NBA: Lo Spettacolo riparte da Curry

12200654_10207685950328481_69123229_n

E’ cominciato martedì scorso lo spettacolo più bello del mondo, con la stagione 2015/2016 della NBA. Lo show cestistico più affascinante ha riaperto così i battenti; ci accompagnerà fino a giugno prossimo, quando i Playoff e le Finals ci daranno i nuovi vincitori dell’anello. Tutti a caccia dell’ultimo MVP, Stephen Curry, e dei suoi Golden State Warriors, la squadra più forte.

DOVE ERAVAMO RIMASTI? STEPHEN CURRY!

Già da queste primissime uscite stagionali si può intuire che il copione, perlomeno quello principale, non è cambiato; Stephen Curry ha ripreso da dove aveva lasciato, così come i Golden State Warriors, che fin qui hanno messo a segno tre vittorie su tre. Inutile dire che saranno ancora loro la squadra da battere, nonostante alcune compagini si siano rinforzate.

Ma Curry è davvero lo stesso? A giudicare da queste prime apparizioni sembra proprio che il fuoriclasse dell’Ohio abbia ricominciato a marciare verso un’altra stagione da MVP, dimostrando ancora una volta di essere arrivato ad un livello, al momento, senza eguali. L’ultima prova ieri notte, in casa dei New Orleans Pelicans della stella nascente Anthony Davis, quando Stephen ha messo a segno ben 53 punti, con 28 solo nel terzo quarto. Il tutto condito da un assist no-look che ha lasciato pubblico e avversari increduli (in video). Ora come ora non può fermarlo nessuno: MVP ed anello, entrambi centrati nella scorsa annata, hanno donato solamente ulteriore carica ad giocatore fenomenale. Irreale è forse l’aggettivo più giusto per il suo inizio di stagione.

PALLA AGLI AVVERSARI.

Le altre squadre, come detto, sono tutte un gradino sotto a Golden State. La prima contendente, dati i precedenti recenti, rimane Cleveland, con i Cavs che in estate hanno confermato Lebron James e lo zoccolo duroLove e Irving su tutti – dimostrando di voler a tutti i costi una rivincita dopo la finale persa lo scorso anno. Gli avversari più in forma, però, sembrano essere gli Oklahoma City Thunder; la squadra di Westbrook e Durant è in questo momento quella più pericolosa, avendo centrato non solo tre vittorie su tre – come Golden State – ma anche il miglior attacco di questo inizio Regular Season.

Tra le altre squadre a punteggio pieno fin qui troviamo anche gli “eterni sconfittiLos Angeles Clippers, ad ovest, e le sorprese Detroit e Toronto, ad Est. Ottimo inizio anche per i Minnesota Timberwolves, possibile squadra rivelazione della stagione, che tra le loro maglie contano un terzetto di qualità invidiabile come Rubio, Wiggins e Towns e l’infinito Kevin Garnett, tornato “a casa” in estate. Occhio anche a quei vecchietti dei San Antonio Spurs, che con la conferma di Leonard e l’acquisto di Lamarcus Aldrige si ricandidano, ancora una volta, prepotentemente per le Finals. Pessimo invece l’inizio dei Los Angeles Lakers e degli Houston Rockets, che aspettano la miglior forma dei loro assi, Bryant e Harden.

Non resta che dare la parola al campo. La Regular Season ci accompagnerà per i prossimi sette mesi. Ogni squadra dovrà giocare ottantadue partite; anche le più infallibili impressioni d’inizio stagione potranno essere ribaltate. Lo spettacolo, quello vero, è comunque assicurato.

 

SE QUESTO ARTICOLO TI E’ PIACIUTO, SOSTIENI WILD ITALY CON UNA DONAZIONE!

Emanuele Di Baldo

Classe 1992, originario di Albano Laziale, consegue la maturità scientifica nel 2011 e nello stesso periodo inizia a collaborare con varie testate di livello locale. Sempre dal 2011 studia "Lettere Moderne" all'Università La Sapienza di Roma e diventa speaker ufficiale e blogger della web radio www.radioliberatutti.it, nella quale conduce un programma sportivo, a cadenza settimanale, dal nome "Sport 43". Dal 2013 scrive periodicamente per giornali cartacei come "VelletriOggi", "Il Corriere Tuscolano" e "Il Caffè dei Castelli Romani", con articoli che variano dalla cronaca all'attualità, dallo sport alla politica, passando per cultura e spettacolo. Appassionato, a volte maniacale, di sport, cinema, musica e motociclette, è cresciuto con la voglia di scrivere di ciò che più lo attira. VICEDIRETTORE DI WILD ITALY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Shares