Non è un paese per donne

Ci sono notizie davvero difficili da commentare, difficili da capire e soprattutto da accettare.
Proprio ieri ancora una volta ci siamo trovati di fronte una decisione di una Corte – quella di Cassazione – che sinceramente lascia senza parole, con tanta rabbia in corpo e una profonda tristezza d’animo.

Usano parole come “interpretazione estensiva” per far fare passi indietro ad un paese che non riesce ad andare avanti, e lo fanno su un argomento terribile come lo stupro di gruppo.
Credetemi faccio davvero fatica a scrivere, perchè non riesco a pensare ad un orrore tale. Il pensiero ora va a tutte quelle donne che con questo provvedimento si sentono doppiamente colpite, prima da un atto vile e meschino e poi da una legge che tratta la cosa con i “ma però” e a coloro che ora avranno sempre più paura di denunciare.

Sia chiaro non sono un giustizialista e credo fermamente nella legge, nel diritto e nelle garanzie per un accusato che devono essere alla base di una democrazia, ma oggi, davvero, mi domando perché un’istituzione come la cassazione, che dovrebbe essere al servizio del cittadino per il pieno rispetto della legge, debba arrivare a fare dei distinguo del genere, debba arrivare ad insultare le vittime di uno stupro, debba arrivare a far sentire sole queste persone ancora una volta.

Parlano di “uguaglianza davanti alla legge”, di “libertà personale” e di “funzione della pena”, qualcuno vede qualche riferimento a chi subisce questo crimine?
Uguaglianza, libertà, pena… E l’uguaglianza della vittime? E la loro libertà rubata? E la pena che hanno dovuto subire e che si porteranno dietro?

Era il 1988, avevo 13 anni e ricordo ancora la prima volta che ascoltai la canzone di Barbarossa a Sanremo quell’anno…

Chissà chi era cosa voleva
Perché ha ucciso i miei pensieri
chissà se un giorno potrò scordare
e ritornare quella di ieri

…ricordo ancora i brividi provati.
24 anni dopo sappiamo chi sono ma continuiamo a non capire perché giorno dopo giorno uccidono i pensieri della persone, ora anche per legge.

LUCA PUGLISI

Segui Wilditaly.net anche su:

Facebook

Twitter

Youtube

Google+

Friendfeed



'Non è un paese per donne' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Shares