano di GUERRA – e che nessuno si azzardi a dire la parola pace – raggiungendo il numero totale, dall’inizio della GUERRA (le ripetizioni di questa parola non sono casuali) di trentacinque vittime.
E allora sapete cosa vi dico? Vi dico che mi sono rotto le palle di sentire questi porci di politici di merda che continuano a rimestare in questa pantomima della “missione di pace” che vede ogni anno decine di caduti. Questa GUERRA spezza intere famiglie che non rivedranno più il loro figlio, marito o padre che per ideologia, convinzione o necessità monetaria – perchè non nascondiamoci dietro un dito, i militari impiegati all’estero prendono bei soldoni – partono con la speranza di tornare con le proprie gambe e proseguire una vita felice, ed invece rientrano in una cassa di legno massiccio portata da 6-7 commilitoni e con il suono di una tromba che straccia la voglia di vita dei loro parenti. Che distrugge ogni singolo cuore ed ogni singolo animo.

Delle mani del Capo dello Stato o del Ministro delle Difesa poggiate sulla bara, statene certi, ne farebbero a meno e anzi, se potessero, gliele taglierebbero perchè anche in quei momenti i protagonisti diventano loro che ripetono ogni cazzo di volta le stesse parole e che mettono in ombra chi in realtà avrebbe davvero bisogno di sostegno, cioè i familiari. E invece la TV ne approfitta e inquadra, imperterrita, il pianto infinito della madri che hanno perso un figlio, delle mogli che non rivedranno più il loro marito o di un figlio, che forse non se ne è ancora reso conto, ma che non conoscerà mai suo padre. Ma dopo questi primi piani la telecamera si sposta subito sul rappresentante delle istituzioni di turno che, volente o nolente, usa quel contesto per mostrarsi più umano e per raggranellare qualche voto in più.

E allora dico vaffanculo a tutti questi personaggi. Vaffanculo a La Russa che continua a dire grazie a queste persone: un grazie che non sentiranno mai, solo per colpa sua! Vorrei essere come Michael Moore che, per far capire ai dirigenti di stato americano che la GUERRA in Afghanistan è inutile perché persa in partenza, andava da loro a chiedergli se volevano arruolare il proprio figlio: indovinate la risposta. Perché, Ministro La Russa o anche Onorevole Di Pietro, non fa arruolare suo figlio, anzichè sistemarlo in poltrone calde e comode, così da poterlo ereggere a salvatore della Democrazia? Voglio una risposta, Cristo!
Vaffanculo a Berlusconi che approfitta di queste situazioni per fare campagna elettorale.
Vaffanculo a TUTTI quei politici bastardi, destra, sinistra e centro mangia pane a tradimento che non hanno la minima idea di che cosa voglia dire perdere un figlio, un marito, un padre o un fratello in giovane età. Quando ancora tutta la vita è davanti a te e speri, un giorno o l’altro, di poter stringere di nuovo quel corpo tornato a casa e dirgli “ci sei mancato!”.
Poi invece la realtà ti viene sbattuta in faccia con la stessa forza con cui quel proiettile o quella bomba ha ucciso la persona che ami. E allora non ti resta che stringere una mano fredda e inanimata di un corpo senza vita e irriconoscibile, tanto che ti verrebbe da dire che quello “non è lui!”, e dirgli, guardandolo per l’ultima volta e senza essere ricambiati, “ci mancherai per sempre”, accompagnato poi dalla melodia del “Signore delle Cime” fuori dalla chiesa che ti frantuma l’animo e ti ammazza dentro definitivamente…

GIAMPAOLO ROSSI
giampross@katamail.com


About

Residente a Belluno, studia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna alla facoltà di Lettere, con indirizzo storico, per poi specializzarsi in giornalismo. giampross@katamail.com


'Missione di pace un cazzo!' have 1 comment

  1. 4 gennaio 2011 @ 2:41 pm Fra

    sono giunta alla conclusione che le parole non bastano più….


Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares