Nevermind – Nirvana

Nell’insieme infinito degli avvenimenti, pochissimi sono in grado di cambiare di il corso della storia. Loro furono come un fulmine: si crearono, cambiarono il mondo, scomparvero. Ma gli echi del tuono, del loro tuono da 42 minuti e 38 secondi, si sentono fino ad oggi. La cosa incredibile è che, fosse stato per quel trio, non sarebbe dovuto cambiare nulla. But it’s real, it is… “Nevermind”.
Inutile dire chi sono il chitarrista/voce Kurt Cobain, il bassista Krist Novoselic e il batterista Dave Grohl; non serve conoscere il nome dell’album, ne che è stato pubblicato nel 1991 dalla Geffen Records. Si può arrivare anche a non amare il rock, a non saper neppure come si scrive. Basta vedere la copertina per capire: un neonato sommerso in acqua che, sorridente, insegue una banconota da un dollaro attaccata ad un amo. I Nirvana sono la band che è riuscita a produrre un album che, con un disco d’oro, uno diamante e 10 di platino, arrivando al 17° posto della classifica della rivista “Rolling Stone”, ha creato un genere: il grunge.

L’archetipo sono i riff iniziali di “Smell Like Teen Spirit” : celeberrimi, abusati, quasi rubati alla “Louie Louie” di Richard Berry.Il principio è la chitarra, grezza e irrisoluta. Poi la batteria, quasi picchiata, e il basso, che riportano ad una calma alternative rock solo apparente: finita la prima strofa, Kurt esplode in riff quasi selvaggi, portando ad una spirale di scale e registri metal e soft rock. In questo brano si rivivono pienamente il disagio e le contraddizioni di un uomo, un genio, incapace di relazionarsi con il mondo. Lo stesso titolo della canzone mostra i tratti dell’Io di Kurt Cobain: credendo che la scritta sul muro, fatta dalla “Bikini Kill” Hanna Kathleen durante una festa, volesse esaltare il suo spirito ribelle e giovanile, il chitarrista decise di utilizzarla per la sua canzone senza sapere che in realtà il “Teen Spirit” era un deodorante in voga tra i teenager. Il testo è l’apripista dell’intero album, incipit e presentazione con cui il trio usava irrompere all’arrivo nelle feste: “Hello (x16) […] Here we are now/ Entertain us”. Il tempo di riprendere fiato ed ecco che l’album prosegue con “In Bloom”, pezzo da capogiro che sposa gli stili di “Come as you are” e “Smell like teen spirit”, e spedisce in luna di miele le casse dello stereo durante l’amarissimo assolo centrale di chitarra.

E poi arriva il momento epico. Giro di basso malinconico che ha fatto storia, batteria pronta e marziale, la voce calda e gutturale di Kurt pronta a ispirarsi alla “Just an Old-Fashioned Love Song” di Paul Williams: “Come as you are” inizia proprio così. La seconda strofa si incentra su “And I swear that I don’t have a gun”, momento chiave di esasperazione rassegnata e sublime ripreso immediatamente dal ripetersi ossessivo di “Memoria” e dall’orgia edonistica in puro stile grunge prima della terza strofa. Un pezzo da svenimento, direbbe qualcuno. Anche di più: è da ascoltare e basta, almeno una volta nella vita. Non serve aggiungere altro, sarebbero parole utili solo per riempire il vuoto.

Le altre due grandi hit dell’album, almeno secondo le vendite, sono “Polly” e “Lithium”, pezzi criptici e melodici che hanno sbancato per il loro essere soft (stilisticamente parlando) nonostante mostrino con forza il disagio emotivo e l’instabilità psicologica di un personaggio alquanto labile. “Territorial Pissings”, invece, è un pezzo che non ha avuto giustizia: testo esplosivo, ritmo esagerato e prova di voce di Kurt, che nel finale arriva ad esprimere il proprio Io attraverso la ripetizione patologica dell’ultimo verso (“Gotta find a way/ a better way / when I’m there”) esasperato in urla animalesche e disperate. L’ultimo pezzo davvero da evidenziare è “Endless, Nameless”, la hide track di “Something in the way”. Le altre canzoni, tutte in perfetto stile rock/grunge, sono “Drain You”, “Lounge Act” e “Stay away”.

Registrato a Seattle, città di boscaioli ed operai il cui american dream si è trasformato in disagio ed alienazione, l’album rispecchia appieno il malessere di Kurt e la sua confusione. Il ragazzo di Aberdeen era diventato un icona, improvvisamente, ed essere un mito, per un musicista volubile e contraddittorio, può essere fatale. Questa scarica di 12 canzoni (13, se si considera l’hide track “Endless, Nameless”) può anche non piacere ai critici più fini: le accuse di plagio, i presunti “inciuci” con le case discografiche, la pubblicità esagerata e la commercializzazione dei sentimenti a buon mercato sono spettri onnipresenti e sfuggevoli che macchiano questo capolavoro. Illazioni? Potrebbero non esserlo, considerando anche le somiglianze del basso di “Come as you are” e di “Eighties” dei Killing Joke; la sottile linea rossa tra plagio e contaminazione artistica è oscura e ingannevole. Tuttavia il disco rimane una delle vette più alte e sublimi della musica rock anni ’90. Ogni collezione discografica decente dovrebbe averne una copia ben custodita.

MAX ZUMSTEIN

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'Nevermind – Nirvana' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Shares