Rookie

NBA, i cinque candidati al titolo di Rookie of the Year

Dopo aver parlato dei possibili candidati MVP di questa stagione, in questo nostro secondo speciale andremo a vedere chi può aggiudicarsi invece il titolo di Rookie dell’anno. Tante le matricole che per ora hanno colpito l’attenzione dei media, meno invece quelle che hanno deluso. Andiamo a vedere chi sono i cinque giocatori migliori in questa prima parte di campionato.

1. Ben Simmons, Philadelphia 76ers

È sicuramente Ben Simmons il giocatore da superare per ambire al titolo di Rookie dell’anno. L’ala dei 76ers sta disputando una stagione straordinaria, sopra le aspettative. Simmons ha realizzato 4 triple doppie ed è andato 12 volte sopra la quota 20 punti (una volta ha realizzato 31 punti). Nonostante sia una matricola, gioca con molta intelligenza che pochi hanno alla sua età. Assieme a Embiid, sta guidando Philadelphia ai playoffs e soprattutto, in attesa di Fultz, a un futuro luminoso.

 

2. Donovan Mitchell, Utah Jazz

Scelto alla chiamata numero 13, Mitchell è senz’altro uno dei giocatori che ha stupito di più in questo inizio di stagione. Nessuno si aspettava un rendimento così, eppure Spider, così il suo soprannome, è diventato il leader offensivo degli Jazz. Ha da poco superato il record di Karl Malone di partite con più di 20 punti a referto (il postino ne aveva realizzate 18) e il suo career high è di 41 punti realizzati contro i Pelicans. Riuscirà a portare Utah alla post-season?

 

3. Lauri Markkanen, Chicago Bulls

Il finlandese visto con la maglia della nazionale agli scorsi europei, ha colpito l’attenzione dei media fin dalle primissime partite. I Bulls con la partenza di Butler e di Wade cercavano un terminale offensivo e un giocatore duttile e lo hanno trovato in Markkanen. Lauri ha dimostrato in questa prima parte di stagione di meritare il premio di Rookie dell’anno. 9 sono le volte in cui ha realizzato una doppia doppia (punti e rimbalzi) e 2 le volte invece dove ha toccato quota 30 punti.

 

4. Kyle Kuzma, Los Angeles Lakers

Il cosiddetto “Steal of the Draft” è sicuramente Kyle Kuzma. Scelto alla chiamata numero 27, Kuzma è tra i migliori rookie per rendimento in campo. Coach Walton gli ha dato fin da subito fiducia e il nativo del Michigan l’ha subito ripagato. Kyle ha già realizzato 14 gare in cui ha toccato o superato i 20 punti e la sua migliore perfomance offensiva è di 38 punti contro i Rockets.

 

5. Lonzo Ball, Los Angeles Lakers

All’ultimo posto c’è Lonzo Ball, il giocatore più chiacchierato e con più aspettative di tutta la NBA. Il figlio di Lavar ha deluso le aspettative fino ad ora, alternando buone prestazioni a prestazioni pessime (soprattutto nel tiro). Zo ha però registrato 2 triple doppie ed è all’ottavo posto per assist distribuiti. Il potenziale c’è ma il play dei Lakers deve certamente migliorare le sue percentuali al tiro e non sentire sempre i consigli del padre.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!


About

Diplomato al Liceo Scientifico Statale “Ettore Majorana” (maturità scientifica) di Roma, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso l’università Roma Tre. È da sempre appassionato di sport e in particolar modo di Basket. Segue da anni il campionato della NBA con particolare interesse per i San Antonio Spurs. Ha collaborato come redattore e video maker con i siti Basketlive e Basketitaly pubblicando diversi articoli. Ha inoltre svolto attività di collaborazione sul canale youtube Roma Breaking Videos. Attualmente è l’addetto stampa della società romana Smit Roma Centro. VICE CAPOSERVIZIO SPORT


'NBA, i cinque candidati al titolo di Rookie of the Year' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares