Monti e la Manovra. Le parole pesano tantissimo. Il passato non si può dimenticare.

Riguardando la puntata di Porta a Porta dello scorso 6 dicembre, quella in cui Vespa intervistava il Premier Monti per illustrare la manovra, non sono riuscito a capire chi era il giornalista, né tanto meno se il passato abbia ancora un valore.

Mi spiego meglio. Ho visto l’esatto opposto di quello che in una circostanza simile dovrebbe accadere: il sano giornalismo in stile “watch dog” – cane da guardia -, interessato a portare a galla le cose più importanti, le questioni più spinose, quelle più care agli italiani.

Certo, ormai dovrei sapere che si tratta di un giornalismo per lo più mandato in soffitta, ma non si può nemmeno fare di questo lavoro uno spettacolo simile a “un the con i pasticcini”, lasciando parlare a ruota libera una delle più alte cariche dello Stato – centro di interesse nazionale e internazionale in una fase economica così delicata – dipingendo semplicemente la manovra come un sacrificio necessario comprensibile e da comprendere. Ci si aspetta di più da un programma del servizio pubblico.

E mentre, durante lo show, il sociologo Renato Mannheimer spiegava come la fiducia nel Premier fosse scesa solo del 10% dopo la presentazione della manovra (passando dal 74% del 25 novembre al 64% del 5 dicembre), io non potevo fare altro che pensare e ripensare alla parole di Monti: “se i giovani italiani oggi non trovano lavoro questo è anche perchè per decenni nel passato il mondo politico per avere consenso soddisfaceva tutte le istanze, caricando le povere spalle degli italiani che non erano ancora nati di grande debito che adesso c’è su quelle spalle.”

E ora mi domando se a nessun altro a parte me – Vespa in primis – sia venuto in mente di chiedere al Primo Ministro di quali istanze stesse parlando: forse non ricorda Tangentopoli e i soldi che la classe politica – non sufficientemente rinnovata – ha fagocitato negli anni. E ancora più, non si rende conto che, oggi, 945 (il numero dei Parlamentari italiani, ndr.) moltiplicato per 11.704 euro (lo stipendio mensile procapite, ndr.) equivale a una spesa annua pari a 11.060.280 di euro.

Io sono uno di quei giovani di cui parla Monti. Tangentopoli non l’ho vissuta, ma l’ho studiata. Oggi sono senza lavoro o quasi, credo poco nei politici e soprattutto credo che la politica costi troppo al popolo che già le delega la cosa più importante che ha: la propria sovranità.

Forse si sarebbe potuto risparmiare qualche sacrificio agli italiani, chiedendone fin da subito qualcuno ai nostri politici, decisamente i più cari d’Europa.

MARCO BARUFFATO

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'Monti e la Manovra. Le parole pesano tantissimo. Il passato non si può dimenticare.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares