mondiali-di-ciclismo

Mondiali di ciclismo 2016: tutti i risultati delle gare

Dal 9 al 16 Ottobre si è disputata l’edizione 2016 dei Mondiali di ciclismo, che si è disputata per l’occasione in Qatar. Questa edizione ha subito anche il cambiamento del percorso, con la fase  nel deserto che è stata prolungata.

L’INIZIO.

mondiali di ciclismoI Mondiali di ciclismo di Doha sono partiti il 9 ottobre con la cronometro a squadre, vinta dalla belga Etixx-QuickStep, che ha battuto la Bmc – vincitrice nelle ultime due edizioni in questa specialità – per soli 12 secondi.

La gara si è decisa nelle battute finali, quando il team belga ha aumentato la velocità, con la Bmc che non è riuscita a mantenere il ritmo. Al terzo posto è giunta la Orica-BikeExchange.

LA PRIMA MEDAGLIA AZZURRA E IL DOMINIO TEDESCO TRA GLI UNDER.

Il 10 Ottobre si è disputata la cronometro Juniores femminile e, nell’occasione, è arrivata la prima medaglia per  l’Italia a questi mondiali, conquistata grazie all’argento dalla campionessa europea Lisa Morzenti. Le altre due italiane, Alessia Vigilia e Elena Pirrone, hanno concluso la gara all’ottavo e decimo posto. La vittoria è andata all’olandese Swinkels; sul gradino più basso del podio è finita, invece, la francese Labous. Da segnalare anche le tante polemiche per il grande caldo, che il giorno prima aveva causato non pochi problemi ai ciclisti impegnati nelle corse.

Grande protagonista la Germania nella cronometro maschile riservata agli under 23. Il team tedesco, infatti, ha conquistato oro e argento; la prima è stata conquistata da Marco Mathis mentre la seconda da Maximilian Schachmann. La medaglia di bronzo finisce al collo dell’australiano  Miles Scotson.

Attimi di paura si sono vissuti durante la corsa, quando un’ambulanza è passata lungo il percorso restringendosi verso Mathis, che è riuscito comunque a passare senza problemi. Per l’Italia la delusione più grande è rappresentata da Edoardo mondiali-di-ciclismo-5Affini, che si è presentato all’appuntamento mondiale come vice campione europeo, chiudendo però solamente ventesimo.

IL RITORNO ALLA VITTORIA DELLA NEBEN E IL QUARTO TRIONFO DI MARTIN.

Martedì è stata emozionante la vittoria dell’americana Amber Neben nella cronometro femminile, tornata alla vittoria mondiale dopo il trionfo ottenuto durante l’edizione 2008 disputatasi a Varese; per lei un legame speciale con il nostro paese, visto che corre anche con una squadra italiana. Medaglia d’argento, invece, all’olandese Ellen Van Dijk mentre il bronzo va all’australiana  Katrin Garfoot.

La cronometro maschile è stata vinta dal tedesco Tony Martin, che coglie la quarta vittoria in carriera dopo i tre trionfi consecutivi al Mondiale tra il 2011 e il 2013, raggiungendo così Fabian Cancellara, vincitore di quattro  cronometro consecutive dal 2006 al 2010. La medaglia d’argento è andata al bielorusso Vasil Kiryienka; la medaglia di bronzo è invece finita nelle mani dello spagnolo Jonathan Castroviejo.

LA VITTORIA DI  HALVORSEN.

Giovedì 13 Ottobre sono iniziate le gare di corsa in linea. La prima a disputarsi è stata quella riservata agli under 23, in un percorso di 165 chilometri; ad arrivare per primo sulla linea del traguardo è stato il norvegese Kristoffer Halvorsen in una gara condizionata da molte cadute, tra cui il nostro connazionale Filippo Ganna.

Grande soddisfazione per  un altro italiano in gara: Jacub Mareczko, che ha conquistato la medaglia di bronzo mondiali-ciclismo-2dopo essere rimasto fino all’ultimo dietro alla coppia formata da Halvorsen e dal tedesco Pascal Ackermann, che si è preso l’argento.

L’ORO DELLA BALSAMO E LA DELUSIONE DI MOZZATO.

Venerdì è arrivata la gioia più grande per l’Italia in questi Mondiali di ciclismo. Nella corsa juniores riservata alle donne a trionfare è stata Elisa Balsamo, che ha vinto arrivando sulla linea del traguardo con un discreto vantaggio, messo in cascina grazie soprattutto al lavoro delle sue compagne di squadra. La Balsamo, inoltre, quest’anno ha conquistato anche il Mondiale su pista e nell’inseguimento a squadre.

La corsa si è decisa in volata, quando il gruppo delle azzurre si è staccato dal resto delle inseguitrici. A nulla sono valsi i tentativi dell’americana  Skylar Schneider e della norvegese Susanne Andersen, che si sono dovute accontentare ella medaglia d’argento e di bronzo. Subito dopo la gara, una Balsamo felice per il risultato raggiunto, ha dichiarato: “Questa è una vittoria per tutto il movimento femminile in Italia”.

Delusione per l’Italia nella gara maschile, con Luca Mozzato che ha terminato la gara al quarto posto. L’italiano al traguardo era convinto di essere arrivato terzo, salvo poi essere smentito dalle telecamere. La gara si è accesa a 9 chilometri dalla fine, quando i danesi Johansen e Egholm sono scattati in fuga: il secondo si è aggiudicato l’oro. Si è verificata invece una battaglia allo sprint per la medaglia d’argento, conquistata poi  dal tedesco Markl. Lo svizzero Muller si è preso il bronzo.

IL BIS DI PETER SAGAN.

La gara che ha chiuso i Mondiali di ciclismo si è svolta domenica 16. A vincere è stato Peter Sagan. Per lo slovacco è il secondo successo consecutivo dopo quello ottenuto a Richmond nel 2015, per un bis mondiale che non si ripeteva dal 2007, quando Paolo Bettini trionfò a Stoccarda dopo aver vinto l’anno prima a Salisburgo.mondiali-di-ciclismo-sagan

La gara si è accesa dopo la frazione corsa nel deserto, in un percorso modificato solo ad agosto, quando si è formato un gruppo di 26 ciclisti. Tra questi c’erano anche gli italiani, compreso il campione nazionale Giacomo Nizzolo. A scattare per primo è stato Leezer, che ha sorpreso gli altri del gruppo quando mancavano 5 chilometri alla conclusione. L’olandese sembrava ormai sicuro della vittoria finché, a 2 chilometri dall’arrivo, è stato raggiunto dal resto degli inseguitori.

A quel punto a scattare è stato il nostro Nizzolo, seguito da Mark Cavendish. Tra i due è sopraggiunto però Sagan, che, allo sprint, ha superato tutti gli altri conquistando la medaglia d’oro. Secondo Cavendish, terzo il belga Tom Boonen. Nizzolo si è dovuto accontentare del quinto posto.

Si va in Norvegia.

Si è chiusa così l’edizione 2016 dei Mondiali di ciclismo. Nonostante le polemiche per il caldo e il pochissimo pubblico, l’ex campione Eddy Merckx ha comunque dichiarato che con l’assegnazione al Qatar si è voluta premiare la grande passione che questo paese nutre per il ciclismo.

Appuntamento al prossimo anno, con la manifestazione iridata che approderà in Norvegia.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Romano, diplomato al liceo linguistico Hegel, frequenta il corso di Scienze della Comunicazione all'Università Roma tre. Appassionato di sport, ha collaborato con Centro Mare Radio e attualmente scrive per Torremare e L'ortica, due riviste online. COLLABORATORE SEZIONE SPORT


'Mondiali di ciclismo 2016: tutti i risultati delle gare' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares